Gei­jo: «I miei gol? Fe­li­ce ma ciò che con­ta è la squa­dra»

Il Gazzetino (Venezia) - - Portogruaro -

Sod­di­sfa­zio­ne tra i vol­ti dei gio­ca­to­ri del Venezia, for­ti del 3-1 in ri­mon­ta su Te­ra­mo che ha ri­por­ta­to i tre pun­ti in la­gu­na e an­che la vet­ta. Spe­cial­men­te su quel­la di Ale­xan­dre Gei­jo, au­to­re di due gol fon­da­men­ta­li: il pri­mo, quel­lo del pa­reg­gio che ha ri­mes­so il Venezia in car­reg­gia­ta, ed il ter­zo, quel­lo che ha mes­so la par­ti­ta in ghiac­cio: «Mi fa sem­pre pia­ce­re se­gna­re, ma non è la co­sa più im­por­tan­te. Quel­lo che con­ta di più è da­re tut­to per la squa­dra, ol­tre ov­via­men­te al­la vit­to­ria». I gol fi­no ad ora han­no fa­ti­ca­to ad ar­ri­va­re, ma que­sto non è mai sta­to un pro­ble­ma: «Sia­mo la squa­dra con la mi­glior di­fe­sa, que­sto con­ta mol­to. Nel­lo spo­glia­to­io sia­mo con­sa­pe­vo­li del­la no­stra for­za e del fat­to che i gol sa­reb­be­ro ar­ri­va­ti pri­ma o poi». Fan­no eco a que­ste pa­ro­le quel­le di Vit­to­rio Fa­bris, al­tro mar­ca­to­re di gior­na­ta: «Crea­mo sem­pre una ma­rea di oc­ca­sio­ni, non ab­bia­mo mai vis­su­to ma­le il fat­to di aver se­gna­to po­co fin'ora». Suo il gol del van­tag­gio che ha de­fi­ni­ti­va­men­te ri­bal­ta­to le sor­ti del­la par­ti­ta, ar­ri­va­to su una di quel­le si­tua­zio­ni sul qua­le il tec­ni­co In­za­ghi la­vo­ra mol­to: «Il mi­ster ci chie­de sem­pre di se­gui­re e di but­tar­ci sui cross che ar­ri­va­no dal la­to op­po­sto. Og­gi Ago­sti­no (Ga­ro­fa­lo, ndr.) ne ha mes­so dav­ve­ro splen­di­do, che mi ha re­ga­la­to la gio­ia del gol, al qua­le non so­no mol­to abi­tua­to ad es­se­re sin­ce­ro». Che ha con­tri­bui­to a vin­ce­re un'al­tra par­ti­ta di quel­le fa­ci­li sul­la car­ta, se ne esi­sto­no, ma sem­pre pron­te a ri­ser­va­re mil­le in­si­die: «Que­sto è il gi­ro­ne più dif­fi­ci­le, con Par­ma, Reg­gia­na, Sam­be­ne­det­te­se ol­tre a tut­te le al­tre. An­che il Te­ra­mo, che si è pre­sen­ta­to qui or­ga­niz­za­to e gio­can­do a vi­so aper­to, a dif­fe­ren­za di al­tre». Ga­ro­fa­lo sot­to­li­nea co­me l'al­le­na­to­re stia la­vo­ran­do mol­to per ar­gi­na­re i pro­ble­mi dei pri­mi mi­nu­ti di gio­co: «Il mi­ster sta bat­ten­do tan­to su que­sto fat­to­re, pren­dia­mo il gol e poi rea­gia­mo. Og­gi pe­rò è sta­to di­ver­so ri­spet­to do­me­ni­ca sco­ra, per­ché lo­ro, obiet­ti­va­men­te, han­no tro­va­to un gran ti­ro sen­za pe­rò co­strui­re mol­to in pre­ce­den­za. Dob­bia­mo si­cu­ra­men­te la­vo­ra­re sull'ap­proc­cio per non an­da­re più sot­to». (a.fur.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.