In­za­ghi: «Bra­vi a ri­bal­tar­la» Ta­co­pi­na: «Gran­de rea­zio­ne»

Il Gazzetino (Venezia) - - Portogruaro - An­drea Fur­lan

An­co­ra una vol­ta è ser­vi­to uno schiaf­fo per de­sta­re il Venezia, ed an­co­ra una vol­ta la ri­mon­ta si è com­ple­ta­ta. Ed il tec­ni­co Fi­lip­po In­za­ghi non può che es­se­re con­ten­to per i tre pun­ti con­qui­sta­ti dai suoi ra­gaz­zi e an­che per la vet­ta ri­con­qui­sta­ta: «An­che og­gi è sta­ta una par­ti­ta com­pli­ca­ta, co­me lo sa­ran­no tut­te fi­no al­la fi­ne dell'an­no - ha af­fer­ma­to l'al­le­na­to­re nel­la qua­le ab­bia­mo pre­so il se­sto le­gno in tre par­ti­te e tro­va­to del­le ot­ti­me pa­ra­te del lo­ro por­tie­re. Sia­mo sta­ti bra­vi a ri­bal­tar­la su­bi­to, dob­bia­mo con­ti­nua­re su que­sta stra­da, an­che se dob­bia­mo mi­glio­ra­re su al­cu­ni aspet­ti, co­me quel­lo del­la ge­stio­ne di pal­la quan­do sia­mo in van­tag­gio». Un van­tag­gio ar­ri­va­to do­po ave­re, per l'en­ne­si­ma vol­ta, crea­to mol­te oc­ca­sio­ni da gol: «In mol­ti han­no sot­to­li­nea­to co­me noi non fac­cia­mo mol­ti gol, ma c'è da di­re che quan­do fai 19-20 ti­ri in por­ta ogni par­ti­ta, co­me ab­bia­mo fat­to noi og­gi, pri­ma o do­po va den­tro. Ab­bia­mo ri­mes­so ap­po­sto la clas­si­fi­ca, e do­me­ni­ca an­dre­mo a Mo­de­na se­re­ni». For­ti an­che dei due gol di Gei­jo: «Pri­ma o poi gli at­tac­can­ti si sbloc­ca­no, lui è sta­to bra­vo per­ché non è fa­ci­le far­si ma­le il pri­mo gior­no di ri­ti­ro, tra fuo­ri 50 gior­ni e ri­tro­va­re la con­di­zio­ne». An­che per­ché i gol fan­no co­mo­do, so­prat­tut­to in un cam­pio­na­to in cui le par­ti­te so­no spes­so ti­ra­te: «Nes­su­na par­ti­ta fi­ni­sce 5-0, i va­lo­ri del­le squa­dre in que­sto gi­ro­ne so­no trop­po si­mi­li. Ci dob­bia­mo gua­da­gna­re la pa­gnot­ta tut­ti i gior­ni, la­vo­ran­do so­do, non ba­sta es­se­re il Venezia per vin­ce­re il cam­pio­na­to. Per il mo­men­to so­no mol­to con­ten­to, sia­mo una squa­dra nuo­va, con un al­le­na­to­re nuo­vo, che do­po 7-8 par­ti­te sta cer­can­do di tro­va­re il pro­prio equi­li­brio, ed ha am­pi mar­gi­ni di mi­glio­ra­men­to. Quan­do lo fa­re­mo, so­no si­cu­ro che sa­re­mo una squa­dra dav­ve­ro osti­ca per chiun­que». Pre­sen­te al­lo sta­dio an­che il pre­si­den­te Joe Ta­co­pi­na: "Tre pun­ti so­no sem­pre tre pun­ti com­men­ta il nu­me­ro uno aran­cio­ne­ro­ver­de non sia­mo an­da­ti be­nis­si­mo nel pri­mo tem­po, ma al­la fi­ne ab­bia­mo vin­to, e que­sta è la co­sa che con­ta di più. Noi sia­mo for­ti, non è fa­ci­le ve­ni­re a gio­ca­re qui, ma il Te­ra­mo era ben or­ga­niz­za­to, e fac­cio lo­ro i com­pli­men­ti. Quel­li che fac­cio ai ra­gaz­zi per la gran­de rea­zio­ne che ab­bia­mo vi­sto: so­no un gran­de grup­po e si ve­de, una ve­ra fa­mi­glia che la­vo­ra in­sie­me ed è sem­pre pron­ta ad aiu­tar­si.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.