1966, l’aqua Gran­da Venezia sul ba­ra­tro

Il Gazzetino (Venezia) - - Cultura & Società - DI EDOARDO PITTALIS

L' or­ro­re di­sce­se dai mon­ti quel 4 no­vem­bre 1966, co­me una ca­sca­ta che si por­ta­va den­tro al­be­ri, pez­zi di ca­se, car­cas­se, cor­pi. Il fu­ro­re dell'ac­qua di de­ci­ne di fiu­mi e tor­ren­ti si ro­ve­sciò sul Tri­ve­ne­to, fi­no all'adria­ti­co, e tra­vol­se tut­to. Un cen­ti­na­io di mor­ti, an­ne­ga­ti, spaz­za­ti via con le lo­ro co­se, vin­ti dal­la pau­ra su un ra­mo o su un tet­to. Poi Venezia che fu un pas­so dal­la scom­par­sa e qua­si si sen­tì mor­ta per un gior­no e un gior­no an­co­ra. Fu “l'aqua Gran­da”, la so­la da af­fi­da­re al­la me­mo­ria: né pri­ma né do­po ce ne so­no sta­te al­tre da me­ri­ta­re l'ag­get­ti­vo gran­dio­sa­men­te de­va­stan­te. Un dram­ma­ti­co no­vem­bre, an­co­ra una vol­ta me­se dell'ac­qua che scon­vol­ge e uc­ci­de e cam­bia la sto­ria. Co­me era ac­ca­du­to nel 1951 in Po­le­si­ne, lo stes­so gior­no, qua­si a ri­mar­ca­re che la sto­ria ha me­mo­ria. Di­ce un pro­ver­bio po­le­sa­no che l'ac­qua uc­ci­de in si­len­zio, ma que­sta vol­ta men­te: fa un ru­mo­re as­sor­dan­te, pau­ro­so, av­ver­te che sta pre­ci­pi­tan­do e che non la­scia scam­po. La fu­ria in­ve­ste le pro­vin­ce di Tren­to e Bel­lu­no, poi quel­le di Udi­ne e Venezia e ar­ri­va si­no al Po­le­si­ne. Si muo­re co­me l'ac­qua va a val­le, non c'è fiu­me che non tra­boc­chi, il Pia­ve è gon­fio, al Pon­te del­la Priu­la lam­bi­sce le ar­ca­te e sa­le si­no al li­vel­lo stra­da­le . Quel 4 no­vem­bre, an­ni­ver­sa­rio del­la Vit­to­ria, il pre­si­den­te del Con­si­glio Al­do Mo­ro è sta­to a Re­di­pu­glia e ar­ri­va da Vit­to­rio Ve­ne­to. E' pre­vi­sto che par­li in ri­va al Pia­ve, su un pal­co co­per­to, quan­do scat­ta l'al­lar­me sot­to un cie­lo ne­ro: tut­ti i sin­da­ci pre­sen­ti so­no mo­bi­li­ta­ti per l'al­lu­vio­ne. An­che in Piaz­za San Mar­co quel 4 no­vem­bre han­no is­sa­to il tri­co­lo­re per una ce­ri­mo­nia che non si fa­rà: la ban­die­ra re­ste­rà a sven­to­la­re su un ma­re di gon­do­le, bar­che e bar­chi­ni, ta­vo­li­ni dei bar. A Venezia sem­bra la fi­ne. La la­gu­na fun­zio­na co­me un pol­mo­ne: ogni sei ore la cor­ren­te en­tra e esce, ri­ce­ve l'ac­qua pu­li­ta dall'adria­ti­co e la re­sti­tui­sce spor­ca. Il ven­to si tra­sfor­ma in ne­mi­co in­con­trol­la­bi­le, lo sci­roc­co sof­fia a cen­to chi­lo­me­tri ora­ri e gon­fia un'on­da enor­me che mi­nac­cia la cit­tà. È pio­vu­to in­ces­san­te­men­te, la ma­rea sa­le fi­no a 176 cen­ti­me­tri al­le due del po­me­rig­gio, al­le 21 toc­ca i due me­tri e som­mer­ge ogni zo­na. Sa­rà il ven­to a sal­va­re Venezia, do­po mol­te ore, pla­can­do­si all'im­prov­vi­so e non spin­gen­do più ac­qua in la­gu­na. In un so­lo gior­no Venezia è som­mer­sa, ter­ro­riz­za­ta. Il ma­re al­za on­de e sfon­da ovun­que. Nell'iso­la di Pel­le­stri­na la gen­te si ri­fu­gia sui tet­ti, i bat­tel­li ca­ri­ca­no gli abi­tan­ti e li tra­spor­ta­no all'ospe­da­le al Li­do. Som­mer­si Bu­ra­no, Mu­ra­no, Sant'era­smo, la pe­ni­so­la del Ca­val­li­no. Venezia è spet­tra­le, li­vi­da co­me l'ac­qua che la ri­co­pre e il cie­lo che sta so­pra. I pia­no­ter­ra abi­ta­ti da quin­di­ci­mi­la per­so­ne so­no di­strut­ti, co­sì pu­re i ne­go­zi. La mer­ce è sta­ta por­ta­ta via dal­le ac­que. Sul Ca­nal Gran­de gal­leg­gia­no mo­bi­li, naf­ta, co­lom­bi, to­pi, ogni ge­ne­re di car­cas­sa. So­prat­tut­to la zo­na di Rial­to è sott'ac­qua. La se­de del Gaz­zet­ti­no, pa­laz­zo Fac­ca­non, è ina­gi­bi­le e il gior­na­le non può es­se­re stam­pa­to. L'al­lu­vio­ne rie­sce do­ve sol­tan­to il fa­sci­smo era riu­sci­to, do­po il de­lit­to Mat­teot­ti. Ma il si­len­zio du­ra un gior­no sol­tan­to, do­me­ni­ca 6 no­vem­bre il gior­na­le è in edi­co­la con un ti­to­lo si­gni­fi­ca­ti­vo, an­che se prov­vi­so­rio: “Un tra­gi­co bi­lan­cio. Le al­lu­vio­ni nel­le Tre Ve­ne­zie e in To­sca­na". Segue il con­to dei mor­ti e dei di­sper­si, ce ne so­no in ogni pro­vin­cia. Sui mu­ri e nel­le cal­li la naf­ta re­sta co­me la trac­cia del­la ma­le­di­zio­ne; le po­che fab­bri­che at­ti­ve non ria­pro­no. È lo svuo­ta­men­to di Venezia, l'ini­zio del­la gran­de fu­ga.

Piog­ge tor­ren­zia­li

e lo sci­roc­co che non la­sciò de­flui­re la ma­rea

Si toc­cò quo­ta due me­tri:

som­mer­si il cen­tro e le iso­le

AL­LU­VIO­NE San Gior­gio vi­sto da Piaz­zet­ta San Mar­co som­mer­sa dall’ac­qua

SGOMBERO Si ri­pa­ra­no le ca­se dai dan­ni pro­vo­ca­ti dall’al­lu­vio­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.