I ve­ri obiet­ti­vi del­la stra­na ar­ma­ta del No

Il Gazzetino (Venezia) - - Lettere & Opinioni - Mar­co Gervasoni

Si ca­pi­sce che l’even­to si pre­sta a si­pa­riet­ti gu­sto­si ma il te­ma è più che se­rio. A par­te al­cu­ne ec­ce­zio­ni, co­me il pre­si­den­te eme­ri­to Gior­gio Na­po­li­ta­no e gli ex ver­ti­ci del­le Ca­me­re Ca­si­ni, Vio­lan­te e Pe­ra, buo­na par­te del­la clas­se po­li­ti­ca del­la se­con­da e so­prat­tut­to del­la pri­ma re­pub­bli­ca si è schie­ra­ta per il No - e qui ba­sta fa­re so­lo i no­mi di Ci­ria­co De Mi­ta e di Gian­fran­co Fi­ni per ca­pi­re l’am­piez­za del fe­no­me­no. Sa­reb­be mol­to ri­dut­ti­vo scam­bia­re que­sto im­pe­gno per un sub­do­lo ten­ta­ti­vo di rien­tra­re in cam­po, di gio­ca­re un ruo­lo a li­vel­lo na­zio­na­le.

Buo­na par­te del­la clas­se po­li­ti­ca d’an­tan si è in­fat­ti al­za­ta con­tro la ri­for­ma Bo­schi per una ra­gio­ne cul­tu­ra­le. Al di là del­la sua por­ta­ta ef­fet­ti­va, la vit­to­ria del Sì in­car­ne­reb­be dal pun­to di vi­sta sim­bo­li­co qual­co­sa di ben più ra­di­ca­le: se do­ves­se pas­sa­re, la ri­for­ma se­gne­reb­be in­fat­ti il tra­mon­to di un’idea di po­li­ti­ca co­me con­so­cia­zio­ne, co­me con­ti­nua me­dia­zio­ne pat­ti­zia, in cui non si vin­ce né si per­de mai ve­ra­men­te.

Una con­ce­zio­ne che è tem­po di su­pe­ra­re, in no­me di una vi­sio­ne più com­pe­ti­ti­va e al tem­po stes­so me­no as­so­lu­ta di po­li­ti­ca, do­ve chi per­de per­de e al li­mi­te de­ve cer­ca­re di vin­ce­re (rin­no­van­do­si) la vol­ta suc­ces­si­va. Que­sto con­cet­to è pe­rò an­ti­te­ti­co a quel­la vis­su­to e pra­ti­ca­to non so­lo nel­la pri­ma re­pub­bli­ca ma an­che nel­la se­con­da: do­ve, al di là del­la re­to­ri­ca mag­gio­ri­ta­ria, del “bi­po­la­ri­smo mu­sco­la­re”, i co­stu­mi con­so­cia­ti­vi e pat­ti­zi han­no con­ti­nua­to a do­mi­na­re.

Non a ca­so Ber­lu­sco­ni, sce­so in cam­po nel ‘94 in no­me di una vi­sio­ne mo­der­na di po­li­ti­ca ma poi an­ch’egli ri­suc­chia­to dal pas­sa­to che non pas­sa, si è ben guar­da­to dall’in­trup­par­si nell’al­le­gra bri­ga­ta dei re­ve­nan­ts. Una bri­ga­ta che, nel ca­lo­re del­la pro­pa­gan­da, si è la­scia­ta poi tra­sci­na­re dal brut­to vi­zio di ori­gi­ne di al­cu­ni suoi com­pa­gni di stra­da: quel­la di de­mo­niz­za­re gli avversari. Se è ve­ro in­fat­ti che i to­ni di al­cu­ni espo­nen­ti del Sì non so­no sta­ti gra­de­vo­li, il li­vel­lo di ag­gres­si­vi­tà del­la squa­dra con­cor­ren­te ci pa­re de­ci­sa­men­te su­pe­rio­re. Non so­lo per­ché nel fron­te del No un ruo­lo di pri­mis­si­mo pia­no lo svol­go­no i de­mo­niz­za­to­ri per de­fi­ni­zio­ne, i 5 Stel­le, co­lo­ro per i qua­li gli avversari so­no «il ma­le, la pe­ste ros­sa» co­me ha det­to Gril­lo in un’oc­ca­sio­ne.

La te­si va­ga­men­te pa­ra­noi­ca che la ri­for­ma sia sta­ta scrit­ta per fa­vo­ri­re «la fi­nan­za in­ter­na­zio­na­le» e JP Mor­gan è sta­ta, per esem­pio, so­ste­nu­ta da scran­ni ben più au­to­re­vo­li dell’ex Di­ret­to­rio M5S. La po­li­ti­ca non è mai sta­ta un pran­zo di ga­la ma non è tra­sfor­man­do­la in una ga­ra di wre­stling che si co­strui­sce qual­co­sa. So­prat­tut­to quan­do in gio­co so­no le isti­tu­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.