Do­ma­ni ar­duo ban­co di pro­va in Cham­pions: c’è il Lio­ne

Il Gazzetino (Venezia) - - Calcio -

Nes­su­no (o po­chi) che si fos­se ac­cor­to di quan­to ma­le gio­ca­va, di quan­ta ca­sua­li­tà ci fos­se in quel­le vit­to­rie, di co­me la di­fe­sa (con­si­de­ra­ta for­tis­si­ma per via dei po­chi gol su­bi­ti) fos­se in real­tà vul­ne­ra­bi­le e te­nu­ta mi­ra­co­lo­sa­men­te in pie­di dal­le pa­ra­te di Han­da­no­vic e da­gli er­ro­ri de­gli avversari. Quan­do le une e gli al­tri son ve­nu­te me­no è sta­ta la fi­ne. La le­zio­ne-in­ter do­vreb­be far ri­flet­te­re an­che chi è con­vin­to che, per la Ju­ve, la que­stio­ne scu­det­to sia una for­ma­li­tà. Non è co­sì, al­me­no con que­sta Ju­ve che in due me­si ha gio­ca­to da Ju­ve un tem­po con la Fio­ren­ti­na, uno col Sas­suo­lo, i ven­ti mi­nu­ti fi­na­li con l’em­po­li, e in ca­sa col Ca­glia­ri. Poi è sta­ta qua­si sem­pre gri­gio­re e sof­fe­ren­za, con l’in­ter e la Lazio, e per­fi­no a Pa­ler­mo e in ca­sa con l’udi­ne­se.

Al­le­gri ha fra le ma­ni una squa­dra pie­na di ta­len­to (da­van­ti, die­tro e su­gli ester­ni) e al­ter­na­ti­ve ovun­que, tran­ne che nel­la fon­da­men­ta­le fon­te del gio­co, il cen­tro­cam­po: non ci vuo­le mol­to a ca­pi­re che i pro­ble­mi na­sco­no da qui, dal cuo­re del­la ma­no­vra, fi­no a due an­ni fa re­gno di Pir­lo, Pog­ba e Vi­dal e ora af­fi­da­to a Her­na­nes e Le­mi­na, ad un Pja­nic (quan­do c’è) che ha sì ta­len­to ma nean­che la me­tà del ca­ri­sma e del­la per­so­na­li­tà dei suoi pre­de­ces­so­ri, ad un Khe­di­ra che ha sì qua­li­tà ma an­che evi­den­ti li­mi­ti di­na­mi­ci. E se con le squa­dre di se­con­da a ter­za fa­scia que­sta Ju­ve ba­sta e avan­za, con le tre-quat­tro ri­va­li di sem­pre avrà vi­ta du­ra, lo si è vi­sto con l’in­ter e ades­so si at­ten­de il nuo­vo te­st mi­la­ne­se, sta­vol­ta a

RIN­FOR­ZI Al­le­gri spe­ra nel mer­ca­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.