«L’ab­bia­mo re­ga­la­ta noi»

Mo­ser: l’uo­mo giu­sto era Ben­na­ti ma l’han­no fat­to sem­pre ti­ra­re

Il Gazzetino (Venezia) - - Ciclismo - Sa­gan, bat­ti­bi­le? B. T.

«Bel­gio e Ita­lia han­no ser­vi­to il suc­ces­so a Sa­gan su un piat­to d'ar­gen­to».

È un giu­di­zio net­to e chia­ro quel­lo espres­so da Fran­ce­sco Mo­ser al ter­mi­ne del Mon­dia­le qa­ta­rio­ta. Pa­ro­le che ar­ri­va­no da chi un oro iri­da­to lo vin­se nel 1977, sen­za di­men­ti­ca­re l'ar­gen­to nell'an­no pre­ce­den­te e in quel­lo suc­ces­si­vo. Il ses­san­ta­cin­quen­ne di Pa­lù di Gio­vo è il ter­zo ci­cli­sta più vin­cen­te del­la sto­ria al­le spal­le so­lo di al­tre due leg­gen­de co­me Ed­dy Merc­kx (am­ba­scia­to­re del­la ma­ni­fe­sta­zio­ne iri­da­ta ne­gli Emi­ra­ti Ara­bi) e Rick Van Looy; non a ca­so a 30 an­ni dal suo ri­ti­ro è mol­to ama­to an­che dal­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni, com­pre­so chi non l'ha mai vi­sto in bi­ci­clet­ta.

«Era chia­ro che, ar­ri­van­do in vo­la­ta, Sa­gan e Ca­ven­di­sh di­ven­ta­va­no i fa­vo­ri­ti. Una vol­ta as­so­da­to che al­le spal­le del grup­po di te­sta ave­va­no mol­la­to, bi­so­gna­va fa­re qual­co­sa, ad esem­pio un ten­ta­ti­vo all'ul­ti­mo gi­ro».

L'ita­lia ave­va le ar­mi per pro­por­re un'azio­ne di que­sto ti­po?

«L'uo­mo giu­sto era Ben­na­ti ed in­fat­ti non ca­pi­sco per­chè ab­bia qua­si sem­pre ti­ra­to una vol­ta en­tra­ti nel cir­cui­to fi­na­le. Chia­ro che poi non ha avu­to le gam­be per agi­re. In una si­tua­zio­ne di que­sto ti­po, con un grup­po ri­stret­to, si po­te­va de­ci­sa­men­te pro­va­re un al­lun­go; l'ha di­mo­stra­to l'olan­de­se Le­zeer, che per po­co non bef­fa­va tut­ti i fa­vo­ri­ti».

quin­di,

era

«In una vo­la­ta co­sì, con quel­lo strap­pet­to fi­na­le, dif­fi­cil­men­te qual­cu­no può pre­ce­der­lo. Se l'ar­ri­vo fos­se sta­to in pia­nu­ra, in­ve­ce, pro­ba­bil­men­te il ti­to­lo sa­reb­be an­da­to a Ca­ven­di­sh. Niz­zo­lo ha fat­to quan­to po­te­va, men­tre Vi­via­ni non ha il fon­do: un con­to è vin­ce­re le vo­la­te su pi­sta, un al­tro im­por­si su stra­da. For­se sa­reb­be cam­bia­to qual­co­sa se da­van­ti ci fos­se­ro sta­ti al­tri az­zur­ri, pen­so ad esem­pio a Tren­tin».

Le scel­te di Cas­sa­ni sui no­ve uo­mi­ni da schie­ra­re so­no con­di­vi­si­bi­li?

«Di­rei di sì, la squa­dra non po­te­va che es­se­re que­sta».

Qual è lo sta­to di sa­lu­te del ci­cli­smo ita­lia­no?

«Ab­bia­mo due gran­di cor­ri­do­ri per le cor­se a tap­pe, mi ri­fe­ri­sco ad Aru e Ni­ba­li, an­che se que­st'ul­ti­mo cre­do stia ar­ri­van­do all'ul­ti­ma fa­se del­la car­rie­ra. Mi auguro poi che Die­go Ro­sa pos­sa man­te­ne­re le pro­mes­se. Di cer­to non sia­mo più gran­di pro­ta­go­ni­sti co­me un tem­po, dob­bia­mo ac­con­ten­tar­ci. Una vol­ta il ci­cli­smo era qua­si so­lo Eu­ro­pa, ora sia­mo in un'era glo­ba­le e quin­di il no­stro spa­zio nel giar­di­no è di­ven­ta­to più pic­co­lo».

Il pros­si­mo an­no non ci sa­ran­no squa­dre ita­lia­ne World Tour, la se­rie A del­le due ruo­te: si­gni­fi­ca che i gio­va­ni avran­no me­no chan­ce di pas­sa­re al pro­fes­sio­ni­smo?

«Se vai for­te, la na­zio­na­li­tà non c'en­tra, per­chè nes­su­no ti re­ga­la nul­la. Per­ciò non cre­do ci sia que­sto ri­schio».

I Mon­dia­li in Qa­tar so­no sta­ti mol­to cri­ti­ca­ti. Lei che idea si è fat­to?

«Si­cu­ra­men­te la man­can­za di pub­bli­co ha re­so l'at­mo­sfe­ra piut­to­sto de­so­lan­te. Pe­rò bi­so­gna es­se­re rea­li­sti, or­mai ma­ni­fe­sta­zio­ni di que­sto ti­po si svol­go­no do­ve c'è gran­de di­spo­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca, vi­sto che la mag­gior par­te del­le spe­se de­ve es­se­re co­per­ta da­gli spon­sor. So che c'è la can­di­da­tu­ra del Ve­ne­to per il 2020; evi­den­te­men­te so­no sta­ti fat­ti be­ne i con­ti. Di cer­to sa­rei fe­li­ce di ave­re i Mon­dia­li a due pas­si da ca­sa».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.