Lo stu­po­re del vi­ce­sin­da­co di Martellago: «Ero tra i "suoi" gio­va­ni, ave­va gran­de fe­de»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano -

in­fat­ti, ha pre­sta­to ser­vi­zio per 3-4 an­ni co­me se­mi­na­ri­sta in par­roc­chia a Maer­ne, quand'era par­ro­co don Gio­van­ni Sal­va­lag­gio, ri­ma­nen­do­vi fi­no al ter­mi­ne de­gli stu­di e fi­no al­la sua or­di­na­zio­ne sa­cer­do­ta­le, av­ve­nu­ta in cat­te­dra­le a Tre­vi­so il 25 mag­gio 1996: in pra­ti­ca, gli an­ni cru­cia­li del­la sua for­ma­zio­ne.

In que­sta ve­ste di "aiu­to" dei sa­cer­do­ti dell'epo­ca, don Fla­vio ha la­scia­to un pro­fon­do e po­si­ti­vo ri­cor­do in tut­ta la co­mu­ni­tà, in par­ti­co­la­re tra i ra­gaz­zi di al­lo­ra, og­gi qua­ran­ten­ni (o qua­si). Il re­li­gio­so per tan­ti gio­va­ni del pae­se, di cui era po­co più che coe­ta­neo, è sta­to un pun­to di ri­fe­ri­men­to, un buon fra­tel­lo mag­gio­re e un mo­del­lo, ani­man­do­li in tan­ti cam­pi scuo­la dell'azio­ne Cat­to­li­ca o an­che nei Gre­st, le at­ti­vi­tà esti­ve par­roc­chia­li, una fe­li­ce espe­rien­za in­tro­dot­ta in par­roc­chia e con­so­li­da­ta an­che gra­zie a lui e al­la sua pas­sio­ne per i ra­gaz­zi.

Tra quei gio­va­ni og­gi cre­sciu­ti, mol­ti dei qua­li han­no man­te­nu­to an­che ne­gli an­ni i con­tat­ti con don Fla­vio, no­no­stan­te le stra­de di­ver­se in­tra­pre­se, vi è an­che l'at­tua­le vi­ce­sin­da­co, Mar­co Gar­bin, che in­ter­pre­ta lo stu­po­re ge­ne­ra­le. «Con­fes­so di es­se­re ri­ma­sto mol­to sor­pre­so di fron­te ad una scel­ta di que­sto ge­ne­re - am­met­te - Tra le tan­te do­ti, don Fla­vio ave­va una pro­fon­da vo­ca­zio­ne, che ha sa­pu­to an­che tra­smet­ter­ci: di lui ho uno splen­di­do ri­cor­do co­me sa­cer­do­te. Si trat­ta co­mun­que di di­na­mi­che in­te­rio­ri e per­so­na­li che van­no pre­se con il mas­si­mo ri­spet­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.