L’ad­dio di don Fla­vio, Spi­nea non giu­di­ca: «Sia­mo tut­ti con lui»

I com­men­ti sul sa­gra­to: «Chi non ha pec­ca­to sca­gli la pri­ma pie­tra»

Il Gazzetino (Venezia) - - Primopiano - Me­lo­dy Fu­sa­ro

Al­la mes­sa del­le 9.15 c'è an­co­ra qual­cu­no che non lo sa e si sor­pren­de. Le pa­ro­le del vi­ca­rio foraneo don Gior­gio Ric­co­bo­ni, è lui a ce­le­brar­la, so­no mi­su­ra­te, pro­prio co­me il gior­no pri­ma. La spie­ga­zio­ne è quel­la che è già sta­ta da­ta sa­ba­to se­ra: «Don Ful­vio Gob­bo ha chie­sto una so­spen­sio­ne, vuo­le ri­po­sa­re». E al ter­mi­ne del­la mes­sa chie­de di­scre­zio­ne: «E quan­do uscia­mo non ve­ni­te a cer­ca­re spie­ga­zio­ni, con me si par­la so­lo del­la par­ti­ta del­la Ju­ve - scher­za - e nem­me­no con don Pao­lo (Slom­po, il cap­pel­la­no, ndr) che in que­sti gior­ni ha già un gran daf­fa­re per man­da­re avan­ti tut­te le at­ti­vi­tà del­la par­roc­chia».

La co­mu­ni­tà è quel­la dei San­ti Vi­to e Mo­de­sto di Spi­nea che do­me­ni­ca mat­ti­na, leg­gen­do "Il Gaz­zet­ti­no", ha sco­per­to l'im­prov­vi­sa par­ten­za del pro­prio par­ro­co, don Fla­vio Gob­bo. Un pre­te che era ar­ri­va­to lì so­lo da un pa­io d'an­ni ma ave­va già in­stau­ra­to un for­te le­ga­me con i suoi par­roc­chia­ni. Poi all'im­prov­vi­so la scel­ta di an­da­re via, con la ri­chie­sta di so­spen­sio­ne pre­sen­ta­ta al ve­sco­vo di Tre­vi­so. «Una si­tua­zio­ne di af­fa­ti­ca­men­to», la spie­ga­zio­ne da­ta sa­ba­to se­ra, nel­la pri­ma mes­sa do­po la sua par­ten­za «avreb­be vo­lu­to da­re per­so­nal­men­te que­sta co­mu­ni­ca­zio­ne e sa­lu­tar­vi tut­ti, ma im­ma­gi­nan­do che la com­mo­zio­ne avreb­be pre­so il so­prav­ven­to ha scel­to che il di­stac­co fos­se im­me­dia­to. Noi vo­glia­mo ri­cor­dar­lo con gra­ti­tu­di­ne e af­fet­to». E do­me­ni­ca mat­ti­na in chie­sa si chie­de di nuo­vo ri­spet­to per la scel­ta di don Fla­vio.

E i suoi par­roc­chia­ni ci ag­giun­go­no an­che mol­to af­fet­to e gra­ti­tu­di­ne: «Sia­mo tut­ti con lui com­men­ta­no al­cu­ne don­ne sul sa­gra­to -, non ci in­te­res­sa­no le ra­gio­ni ma ap­prez­zia­mo la sua coe­ren­za». Po­co di­stan­te un'al­tra par­roc­chia­na di­scu­te con dei ra­gaz­zi: «Chi non ha pec­ca­to sca­gli la pri­ma pie­tra. Io, in cuor mio, pen­so a lui con af­fet­to e spe­ro so­lo che sap­pia ti­rar­si su». So­prat­tut­to tra i più gio­va­ni era­no mol­to ap­prez­za­te le sue ome­lie: «Era mol­to bra­vo sot­to l'aspet­to pa­sto­ra­le - com­men­ta un tren­ten­ne -, le sue pre­di­che era­no spon­ta­nee e po­ten­ti. Tor­na­vo a ca­sa e ci ri­flet­te­vo tut­to il gior­no».

L'ap­pog­gio è una­ni­me: «Qual­sia­si sia il mo­ti­vo non ve­dia­mo l'ora di po­ter­lo sa­lu­ta­re - di­ce Gia­da, una par­roc­chia­na -. È me­glio pren­de­re una pau­sa, se non si è si­cu­ri, piut­to­sto che man­ca­re di ri­spet­to al ruo­lo che si ri­co­pre». An­che nei so­cial un co­ro di rin­gra­zia­men­ti, ap­prez­za­men­ti. E di in­vi­ti a met­te­re fi­ne ai pet­te­go­lez­zi.

L'ama­rez­za è so­lo per non es­se­re riu­sci­ti a par­la­re con lui, a sa­lu­tar­lo. «For­se è so­lo una cri­si di vo­ca­zio­ne - con­clu­de En­zo, un al­tro par­roc­chia­no -, o ma­ga­ri sem­pli­ce­men­te un pe­rio­do di stan­chez­za. Noi non pos­sia­mo sa­per­lo, spe­ria­mo che si ras­se­re­ni e che ven­ga lui a par­lar­ce­ne, pri­ma o poi».

LE TE­STI­MO­NIAN­ZE

Don Gior­gio Ric­co­bo­ni, vi­ca­rio foraneo, ha av­vi­sa­to ie­ri i fe­de­li di Spi­nea dell’ad­dio di don Fla­vio Gob­bo: «Ha chie­sto una so­spen­sio­ne»

LA CHIE­SA E L’EX PAR­RO­CO

Fe­de­li all’in­gres­so del­la par­roc­chia

dei san­ti Vi­to e Mo­de­sto a Spi­nea; nel ton­do, don Fla­vio

Gob­bo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.