Il Do­lo avan­za Stoc­co: «Ab­bia­mo ti­ra­to fuo­ri tut­ta la grin­ta»

Il Gazzetino (Venezia) - - Calcio - Ales­san­dro Ovi­za­ch

Il Do­lo su­pe­ra il Cam­pi­go 3 a 2 e tro­va co­sì la se­con­da vit­to­ria con­se­cu­ti­va: os­si­ge­no per la clas­si­fi­ca dei bian­co­gra­na­ta, ma l'al­le­na­to­re An­drea Stoc­co è con­sa­pe­vo­le dei ri­schi cor­si con­tro una for­ma­zio­ne, quel­la ospi­te, che pur in no­ve uo­mi­ni ha ten­ta­to fi­no al­la fi­ne di re­cu­pe­ra­re lo svan­tag­gio. «Sia­mo par­ti­ti be­ne - ha di­chia­ra­to a fi­ne ga­ra il mi­ster - tro­van­do il gol in aper­tu­ra, ma già nel cor­so del­la pri­ma fra­zio­ne, quan­do gio­ca­va­mo in su­pe­rio­ri­tà nu­me­ri­ca, ab­bia­mo ar­re­tra­to il ba­ri­cen­tro sen­za un ve­ro mo­ti­vo. La pau­ra di vin­ce­re, la dif­fi­col­tà di gio­ca­re con­tro una squa­dra fe­ri­ta che, pur ri­dot­ta in die­ci, non ha mol­la­to, qual­che pec­ca­to di ine­spe­rien­za da par­te di una squa­dra, la no­stra, mol­to gio­va­ne: que­sti fat­to­ri han­no gio­ca­to con­tro di noi e ci sia­mo fat­ti su­pe­ra­re da due con­tro­pie­di le­ta­li». Al­la fi­ne, pe­rò, il Do­lo ce l'ha fat­ta. «Nel­la ri­pre­sa ab­bia­mo ti­ra­to fuo­ri quel­la cat­ti­ve­ria ago­ni­sti­ca che in al­tre oc­ca­sio­ni era man­ca­ta: non sia­mo ca­la­ti dal pun­to di vi­sta fi­si­co, c'è sta­ta una rea­zio­ne che ci ha por­ta­ti al­la vit­to­ria». Vit­to­ria sul­la qua­le è evi­den­te lo zam­pi­no di Pit­ta­ro, au­to­re del­la dop­piet­ta de­ci­si­va. «Pit­ta­ro ha fat­to una pre­sta­zio­ne im­por­tan­te da ve­ro ca­pi­ta­no, un lea­der che tut­ti do­vreb­be­ro pren­de­re co­me esem­pio per in­ten­si­tà e per la vo­glia di gio­ca­re a tut­to cam­po per 90'. Ri­ma­ne pe­rò il fat­to di aver pre­so due gol in su­pe­rio­ri­tà nu­me­ri­ca: ci sia­mo sco­per­ti sen­za mo­ti­vo, ab­bia­mo da­van­ti una set­ti­ma­na per la­vo­ra­re su que­ste pec­che».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.