«Po­ca per­so­na­li­tà in cam­po Im­pat­to trop­po ne­ga­ti­vo»

Il Gazzetino (Venezia) - - Basket - Gia­co­mo Gar­bi­sa

Un ap­proc­cio da di­men­ti­ca­re, che ha co­stret­to a una di­spen­dio­sa ri­mon­ta per rin­cor­re­re Tren­to. E al­la fi­ne l'uma­na, nel pri­mo «Reyer Day» del­la sta­gio­ne, in­cas­sa la pri­ma scon­fit­ta e fa un net­to pas­so in­die­tro nel gio­co. Tren­to sfa­ta il ta­bù oro­gra­na­ta, con­tro cui non ave­va mai vin­to in quat­tro pre­ce­den­ti, con un 76-59 che fa ma­le. «Lo­ro han­no me­ri­ta­to con­du­cen­do dall'ini­zio, noi ab­bia­mo pa­ga­to l'im­pat­to mol­to ne­ga­ti­vo. Non sia­mo mai riu­sci­ti a tro­va­re il ban­do­lo del­la ma­tas­sa chiu­den­do con un pas­si­vo che ci ha co­stret­to su­bi­to a spen­de­re mol­te ener­gie per rien­tra­re. Di si­cu­ro un pas­so in­die­tro» spie­ga coa­ch Wal­ter De Raf­fae­le par­ten­do dal 22-7 del pri­mo quar­to. «Il ter­zo quar­to è an­da­to mol­to be­ne, ci so­no pe­rò man­ca­ti for­tu­na e ci­ni­smo nel chiu­de­re la ri­mon­ta e met­te­re la te­sta avan­ti. Ab­bia­mo sba­glia­to ti­ri da sot­to ed aper­ti con Bramos e Hay­nes. Po­te­va gi­ra­re l'iner­zia in­ve­ce Tren­to ha te­nu­to e ab­bia­mo per­so fiducia di­su­nen­do­ci. Di ne­ga­ti­vo met­to il nu­me­ro del­le pal­le per­se (19 ndr) e la non ca­pa­ci­tà di riu­sci­re a bloc­ca­re le va­rie emor­ra­gie con per­so­na­li­tà». Quel­lo che il li­vor­ne­se non ci­ta fra gli aspet­ti ne­ga­ti­vi ci so­no i rim­bal­zi, ep­pu­re Tren­to ha do­mi­na­to 46 a 33. «Il gap è lie­vi­ta­to nel ter­zo e quar­to pe­rio­do, non nei pri­mi due do­ve era­va­mo in equi­li­brio. Ho fat­to la scel­ta di apri­re il cam­po con Ress e ab­bia­mo su­bi­to a rim­bal­zo la pre­sen­za di Jef­fer­son. Sa­pe­va­mo che lo­ro era­no mol­to fi­si­ci». In set­ti­ma­na il der­by era sta­to pre­sen­ta­to an­che nel­la chia­ve del­la sfi­da fra Ha­gins e Jef­fer­son e le sta­ti­sti­che so­no im­pie­to­se: 8 pun­ti e 4 rim­bal­zi con ze­ro di va­lu­ta­zio­ne per l'oro­gra­na­ta, 18 pun­ti e 11 rim­bal­zi con 24 di va­lu­ta­zio­ne (il mi­glio­re) il pivot tren­ti­no. «Ha­gins è quel­lo che ave­va ini­zia­to me­glio, la sua dif­fi­col­tà ora è sta­re in cam­po per­ché spen­de fal­li mol­to in­ge­nui e in at­tac­co lo ha fat­to nel mo­men­to mi­glio­re del­la squa­dra» di­fen­de De Raf­fae­le il suo cen­tro, che ad og­gi in tre par­ti­te ha com­mes­so più fal­li (12) che ti­ra­to giù rim­bal­zi (8). «Esce ed en­tra ma se non può espri­me­re il suo atle­ti­smo e fi­si­ci­tà per il pro­ble­ma di fal­li fa fa­ti­ca a en­tra­re in rit­mo. Ha gio­ca­to so­lo 16', nel­le in­ten­zio­ni do­ve­va far­ne mol­ti di più pro­prio per con­tra­sta­re Jef­fer­son. Te­me­va di spen­de­re fal­li e que­sto l'ha con­di­zio­na­to».

MER­CA­TO - Phil Goss re­sta in se­rie A: l'ex ca­pi­ta­no oro­gra­na­ta da ie­ri è un nuo­vo ester­no del­la Brin­di­si di Meo Sac­chet­ti. Il con­trat­to è del­la du­ra­ta di due me­si con pos­si­bi­li­tà d'esten­sio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.