Il lu­po e l’agnel­lo una con­vi­ven­za sem­pre dif­fi­ci­le

Il Gazzetino (Venezia) - - Borsa Mercati -

Og­gi, lu­ne­dì 17 ot­to­bre, men­tre aspet­to ve­te­ri­na­ri, cor­po fo­re­sta­le e guar­dia par­co per l'ac­cer­ta­men­to del­lo sbra­na­men­to da par­te di un bran­co di lu­pi di cin­que mie pe­co­re di raz­za Bro­gna (raz­za in via di estin­zio­ne pre­sen­te in Les­si­nia), più una fe­ri­ta e al­tre due che non si tro­va­no più, vi­sto che le frat­ta­glie non si pos­so­no toc­ca­re, vi­sto che i cor­pi sbra­na­ti de­vo­no es­se­re ma­ni­po­la­ti so­lo da chi ac­cer­ta lo sbra­na­men­to, apro e leg­go uno dei miei gior­na­li pre­fe­ri­ti, "Il Gaz­zet­ti­no". Leg­go e sco­pro che de­di­ca spa­zio ai so­li­ti esper­ti che si pro­di­ga­no a in­cul­ca­re nel­la mas­sa l'idea di una pos­si­bi­le con­vi­ven­za tra un gran­de pre­da­to­re e chi vi­ve i ter­ri­to­ri, in par­ti­co­la­re quel­li mon­ta­ni. In­tan­to guar­do i cor­pi sbra­na­ti, guar­do il fe­to dell'agnel­lo che do­ve­va na­sce­re e de­ci­do di fa­re una fo­to con l’ar­ti­co­lo vi­ci­no al pic­co­lo mai na­to. E qui mi na­sce un pri­mo dub­bio? Leg­go que­ste quat­tro ri­ghe: "La con­vi­ven­za col lu­po è un rap­por­to che la gen­te de­ve im­pa­ra­re sen­za pre­con­cet­to e timore". Sta­te par­lan­do di ca­na­ri­ni, gat­ti, rat­ti o di un pre­da­to­re gran­de e fe­ro­ce e che in bran­co rie­sce in sbra­na­men­ti in­cre­di­bi­li? "De­ve?". Poi va­do a leg­ge­re chi è il sa­pien­te che di­chia­ra que­ste co­se. Si trat­ta del fa­mo­sis­si­mo eto­lo­go Da­ni­lo Mai­nar­di. "La pas­sio­ne per la na­tu­ra si tra­du­ce nel de­si­de­rio di di­ve­ni­re un pa­sto­re" si con­ti­nua a leg­ge­re nel­la sua bio­gra­fia. De­si­de­rio pur­trop­po non av­ve­ra­to, sem­bra di ca­pi­re. È un ve­ro pec­ca­to che il pro­fes­sor Mai­nar­di non vi­va di pa­sto­ri­zia. Ne avreb­be di co­se da in­se­gna­re tra bo­schi e pa­sco­li. La gen­te di mon­ta­gna "de­ve", e lui ce lo ri­cor­da quel­lo che sia­mo co­stret­ti a su­bi­re. Non por­to co­mun­que ran­co­re e so­no di­spo­sto a met­te­re a di­spo­si­zio­ne pa­sco­li da cu­ra­re, pra­ti da sfal­cia­re, ani­ma­li da ac­cu­di­re e bo­schi da ta­glia­re. Non mi sbi­lan­cio pe­rò sul­la pos­si­bi­le con­vi­ven­za con il pro­fes­so­re: sia­mo for­ti ma non pron­ti an­che a que­sto. Il "de­ve" ri­fe­ri­to all'obbligo di con­vi­ven­za con il lu­po, nes­su­no po­trà mai im­por­ce­lo per l'uo­mo che ci vuo­le far del ma­le.

Giu­lia­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.