Eu­ta­na­sia sì o no, quan­do la le­gi­sla­zio­ne non ri­ma­ne al pas­so

Il Gazzetino (Venezia) - - Borsa Mercati - DI PAO­LO LEGRENZI

Iri­sul­ta­ti del son­dag­gio sull’eu­ta­na­sia con­dot­to re­cen­te­men­te in Ve­ne­to sem­bra­no par­la­re chia­ro. La mag­gio­ran­za del­le per­so­ne di­chia­ra che i me­di­ci pos­so­no aiu­ta­re a mo­ri­re un pa­zien­te che sof­fre qua­lo­ra sia il ma­la­to ter­mi­na­le a ri­chie­der­lo. Inol­tre il son­dag­gio mo­stra che ta­le per­cen­tua­le au­men­ta nel ca­so del­le per­so­ne più gio­va­ni e istrui­te. Il nu­me­ro di chi è fa­vo­re­vo­le all’eu­ta­na­sia, già al­to, pro­ba­bil­men­te in fu­tu­ro cre­sce­rà an­co­ra. Sem­bre­reb­be in­som­ma un al­tro ca­so di ri­tar­do del­la le­gi­sla­zio­ne, ar­re­tra­ta sul­le scel­te che ruo­ta­no in­tor­no all’ini­zio e al­la fi­ne del­la vi­ta. Un ca­so cioè d’in­coe­ren­za tra la le­gi­sla­zio­ne, che proi­bi­sce l’eu­ta­na­sia, e il pa­re­re del­la mag­gio­ran­za del­le per­so­ne. In que­sta pro­spet­ti­va sem­bra che la le­gi­sla­zio­ne vi­gen­te tra­sgre­di­sca quel pez­zo del­la co­sid­det­ta “buo­na lo­gi­ca” che è al­la ba­se di una “buo­na cit­ta­di­nan­za”. Che co­sa c’è d’il­lo­gi­co? Sem­pli­ce: le cre­den­ze e i giu­di­zi di una mi­no­ran­za pre­val­go­no in un ca­so in cui una le­gi­sla­zio­ne coe­ren­te con le opi­nio­ni del­la mag­gio­ran­za non le­de­reb­be gli al­tri. E tut­ta­via, nel­la real­tà, le co­se so­no più com­ples­se e sfu­ma­te. Al son­dag­gio ri­spon­do­no per­so­ne sa­ne e lu­ci­de che espri­mo­no un’opi­nio­ne pen­san­do pro­ba­bil­men­te a ma­la­ti nel­le lo­ro stes­se con­di­zio­ni. Ca­pi­ta pe­rò che le per­so­ne, giun­te al­la fi­ne del­la vi­ta, non sia­no sem­pre ca­pa­ci di giu­di­ca­re au­to­no­ma­men­te e la de­ci­sio­ne è de­le­ga­ta al pa­ren­te più vi­ci­no. Per­so­nal­men­te ho se­gui­to mio pa­dre col­pi­to da un tu­mo­re, co­sì co­me la mor­te pre­ma­tu­ra del mio col­la­bo­ra­to­re più stret­to, Vit­to­rio Gi­rot­to (il Gaz­zet­ti­no mi ha per­mes­so di ri­cor­dar­lo). Nel ca­so di mio pa­dre mi ac­cor­si che lui non sof­fri­va tan­to per il dolore, ri­dot­to in par­te gra­zie ai far­ma­ci, ma per le con­di­zio­ni po­co di­gni­to­se in cui era co­stret­to a vi­ve­re, me­glio so­prav­vi­ve­re. Un ve­ro me­di­co af­fron­tò il pro­ble­ma con bon­tà e com­pren­sio­ne. Vit­to­rio in­ve­ce era a ca­sa, se­gui­to dai suoi ca­ri, e quin­di non si è mai tro­va­to nel­le con­di­zio­ni di mio pa­dre. Que­sti due ca­si mo­stra­no la com­ples­si­tà del­la si­tua­zio­ne quan­do le de­ci­sio­ni so­no de­man­da­te ad al­tri, me­di­ci e pa­ren­ti. Poi c’è un al­tro pro­ble­ma. Nell’ago­sto 2015 una dot­to­res­sa dell’ospe­da­le di Fi­la­del­fia, in­sie­me a al­cu­ne col­le­ghe, ha co­min­cia­to a se­gui­re più di 180 ma­la­ti ter­mi­na­li. Ha sco­per­to co­sì che, via via che le con­di­zio­ni peg­gio­ra­va­no, non so­lo le vo­lon­tà dei pa­zien­ti, ma an­che quel­le dei pa­ren­ti, in ori­gi­ne con­tra­ri all’eu­ta­na­sia, cam­bia­va­no. Un con­to è ri­spon­de­re a un son­dag­gio quan­do si pen­sa al pro­ble­ma in ter­mi­ni astrat­ti, eti­ci, o re­li­gio­si, al­tro con­to è do­ver de­ci­de­re aven­do di fron­te una per­so­na che sof­fre, non so­lo di do­lo­ri ma an­che di una con­di­zio­ne or­mai per nul­la di­gni­to­sa. Il son­dag­gio sem­bre­reb­be mo­stra­re che, in Ve­ne­to, le per­so­ne sem­bra­no più fa­vo­re­vo­li all’eu­ta­na­sia del­la me­dia dei me­di­ci ita­lia­ni: più del 50% dei me­di­ci sta­tu­ni­ten­si è per l’eu­ta­na­sia men­tre so­lo il 42% di quel­li ita­lia­ni è fa­vo­re­vo­le. In con­clu­sio­ne, la que­stio­ne è com­ples­sa e va af­fron­ta­ta con uma­ni­tà e com­pas­sio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.