«Mio fi­glio Do­wn emar­gi­na­to»

Il Gazzetino (Venezia) - - S.Mariadi Sala Noale Mirano - Al­vi­se Spe­ran­dio

MI­RA­NO - «Mio fi­glio, di­sa­bi­le, a scuo­la non è ri­spet­ta­to da nes­su­no. Ogni gior­no è co­stret­to a su­bi­re mal­trat­ta­men­ti psi­co­lo­gi­ci». È du­ris­si­ma l'ac­cu­sa che la ma­dre di un mi­no­re con sin­dro­me di Do­wn, ri­tar­do men­ta­le e dia­gno­si di ipe­rat­ti­vi­tà, lan­cia con­tro l'isti­tu­to "8 mar­zo­lo­renz". L'ha af­fi­da­ta a un po­st pub­bli­ca­to sul­la pa­gi­na Fa­ce­book del grup­po "vor­rei­pren­de­reil­tre­no", che in po­che ore è sta­to con­di­vi­so da più di 2mi­la per­so­ne, ma che ie­ri a me­tà po­me­rig­gio è sta­to ri­mos­so pro­ba­bil­men­te a se­gui­to del­la dif­fi­da in­via­ta al si­to dal­la di­ri­gen­te sco­la­sti­ca Ro­ber­ta Ga­spa­ri­ni.

«So­no an­ni che at­tra­ver­sia­mo mil­le dif­fi­col­tà - rac­con­ta, di per­so­na, la si­gno­ra - Qual­che me­se fa ci sia­mo ri­vol­ti al­la Pre­si­den­za del­la Re­pub­bli­ca che ha in­via­to la se­gna­la­zio­ne all'uf­fi­cio sco­la­sti­co pro­vin­cia­le il cui di­ri­gen­te, Do­me­ni­co Mar­ti­no, ci ha in­con­tra­ti una vol­ta pro­met­ten­do­ci d'in­ter­ve­ni­re, ma poi non ha più da­to ri­scon­tro a una se­con­da ri­chie­sta». Il ra­gaz­zo ha un in­se­gnan­te di so­ste­gno so­lo per 7 del­le 18 ore al­le qua­li ha di­rit­to per­ché man­ca­no le no­mi­ne (che do­vreb­be­ro ar­ri­va­re og­gi) e nel­le al­tre è se­gui­to dall'as­si­sten­te as­se­gna­to­gli dall'asl. «Nei suoi con­fron­ti - con­ti­nua la ma­dre - c'è il più to­ta­le di­sin­te­res­se dei pro­fes­so­ri, l'av­ver­sio­ne dei ge­ni­to­ri de­gli al­tri stu­den­ti che più vol­te ne han­no chie­sto l'al­lon­ta­na­men­to dall'au­la du­ran­te le le­zio­ni, e l'osti­li­tà dei com­pa­gni di clas­se. Non più tar­di di qual­che gior­no fa se n'è tor­na­to a ca­sa an­zi­tem­po da so­lo, sen­za che nes­su­no se ne ac­cor­ges­se». Ac­cu­se che ven­go­no re­spin­te con for­za dal­la pre­si­de. «La scuo­la ha sem­pre fat­to ciò che do­ve­va e il ra­gaz­zo è ac­col­to - ri­bat­te Ga­spa­ri­ni - Com­pren­do il di­sa­gio del­la fa­mi­glia, ma scri­ve­re af­fer­ma­zio­ni gra­vi e le­si­ve com­pli­ca una si­tua­zio­ne già mol­to de­li­ca­ta. Co­me per gli al­tri no­stri 20 di­sa­bi­li, nel ca­so con­cre­to la­vo­ria­mo in equi­pe e con­di­vi­dia­mo con i ge­ni­to­ri il Pia­no edu­ca­ti­vo in­di­vi­dua­le, da lo­ro fir­ma­to, che com­por­ta l'usci­ta dall'au­la in al­cu­ne ore d'in­se­gna­men­to, per an­da­re a svol­ge­re at­ti­vi­tà con il do­cen­te di so­ste­gno. L'in­suf­fi­cien­za del­le ore di co­per­tu­ra non di­pen­de dal­la scuo­la e se le sup­plen­ze non ri­sol­ve­ran­no il pro­ble­ma, pro­ce­de­rò con la no­mi­na di­ret­ta». Con­clu­de la di­ri­gen­te: «Cer­chia­mo di me­dia­re il rap­por­to tra le fa­mi­glie e di stem­pe­ra­re le ten­sio­ni. Sul fat­to che sia tor­na­to a ca­sa da so­lo, non mi ri­sul­ta, co­mun­que sto svol­gen­do tut­te le ve­ri­fi­che ne­ces­sa­rie».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.