«Su­bi­to in cam­po per ri­scat­tar­ci»

Il Gazzetino (Venezia) - - Portogruaro - Gia­co­mo Gar­bi­sa

La mi­glior me­di­ci­na per di­men­ti­ca­re il ko in ca­sa con Tren­to è tor­na­re su­bi­to in cam­po. L'uma­na Reyer po­trà far­lo già do­ma­ni se­ra esor­den­do nel­la nuo­va Fi­ba Cham­pions Lea­gue, a te­ne­re a bat­te­si­mo gli oro­gra­na­ta nel Gi­ro­ne B sa­ran­no i fran­ce­si del Le Mans Sar­the (An­ta­res Are­na, 20.30). «Gio­ca­re a po­che ore di di­stan­za dal­la pre­sta­zio­ne tutt'al­tro che bril­lan­te di do­me­ni­ca è mol­to im­por­tan­te e so­prat­tut­to ci dà su­bi­to la chan­ce di ri­scat­tar­ci» sot­to­li­nea Ste­fa­no To­nut, fra i po­chi a sal­var­si (8 pun­ti e tan­ta ener­gia nel ten­ta­ti­vo di ri­mon­ta) in­sie­me ad Ariel Fil­loy nel 76-59 con cui Tren­to ha espu­gna­to il Ta­lier­cio in­flig­gen­do agli oro­gra­na­ta il pri­mo stop sta­gio­na­le. «Bi­so­gna­va par­ti­re di­ver­sa­men­te, l'im­pat­to che ha avu­to Tren­to sul mat­ch è quel­lo che do­ve­va­mo ave­re noi. Ser­vi­va es­se­re più so­li­di a rim­bal­zo, spe­cie in di­fe­sa, e met­te­re più ener­gia, in­ve­ce lo­ro so­no sta­ti bra­vi a sca­va­re il pri­mo gap. Sia­mo riu­sci­ti a rien­tra­re ma ci è man­ca­ta quel­la spin­ta in più ar­ri­va­ta in al­tre ga­re. Ab­bia­mo per­so so­lo una par­ti­ta, la­vo­ria­mo be­ne e tan­to in set­ti­ma­na e se­con­do me i ri­sul­ta­ti si ve­dran­no per­ché c'è tut­to il tem­po per mi­glio­ra­re» è fi­du­cio­sa la 22en­ne guar­dia che ie­ri, nel me­dia day fis­sa­to dal­la Fi­ba in vi­sta dell'ini­zio del­la com­pe­ti­zio­ne (sta­se­ra le pri­me ita­lia­ne in cam­po so­no Sas­sa­ri ed Avel­li­no), ha evi­den­zia­to i van­tag­gi del dop­pio im­pe­gno set­ti­ma­na­le. «Gio­ca­re due par­ti­te ve­re a di­stan­za co­sì rav­vi­ci­na­ta sa­rà im­por­tan­te per co­no­scer­ci sem­pre di più. Af­fron­ta­re avversari di al­tis­si­mo li­vel­lo, già da mer­co­le­dì col Le Mans, ci aiu­te­rà a cre­sce­re e leg­ge­re me­glio cer­te si­tua­zio­ni».

Nel gi­ro­ne di Cham­pions la Reyer, ol­tre ai fran­ce­si, se la ve­drà con i ru­me­ni dell'ora­dea, i rus­si dell'av­to­dor Sa­ra­tov, i fin­lan­de­si del Ka­ta­ja, gli israe­lia­ni del Mac­ca­bi Ri­shon, gli ucrai­ni del Khi­mik e i tur­chi del Pi­nar Kar­siya­ka. Tan­te tra­sfer­te non age­vo­li. «Ar­ri­via­mo dall'espe­rien­za dell'an­no scor­so in Eu­ro­cup, che per­so­nal­men­te all'ini­zio non fu fa­ci­le né fi­si­ca­men­te né men­tal­men­te pro­prio per­ché i viag­gi as­sor­bo­no tan­te ener­gie. Que­st'an­no sa­rà un po’ più sem­pli­ce, un an­no d'espe­rien­za ser­ve e sa­rò più pron­to».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.