«Ur­la­va­no: in­gi­noc­chia­ti e ab­bas­sa la te­sta Poi ho sen­ti­to gli spa­ri»

Il Gazzetino (Venezia) - - Da Prima Pagina - P.ca­lia

Ha vi­sto pra­ti­ca­men­te tut­to. E ha sen­ti­to i ban­di­ti ur­la­re al­la guar­dia bar­ri­ca­ta den­tro il fur­go­ne: «In­gi­noc­chia­ti e ab­bas­sa la te­sta». Un av­ver­ti­men­to pri­ma di spa­ra­re con­tro il por­tel­lo­ne. «Sem­bra­va­no pe­tar­di - rac­con­ta Sil­via, una gio­va­ne che si sta si­ste­man­do ca­sa pro­prio a due pas­si dall'a27 - Ma era­no spa­ri».

«Le pos­so di­re esat­ta­men­te l'ora in cui è suc­ces­so tut­to, ho re­gi­stra­to sul te­le­fo­ni­no la te­le­fo­na­ta che ho fat­to al­lar­ma­ta a un mio ami­co. Poi ho chia­ma­to la Po­li­zia: era­no le 18,20». Sil­via Ca­da­mu­ro è una gio­va­ne sul­la tren­ti­na che si sta si­ste­man­do la ca­sa in una la­te­ra­le di via Ri­sor­gi­ve, pro­prio a due pas­si dall'au­to­stra­da A27, nel trat­to che at­tra­ver­sa San Biagio. E il ca­so ha vo­lu­to che pro­prio da­van­ti al­le sue fi­ne­stre, al di là di una sie­pe e una re­cin­zio­ne, si sia svol­to l'as­sal­to al fur­go­ne. Ha vi­sto pra­ti­ca­men­te tut­to. Ha sen­ti­to gli spa­ri, le mi­nac­ce, le ur­la. Ha vi­sto gli agen­ti del­la Ci­vis re­sta­re den­tro l'abi­ta­co­lo, ha ten­ta­to di aiu­tar­li quan­do le sem­bra­va che tut­to fos­se fi­ni­to. Ha an­che sen­ti­to i ban­di­ti ur­la­re al­la guar­dia bar­ri­ca­ta den­tro il fur­go­ne: «In­gi­noc­chia­ti e ab­bas­sa la te­sta». Mol­to pro­ba­bil­men­te un av­ver­ti­men­to pri­ma di spa­ra­re con­tro il por­tel­lo­ne chiu­so.

«La pri­ma co­sa che ho sen­ti­to so­no sta­ti quel­li che, in un pri­mo mo­men­to, pen­sa­vo fos­se­ro pe­tar­di - rac­con­ta Sil­via in­ve­ce era­no spa­ri. Pri­ma più di­stan­ti, poi quat­tro col­pi mol­to rav­vi­ci­na­ti e poi al­tri col­pi an­co­ra: sem­bra­va un bot­ta e ri­spo­sta. Ho vi­sto i ban­di­ti scen­de­re dall'au­to, dal­la par­la­ta po­te­va­no es­se­re al­ba­ne­si ma non so­no si­cu­ra. C'era­no due agen­ti del­la Ci­vis nell'abi­ta­co­lo un ter­zo, a quan­to ho ca­pi­to, nel fur­go­ne. Ho sen­ti­to che ur­la­va­no a quel­lo chiu­so den­tro: "Met­ti­ti in gi­noc­chio e ab­bas­sa la te­sta". Lo han­no ur­la­to due vol­te, la se­con­da con una be­stem­mia. Poi ho sen­ti­to al­tri due spa­ri e in­fi­ne un'au­to par­ti­re».

Per Sil­via quel­la di ie­ri do­ve­va es­se­re una gior­na­ta co­me tan­te al­tre: la ca­sa pie­na di sca­to­lo­ni da svuo­ta­re, mil­le la­vo­ri da fa­re. Tut­to pen­sa­va tran­ne che as­si­ste­re a una sce­na da Far We­st: «Quan­do è fi­ni­to tut­to ho cer­ca­to di an­da­re a ve­de­re, a pre­sta­re soc­cor­so, ma la re­cin­zio­ne me lo im­pe­di­va. Quin­di ho chia­ma­to la Po­li­zia ma mi han­no det­to che sta­va­no già in­ter­ve­nen­do. Le due guar­die den­tro l'abi­ta­co­lo han­no an­che ac­ce­so e spen­to i fa­na­li una vol­ta. Ho pen­sa­to che stes­se­ro be­ne e gli ho fat­to se­gno con il fla­sh del cel­lu­la­re. Ho aspet­ta­to che ar­ri­vas­se­ro i soc­cor­si, poi ho pro­va­to di nuo­vo ad an­da­re in au­to­stra­da per aiu­ta­re ma non ce l'ho fat­ta. È sta­to pau­ro­so».

PAU­RO­SO Sil­via Ca­da­mu­ro è sta­ta at­ti­ra­ta dai pri­mi spa­ri: «Pen­sa­vo fos­se­ro pe­tar­di. Ma sta­va­no spa­ran­do, tan­ti col­pi». Ha chia­ma­to su­bi­to la po­li­zia fis­san­do co­sì sul suo cel­lu­la­re l’ora esat­ta dell’as­sal­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.