Le­le Mo­ra pat­teg­gia per ban­ca­rot­ta

L’ac­cu­sa ri­fe­ri­ta al pre­sti­to di Ber­lu­sco­ni che la Pro­cu­ra ri­tie­ne in par­te trat­te­nu­to da Emi­lio Fe­de

Il Gazzetino (Venezia) - - Attualità -

MI­LA­NO - Le­le Mo­ra ha pat­teg­gia­to ie­ri una pe­na di un an­no e 6 me­si per ban­ca­rot­ta in re­la­zio­ne al fal­li­men­to del­la sua "Ro­ma Pro­duc­tion" e al­la vi­cen­da del pre­sti­to da 2,85 mi­lio­ni di eu­ro ar­ri­va­to nel 2010 all'ex agen­te dei vip da par­te di Giu­sep­pe Spi­nel­li, ma­na­ger di fiducia di Sil­vio Ber­lu­sco­ni (che non è mai sta­to in­da­ga­to nell'in­chie­sta), e di cui l'ex di­ret­to­re del Tg4 Emi­lio Fe­de, se­con­do l'ac­cu­sa, avreb­be trat­te­nu­to una par­te. Sol­di che l'ex ta­lent scout non avreb­be usa­to per sal­va­re la sua so­cie­tà all'epo­ca sull'or­lo del crac, la Lm Ma­na­ge­ment.

Il pat­teg­gia­men­to, in con­ti­nua­zio­ne con un'al­tra condanna, è sta­to ra­ti­fi­ca­to dal gup Do­na­tel­la Ban­ci Buo­na­mi­ci su ri­chie­sta del di­fen­so­re, l'av­vo­ca­to Gian­lu­ca Ma­ris, e del pm Eu­ge­nio Fu­sco. Mo­ra nel no­vem­bre 2014 era già sta­to con­dan­na­to a 6 an­ni e un me­se, pe­na che com­pren­de­va con la con­ti­nua­zio­ne sia l'ac­cu­sa di in­du­zio­ne al­la pro­sti­tu­zio­ne nel pro­ces­so "Ru­by bis" che la ban­ca­rot­ta del­la Lm Ma­na­ge­ment. Con il pat­teg­gia­men­to Mo­ra può con­ti­nua­re a scon­ta­re (cu­mu­lo pe­ne di qua­si 8 an­ni) in af­fi­da­men­to in pro­va ai ser­vi­zi so­cia­li.

Gli in­qui­ren­ti ave­va­no rin­trac­cia­to nel 2011 una scrit­tu­ra pri­va­ta a te­sti­mo­nian­za di quel pre­sti­to che sa­reb­be sta­to ver­sa­to in tre tran­che all'al­lo­ra agen­te dei vip: a gen­na­io, a mar­zo e a set­tem­bre del 2010. Due tran­che, dun­que, sa­reb­be­ro ar­ri­va­te pri­ma del­la di­chia­ra­zio­ne di fal­li­men­to del­la Lm Man­ge­ment del giu­gno del 2010 (la pro­ce­du­ra era aper­ta dal di­cem­bre 2009). L'ipo­te­si del­la Pro­cu­ra è che Fe­de, do­po aver par­te­ci­pa­to al pres­sing sull'ex Ca­va­lie­re per ot­te­ne­re il de­na­ro, si sia in­ta­sca­to par­te di quel pre­sti­to pri­ma del­la di­chia­ra­zio­ne di fal­li­men­to (in un'in­ter­cet­ta­zio­ne si par­la­va di 1,2 mi­lio­ni di eu­ro), con­sa­pe­vo­le del­lo sta­to di dis­se­sto del­la Lm Ma­na­ge­ment. Per il gior­na­li­sta, che non ha scel­to la stra­da del pat­teg­gia­men­to, l'udien­za pre­li­mi­na­re ini­zie­rà il pros­si­mo 22 no­vem­bre da­van­ti al gup Ma­ria­car­la Sac­co.

Nel cor­so del­le in­da­gi­ni, l'ex agen­te dei vip ave­va ri­fe­ri­to ai ma­gi­stra­ti di aver da­to al gior­na­li­sta cir­ca la me­tà del pre­sti­to, men­tre Fe­de ave­va spie­ga­to di aver pre­so so­lo 400mi­la eu­ro, che era quan­to Mo­ra do­ve­va re­sti­tuir­gli per un pre­sti­to in­ter­cor­so tra i due.

Mo­ra, scar­ce­ra­to nel 2012 do­po l'ar­re­sto per ban­ca­rot­ta, è in af­fi­da­men­to in pro­va dal 2013 e con il pat­teg­gia­men­to può con­ti­nua­re a scon­ta­re in que­sto mo­do il cu­mu­lo pe­ne.

E un an­no e 8 me­si per ban­ca­rot­ta so­no sta­ti pat­teg­gia­ti sem­pre ie­ri, an­che dal­la fi­glia dell'ex ta­lent scout, Dia­na Mo­ra, in que­sto ca­so per la vi­cen­da di un al­tro fal­li­men­to, quel­lo del­la "Im­mo­bi­lia­re Dia­na".

MON­DO VIP Le­le Mo­ra in

tri­bu­na­le. L’ex agen­te di per­so­nag­gi vip

in que­sto pro­ces­so era

ac­cu­sa­to di ave­re di­strat­to

fon­di che ser­vi­va­no al sal­va­tag­gio del­la sua "Lm Ma­na­ge­ment"

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.