Quei po­chi par­cheg­gi in­tor­no agli ospe­da­li

Il Gazzetino (Venezia) - - Borsa Mercati - Lau­ra Fa­va­ret­to

Egre­gio di­ret­to­re,

i miei ge­ni­to­ri, an­zia­ni, tor­na­no do­po una vi­si­ta all’ospe­da­le di Mi­ra­no, av­vi­li­ti e ama­reg­gia­ti: non a cau­sa del­la vi­si­ta ma per­ché si so­no tro­va­ti una mul­ta per aver par­cheg­gia­to nel­la pi­sta ci­cla­bi­le. Giu­sto: han­no sba­glia­to e ora pa­ghe­ran­no. Ma sa­pe­te per­ché lo han­no fat­to? In par­cheg­gio non c’era po­sto e do­po aver fat­to ben due gi­ri nel suo in­ter­no han­no de­ci­so di par­cheg­gia­re lì, non aven­do al­tra pos­si­bi­li­tà. Scel­ta sba­glia­ta ma ob­bli­ga­ta: ol­tre al par­cheg­gio ci so­no una ro­ton­da, una stra­da, un par­co, nien­te al­tro. Inol­tre stia­mo par­lan­do di per­so­ne an­zia­ne che han­no dif­fi­col­tà a fa­re tan­ta stra­da a pie­di. Di­spia­ce con­sta­ta­re che un ospe­da­le co­me quel­lo di Mi­ra­no a cui ogni gior­no ac­ce­do­no cen­ti­na­ia di per­so­ne, non pre­ve­da di do­ta­re gli spa­zi adia­cen­ti di par­cheg­gi ade­gua­ti (fi­si­ca­men­te e nu­me­ri­ca­men­te). Di­spia­ce an­che ri­scon­tra­re che la leg­ge ven­ga fat­ta os­ser­va­re scru­po­lo­sa­men­te e mi­nu­zio­sa­men­te in un con­te­sto in cui è ov­vio che chi ha tra­sgre­di­to lo ha fat­to per ne­ces­si­tà e non per ar­ro­gan­za o pi­gri­zia e in un ora­rio, di pri­ma mat­ti­na, in cui è ri­sa­pu­to che l’ospe­da­le sia mol­to

fre­quen­ta­to.

Mi­ra­no Cara let­tri­ce, il pro­ble­ma del­la scar­si­tà di par­cheg­gi nel­le vi­ci­nan­ze de­gli ospe­da­li non è, pur­trop­po, un’esclu­si­va di Mi­ra­no. La sua ci­vi­lis­si­ma pro­te­sta dà vo­ce a tut­ti quei cit­ta­di­ni, spes­so an­zia­ni, che, ma­ga­ri han­no evi­ta­to la mul­ta, ma han­no fa­ti­ca­to pa­rec­chio per tro­va­re un par­cheg­gio pri­ma di sot­to­por­si ad un esa­me e o una vi­si­ta me­di­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.