Steeb, la giun­gla dei con­trat­ti

Il Gazzetino (Venezia) - - Veneziaestuario -

(R.br.)sei me­si fa, con gli ospi­ti del Car­lo Steeb in ca­lo, la Co­dess so­cia­le ave­va an­nun­cia­to li­cen­zia­men­ti e cas­se in­te­gra­zio­ni. Ora, sca­du­ti i ter­mi­ni per i li­cen­zia­men­ti, nes­su­no è sta­to man­da­to via, men­tre i po­sti let­to so­no tor­na­ti a riem­pir­si. Non pro­pria­men­te una sto­ria a lie­to fi­ne, quel­la del­la ca­sa di ri­po­so del Li­do. Piut­to­sto em­ble­ma­ti­ca di una «cer­ta ge­stio­ne del­le ca­se di ri­po­so - ac­cu­sa Pie­ro Po­lo, del­la Uil - La coo­pe­ra­ti­va ha cer­ca­to di uti­liz­za­re gli am­mor­tiz­za­to­ri so­cia­li per ri­spar­mia­re, ma non gli è an­da­ta be­ne. Ab­bia­mo di­mo­stra­to, da­ti al­la ma­no, che il per­so­na­le non era af­fat­to in esu­be­ro, an­zi. A quel pun­to, sfu­ma­ta la pos­si­bi­li­tà di ave­re la cas­sa in­te­gra­zio­ne, la ca­sa di ri­po­so è tor­na­ta a riem­pir­si. Ma que­sti me­si di tensione han­no crea­to un cli­ma di ter­ro­re tra il per­so­na­le, di­strug­gen­do la se­re­ni­tà ne­ces­sa­ria al la­vo­ro in una strut­tu­ra so­cio-as­si­sten­zia­le».

Per an­ni pro­prie­tà di un isti­tu­to re­li­gio­so, ac­qui­sta­ta a suo tem­po dall'ulss, pas­sa­ta in ge­stio­ne al­la Co­dess so­cia­le, il Car­lo Steeb è un bell'esem­pio di co­me il per­so­na­le di que­sto set­to­re stia vi­ven­do sul­la sua pel­le la giun­gla dei sa­la­ri al ri­bas­so. Me­tà dei di­pen­den­ti han­no an­co­ra il vec­chio con­trat­to del­le ca­se di cu­ra pri­va­te con uno sti­pen­dio me­dio di 1.200 eu­ro al me­se. Chi gli la­vo­ra a fian­co, con le stes­se man­sio­ni, ma co­me so­cio del­la coo­pe­ra­ti­va, si fer­ma a 900 eu­ro. «Quan­do un la­vo­ra­to­re vie­ne as­sun­to dal­la Co­dess di­ven­ta so­cio e pa­ga una tas­sa di am­mis­sio­ne di mil­le eu­ro e al­tri 3.000 eu­ro, una tan­tum, di quo­ta so­cia­le. Ci vo­glio­no due, tre an­ni di trat­te­nu­te so­lo per ver­sa­re que­sti im­por­ti - spie­ga Po­lo - ma non è fi­ni­ta qui per­ché ven­go­no ap­pli­ca­te an­che al­tre quo­te: il 4 per cen­to di fon­do po­ten­zia­men­to azien­da­le e un al­tro 0,3 per cen­to di fon­do di so­li­da­rie­tà. È evi­den­te che con que­sto mec­ca­ni­smo di trat­te­nu­te la coo­pe­ra­ti­va di­ven­ta con­cor­ren­zia­le sul­la piaz­za, men­tre chi ap­pli­ca cor­ret­ta­men­te il con­trat­to fi­ni­sce fuo­ri mer­ca­to. Stia­mo par­lan­do di mi­glia­ia di po­sti di la­vo­ro».

GIU­DEC­CA Nel­la fo­to i

dan­ni pro­vo­ca­ti al lo­ca­le si­tua­to

al­la Pa­lan­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.