Zia­ni­go, chie­sa gre­mi­ta per l’ad­dio a Bo­vo

Il par­ro­co: «È bel­lo ve­de­re che la co­mu­ni­tà è uni­ta»

Il Gazzetino (Venezia) - - Miranese -

MI­RA­NO - Una chie­sa af­fol­lat­tis­si­ma, in cui non vo­la una mo­sca, dà l'ad­dio a Ti­zia­no Bo­vo, a una set­ti­ma­na dal­la sua mor­te. Per qual­che ora si met­to­no da par­te le po­le­mi­che e si pen­sa so­lo a sta­re ac­can­to al­la fa­mi­glia del cin­quan­ta­seien­ne di Zia­ni­go, che mar­te­dì scor­so ha per­so la vi­ta nel­lo scon­tro con un au­to­car­ro a Ve­ter­ni­go. «È bel­lo ve­de­re co­sì tan­ta gen­te riu­ni­ta in chie­sa og­gi. Se­gno che la no­stra co­mu­ni­tà è mol­to uni­ta e an­co­ra ca­pa­ce di sta­re vi­ci­no al­le per­so­ne nei mo­men­ti più dif­fi­ci­li» di­ce don Rug­ge­ro Gal­lo, par­ro­co di Zia­ni­go, che ce­le­bra il fu­ne­ra­le. «Qui fuo­ri, in­sie­me a quel­le di Ti­zia­no, ab­bia­mo le epi­gra­fi di una don­na di 37 an­ni e un uo­mo di 92. Non esi­ste un tem­po per mo­ri­re. Dob­bia­mo chie­der­ci che co­sa ab­bia­mo fat­to du­ran­te la no­stra vi­ta. Il Si­gno­re sa, an­che me­glio di noi, che co­sa ha fat­to di buo­no Ti­zia­no ed è a lui e al suo giu­di­zio che lo af­fi­dia­mo». Al ter­mi­ne del­le ese­quie la sal­ma è sta­ta cre­ma­ta a Spi­nea. Bo­vo vi­ve­va a Zia­ni­go, in lo­ca­li­tà Ca­se al De­sman, pro­prio lun­go la pro­vin­cia­le 33. A so­li cen­to me­tri dal luo­go in cui, in sel­la al suo scoo­ter, si è scon­tra­to con l'au­to­car­ro in ar­ri­vo da via Rio. Bo­vo la­scia la mo­glie Ema­nue­la e le fi­glie Ni­co­le ed Eleo­no­ra. Ie­ri in­tan­to, in Pro­cu­ra a Ve­ne­zia, il pm Fran­ce­sca Cru­pi ha no­mi­na­to co­me pro­prio con­su­len­te tec­ni­co l’in­ge­gne­re Ma­rio Pia­cen­ti, a cui spet­te­rà il com­pi­to di ri­co­strui­re la di­na­mi­ca dell’in­ci­den­te. Il con­du­cen­te dell’ive­co, un 30en­ne di Mi­ra­no, è l’uni­co iscrit­to nel re­gi­stro de­gli in­da­ga­ti. (m.fus)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.