LI­BIA, L’IM­PE­GNO ITA­LIA­NO E IL PRES­SING USA

Il Gazzettino (Belluno) - - Da Prima Pagina - ', 0$5&2 9(1785$

Ivi­deo po­sta­ti dai mi­li­zia­ni li­bi su fa­ce­book mo­stra­no sce­ne di guerra a Sir­te e le ma­ce­rie dei pa­laz­zi che una vol­ta era­no il fio­re all’oc­chiel­lo di Ghed­da­fi. A di­spet­to dei bom­bar­da­men­ti ame­ri­ca­ni dal pri­mo ago­sto, c’è an­co­ra una sac­ca di re­si­sten­za af­fi­lia­ta all’isis in 800 me­tri qua­dra­ti in un quar­tie­re vi­ci­no al ma­re. In­tan­to il pre­mier Al-sar­raj fa fa­ti­ca a ri­por­ta­re l’or­di­ne do­po l’ul­ti­mo ten­ta­to gol­pe, da mol­ti at­tri­bui­to al­la lon­ga ma­nus del ge­ne­ra­le Haf­tar, ras di Ben­ga­si. Que­sto sul ter­re­no.

Da Wa­shing­ton, la pressione che Oba­ma avreb­be eser­ci­ta­to su Ren­zi chie­den­do un im­pe­gno mag­gio­re dell’ita­lia nel­la sta­bi­liz­za­zio­ne li­bi­ca non si è con­cre­tiz­za­ta in pre­ci­se ri­chie­ste al­la no­stra Di­fe­sa.

Egre­gio Di­ret­to­re,

as­si­sto, in que­sti gior­ni ad un al­ter­nar­si di notizie, ipo­te­si, il­la­zio­ni sul par­ro­co di Spi­nea, don Fla­vio Gob­bo, che mi lasciamo ve­ra­men­te scon­cer­ta­to. Tro­vo ver­go­gno­so che una per­so­na mi­te, gen­ti­le e buo­na co­me don Fla­vio, di cui nes­su­no (a par­te lui e, for­se, la cu­ria) co­no­sce le mo­ti­va­zio­ni dl suo al­lon­ta­na­men­to, ven­ga sot­to­po­sta ad una go­gna me­dia­ti­ca così vio­len­ta... Si pas­sa da con­ti in ros­so, sia­mo ar­ri­va­ti ad­di­rit­tu­ra ad ipo­te­si di €. 300.000 man­can­ti, che poi so­no sce­si a cir­ca €. 120.000 ma con l’ipo­te­si del dub­bio “per­ché giu­sti­fi­ca­ti sen­za trop­pi det­ta­gli al con­si­glio pa­sto­ra­le”, al­la mi­ste­rio­sa don­na, che but­ta­ta li po­treb­be vo­ler di­re una re­la­zio­ne ov­via­men­te non con­for­me al suo vo­to di ca­sti­tà, al pre­sun­to ri­cat­to, pre­su­mo che nei pros­si­mi gior­ni pro­ba­bil­men­te avre­mo qual­che al­tro “scoop”. Ov­via­men­te io non so­no a co­no­scen­za del­le mo­ti­va­zio­ni che han­no in­dot­to don. Fla­vio a la­scia­re mo­men­ta­nea­men­te il suo in­ca­ri­co nel­la par­roc­chia di SS. Vi­to e Mo­de­sto, ma spia­ce che nes­su­na vo­ce si sia le­va­ta a sua di­fe­sa (se non la Cu­ria di Tre­vi­so): egli po­treb­be, per esem­pio, es­se­re am­ma­la­to da for­te stress (non è fa­ci­le pas­sa­re da Ca­po­si­le a Spi­nea, chie­de­re a Don An­to­nio Ge­no­ve­se quan­to sia sta­to per lui du­ra pren­de­re in ma­no una par­roc­chia in un co­mu­ne così dif­fi­ci­le so­cial­men­te co­me Spi­nea) o al­tre que­stio­ni che non co­no­scia­mo. Lasciamo, per ca­ri­tà uma­na (non cri­stia­na), che que­sta par­ro­co pos­sa su­pe­ra­re se­re­na­men­te que­sto mo­men­to dif­fi­ci­le, spe­gnen­do i ri­flet­to­ri sul­la sua per­so­na. Si può fa­re se non si vi­ve so­lo di scoop me­dia­ti­ci, ma an­che si sen­ti­men­ti uma­ni. Un ab­brac­cio a don Fla­vio

ovun­que si tro­vi. La pre­go di pub­bli­ca­re que­sta mia let­te­ra che è dal­la par­te dell’uo­mo don Fla­vio.

Dott. Ed­mon­do Piaz­zi

Spi­nea (Ve) Ca­ro let­to­re, com­pren­do il suo di­sa­gio e non ho mo­ti­vo di du­bi­ta­re del­la gen­ti­lez­za e bon­tà d’ani­mo di don Fla­vio. Mi sem­bra pe­rò sba­glia­to parlare di go­gna me­dia­ti­ca. Il ri­schio di un er­ro­re, nel no­stro la­vo­ro, è sem­pre die­tro l’an­go­lo, ma tut­to ciò che ab­bia­mo scrit­to, cifre com­pre­se, ab­bia­mo cer­ca­to di ve­ri­fi­car­lo con tut­to lo scru­po­lo pos­si­bi­le. Non c’è al­cun ac­ca­ni­men­to, rac­con­tia­mo e in­da­ghia­mo la real­tà, che è spes­so me­no ro­sea di quan­to im­ma­gi­nia­mo. L’im­prov­vi­sa usci­ta di sce­na di un par­ro­co e il ri­le­van­te pro­ble­ma fi­nan­zia­rio emer­so (par­lia­mo dei be­ni del­la par­roc­chia, non di be­ni per­so­na­li) so­no fat­ti im­por­tan­ti e scon­vol­gen­ti per un pae­se. Non pos­so­no es­se­re fat­ti pas­sa­ti sot­to si­len­zio, da chi co­me noi è chia­ma­to a raccontare quo­ti­dia­na­men­te la vita di que­ste co­mu­ni­tà. Lei ci ri­chia­ma al­la “ca­ri­tà uma­na” che è una straor­di­na­ria vir­tù, ma se non ri­cor­do ma­le la Let­te­ra ai Ro­ma­ni così re­ci­ta­va: “La ca­ri­tà non ab­bia fin­zio­ni: fug­gi­te il ma­le con or­ro­re”. Il mo­do mi­glio­re per fa­re in mo­do che non ci sia­no “fin­zio­ni” e che si spen­ga­no i ri­flet­to­ri su que­sta vi­cen­da, è che don Fla­vio, con co­rag­gio, rac­con­ti co­sa è ac­ca­du­to. Cre­do lo deb­ba a se stes­so e ai suoi par­roc­chia­ni. Dai qua­li, a quel pun­to, avrà tut­ta la com­pren­sio­ne e la so­li­da­rie­tà di cui ha bi­so­gno in que­sto dif­fi­ci­le mo­men­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.