Die­go, la men­te che pie­ga i me­tal­li

Nel­la sua car­rie­ra può van­ta­re le pre­sen­ze te­le­vi­si­ve a "Ita­lia’s got ta­lent" e "Cul­tu­ra mo­der­na"

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Sa­ra Car­ne­los

Da 35 an­ni si esi­bi­sce e da 15 ha fat­to del­la ma­gia la sua pro­fes­sio­ne

Gua­da­gnar­si il com­pa­na­ti­co di­ver­ten­do­si e fa­cen­do di­ver­ti­re, al gior­no d'og­gi pa­re impossibile, ep­pu­re co­me per ma­gia, per Die­go Ba­lan­zin que­sta èpu­ra real­tà.

Da 35 an­ni "Die­go ma­gic" in­can­ta con i suoi truc­chi il pub­bli­co, ma da quin­di­ci l'ar­te del­la sug­ge­stio­ne è di­ven­ta­ta la sua pro­fes­sio­ne. Una ce­na esilarante, tut­ti i sa­ba­ti fi­no al 2017, Al Li­do, il ri­sto­ran­te a due pas­si dal cen­tro sto­ri­co, e tra un piat­to di pe­sce, di car­ne, o una piz­za si può in­con­tra­re - sen­za al­cu­no sur­plus sul con­to - l'ac­cat­ti­van­te Die­go in com­pa­gnia del­la sua as­si­sten­te Ma­ry, non­ché fu­tu­ra mo­glie.

Ef­fet­ti stra­bi­lian­ti con quel piz­zi­co di iro­nia che non man­ca nep­pu­re quan­do cal­ca i pal­co­sce­ni­ci, co­me il Ma­ri­lyn di Zop­po­la, il cui even­to di ma­gia è pre­vi­sto per gio­ve­dì pros­si­mo.

Il re dei me­tal­li che sa pie­ga­re con la for­za del pen­sie­ro, at­tra­ver­so quel­lo che chia­ma "men­ta­li­smo", all'età di 14 an­ni si in­na­mo­ra del­la pre­sti­di­gi­ta­zio­ne do­po ave­re as­si­sti- to al­lo show di quel­lo che di­ven­te­rà il suo mae­stro, ma­go Cians.

Da ado­le­scen­te di­vie­ne, do­po aver so­ste­nu­to un ap­po­si­to esa­me, il più gio­va­ne ma­ni­po­la­to­re di car­te di Trie­ste. Da quel mo­men­to ne ha fat­to di stra­da, cal­can­do an­che le sce­ne te­le­vi­si­ve di Ita­lia’s Got Ta­lent, Bri­tain's Got Ta­lent, Cul­tu­ra Mo­der­na, il pro­gram­ma con Teo Mam­mu­ca­ri.

«Rie­sco a vi­ve­re con i miei spet­ta­co­li, cir­ca 270 se­ra­te all'an­no - rac­con­ta Die­go -, so­no con­cen­tra­to sui nuo­vi ef­fet­ti, ma tut­ti mi co­no­sco­no per la tec­ni­ca men­ta­le di ar­ro­to­la­re, twi­sta­re e pie­ga­re i lem­bi e i ma­ni­ci dei me­tal­li su sè stes­si, sen­za usa­re ma­te­ria­li truc­ca­ti». In­som­ma in Eu­ro­pa è no­to per es­se­re il re dei me­tal­li, le sue pie­ga­tu­re so­no uni­che e irresistibili.

In una del­le tan­te se­ra­te, tra per­so­nag­gi del­lo spet­ta­co­lo, co­no­sce Ma­ry, la sua mu­sa ispi­ra­tri­ce, che ri­pren­de tut­ti i suoi spet­ta­co­li e ali­men­ta pri­ma il si­to in­ter­net, poi l'app de­di­ca­ta. Un la­vo­ro, quel­lo di Die­go Ba­lan­zin da "tut­to esaurito" nel Tri­ve­ne­to, muo­ven­do­si tra tea­tri, ri­sto­ran­ti, lo­ca­li, ca­si­nò, fe­ste private.

Il suo piat­to for­te, ol­tre all'abi­li­tà e al­le do­ti il­lu­so­rie, è l'umo­ri­smo che apre ad un mon­do af­fa­sci­nan­te emi­ste­rio­so e gli con­sen­te di vi­ve­re nel­la ma­gia.

IL "MENTALISTA" Die­go Ba­lan­zin, in ar­te Die­go Ma­gic, du­ran­te uno spet­ta­co­lo e con l’as­si­sten­te e fu­tu­ra mo­glie

Ma­ry: si esi­bi­sce a Por­de­no­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.