Sta­zio­ne ri­cet­ta­co­lo di la­dri e ba­lor­di

Pen­do­la­ri mo­le­sta­ti e fur­ti. Un­bar­bo­ne dor­me da un an­no nei ba­gni. Al­tri "oc­cu­pa­no" la sa­la d’at­te­sa

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sanvitese - Al­ber­to Co­mis­so

Ba­ri­sta esa­spe­ra­to dal­le la­men­te­le de­gli av­ven­to­ri a cau­sa de­gli ubria­chi

Sta­zio­ne fer­ro­via­ria in­va­sa da ba­lor­di, la­dri, mo­le­sta­to­ri e sen­za tet­to. La si­tua­zio­ne, che da tem­po è og­get­to di at­ten­zio­ne da par­te del­la for­ze dell'or­di­ne e del per­so­na­le di Tre­ni­ta­lia, ne­gli ul­ti­mi pe­rio­di pa­re es­ser­si ag­gra­va­ta, tant’è che ol­tre ad es­se­re au­men­ta­ti i fur­ti, in par­ti­co­la­re di bi­ci­clet­te, spes­so i pen­do­la­ri, che aspet­ta­no il tre­no sul­la ban­chi­na, nel­la sa­la d'aspet­to o all'in­ter­no del bar, ven­go­no mo­le­sta­ti da per­so­ne po­co rac­co­man­da­bi­li. L'ul­ti­mo epi­so­dio ri­sa­le a qual­che gior­no fa. Al­le 6, nell'eser­ci­zio pub­bli­co, ge­sti­to da Er­mes Fran­zon si è pre­sen­ta­ta una don­na, sul­la cin­quan­ti­na, che, es­sen­do qua­si com­ple­ta­men­te ubria­ca, per cin­que ore ha tor­men­ta­to ri­pe­tu­ta­men­te gli av­ven­to­ri. Una sce­na, que­sta, che si era già ri­pe­tu­ta lu­ne­dì scor­so. Fran­zon, stan­co di que­ste sce­ne e an­che di sen­ti­re le la­men­te­le dei clien­ti, l'ha ac­com­pa­gna­ta fuo­ri al­me­no sei vol­te, ma an­che all'ester­no la don­na con­ti­nua­va a in­fa­sti­di­re i pre­sen­ti. Quin­di so­no in­ter­ve­nu­ti gli agen­ti del­la Pol­fer e i mi­li­ta­ri dell'ar­ma del­la sta­zio­ne lo­ca­le, ai qua­li non è ri­ma­sto al­tro che in­vi­tar­la ad an­dar­se­ne. Ma que­sto non è il pri­mo ca­so, poi­chè tem­po fa un uo­mo di mez­za età, già co­no­sciu­to al­le for­ze di po­li­zia, do­po aver di­la­pi­da­to una for­tu­na al­le slot ma­chi­ne, ave­va co­min­cia­to a in­sul­ta­re av­ven­to­ri e di­pen­den­ti dell'eser­ci­zio pub­bli­co.

Mo­le­sta­to­ri a par­te, la sta­zio­ne di Ca­sar­sa è di­ven­ta­ta an­che me­ta di sen­za tet­to. Ca­pi­ta in­fat­ti spes­so di ve­de­re un bar­bo­ne tro­va­re ri­co­ve­ro all'in­ter­no dei tre­ni di li­nea. Un uo­mo che una vol­ta in sta­zio­ne, chia­ma pu­re il 118 con la spe­ran­za di far­si ri­co­ve­ra­re. Poi c'è chi, co­me un 50en­ne ori­gi­na­rio di Se­sto al Reghena, che da un an­no vi­ve nei ba­gni del­la sta­zio­ne, che pe­rò vie­ne de­scrit­to co­me una per­so­na mi­te. Ma so­no nu­me­ro­si i "po­ve­rac­ci" che quan­do è pos­si­bi­le, bi­vac­ca­no, nel­la sa­la d'aspet­to. Co­sa que­sta che sol­le­va spes­so i ma­lu­mo­ri dei viag­gia­to­ri.

TRE­NI

La sta­zio­ne di Ca­sar­sa che di not­te di­ven­ta­ta un pun­to

di ri­fe­ri­men

to per bar­bo­ni e

ubria­chi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.