Il grazie di Giu­st ai suoi 152: sie­te ma­gni­fi­ci

I can­di­da­ti del Pd e del­le tre ci­vi­che riem­pio­no piaz­za Cal­de­ra­ri

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

POR­DE­NO­NE - (d.l.) «La cit­tà che ab­bia­mo da­van­ti og­gi è di­ver­sa da quel­la di cin­que an­ni fa. In mez­zo c’è sta­ta la cri­si che sap­pia­mo. Ma og­gi sia­mo qui per fare dell’aper­tu­ra, dell’in­te­gra­zio­ne e del ri­spet­to di una vi­ta buo­na per tut­ti il se­gno di­stin­ti­vo del­la no­stra cit­tà». Da­nie­la Giu­st si ri­vol­ge co­sì ai suoi can­di­da­ti del­le quat­tro li­ste che la so­sten­go­no: ie­ri se­ra il cen­tro­si­ni­stra ha riem­pi­to (de­fi­la­to tra il pub­bli­co an­che Ser­gio Bol­zo­nel­lo) la pic­co­la piaz­za Cal­de­ra­ri, die­tro il mu­ni­ci­pio. Il cli­ma è quel­lo del­la fe­sta, degli au­gu­ri re­ci­pro­ci per una cam­pa­gna elet­to­ra­le per nul­la fa­ci­le. Il so­le che sta per scen­de­re la­scia spazio a qual­che goc­cia di piog­gia che, pe­rò, ces­sa su­bi­to. «I no­stri obiet­ti­vi fon­da­men­ta­li - ha ag­giun­to Giu­st - so­no la­vo­ro, scuo­la, sa­ni­tà e be­nes­se­re in tut­ti i no­stri quar­tie­ri. Tut­ti sap­pia­mo che per noi è fon­da­men­ta­le non la­scia­re in­die­tro nes­su­no. Vi rin­gra­zio, tut­ti 152 per que­ste quat­tro ma­gni­fi­che li­ste. Vi sta­te im­pe­gnan­do e ave­te de­ci­so di met­ter­ci la fac­cia». E poi via con le pre­sen­ta­zio­ni del­le squa­dre. Il pri­mo a sa­li­re sul pal­co è il ca­po­li­sta del Pd, Fau­sto To­ma­sel­lo. L’emo­zio­ne è mol­ta e gli gio­ca uno sci­vo­lo­ne pro­prio men­tre sa­le sul pal­co: una ca­du­ta dal­la qua­le si rial­za im­me­dia­ta­men­te per chia­ma­re sul pal­co tut­ti i suoi "com­pa­gni" di li­sta. Un intervento il suo, dal qua­le tra­spa­re - non sen­za un piz­zi­co di com­mo­zio­ne - «l’amo­re per una cit­tà che ha sem­pre sa­pu­to ac­co­glie­re. E co­sì de­ve con­ti­nua­re a es­se­re».

Poi toc­che­rà a Ma­rio Bian­chi­ni chia­ma­re a rac­col­ta la com­pa­gi­ne del Fiu­me. «Ab­bia­mo di­mo­stra­to di sa­per­ci rin­no­va­re ogni vol­ta e sia­mo qui con­vin­ti di far­ce­la con tan­ti gio­va­ni e per­so­ne nuo­ve». È la vol­ta di Pn 1291: sul pal­co sa­le Eli­sa San­ta­ros­sa e in cie­lo spun­ta l’ar­co­ba­le­no: «Bel­lis­si­mo se­gna­le di spe­ran­za e di ri­spet­to dei di­rit­ti ci­vi­li». In­fi­ne,

Pie­ro Co­lus­si chia­ma i suoi "Cit­ta­di­ni". «Non ci so­no se e non ci so­no ma. Da­nie­la, bi­so­gna vin­ce­re. Non vor­rei - esor­ciz­za - por­ta­re sfi­ga: ci so­no al­cu­ne vo­ci (il ri­fe­ri­men­to è a un son­dag­gio che gi­re­reb­be, ndr) che ci da­reb­be­ro in se­con­da bat­tu­ta. Di­mo­stre­re­mo che non sa­rà af­fat­to co­si», af­fer­ma. Chiu­de il sin­da­co Clau­dio Pe­drot­ti: «Ab­bia­mo cer­tez­ze, non bi­so­gno di for­tu­na».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.