Had­ley: «Non so­no dio ma un uo­mo for­tu­na­to»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport - Va­len­ti­na Sil­ve­stri­ni

Il can­tan­te de­gli Span­dau ie­ri a Sesto

Una leg­gen­da nell'im­ma­gi­na­rio pop, To­ny Had­ley, can­tan­te en­tra­to nel­la sto­ria mon­dia­le co­me vo­ce de­gli Span­dau Bal­let, è tra­vol­gen­te nel­la sua af­fa­bi­li­tà e sim­pa­tia. Ep­pu­re un uo­mo tal­men­te sem­pli­ce da con­ver­sa­re su Bre­xit, il re­fe­ren­dum im­mi­nen­te e sul de­sti­no dell'eu­ro­pa e sul fat­to «che la Gran Bre­ta­gna do­vreb­be usci­re dall’ue, non so se lo fa­rà ma io ne so­no de­ci­sa­men­te a fa­vo­re. Non vo­glio un'eu­ro­pa fe­de­ra­li­sta». Il tut­to men­tre ri­la­scia un'in­ter­vi­sta in ca­me­ri­no e nel frat­tem­po si sti­ra la ca­mi­cia, «an­che se in real­tà - con­fi­da - pre­fe­ri­sco pas­sa­re l'aspi­ra­pol­ve­re, dà mol­ta più sod­di­sfa­zio­ne».

Had­ley, in un'im­pec­ca­bi­le si­gno­ri­li­tà tut­ta bri­tan­ni­ca, scon­fes­sa il mi­to del­le pop star: «Non c'è nul­la di peg­gio di en­tra­re in una sa­la di mu­si­ci­sti con cui ti de­vi esi­bi­re e ve­ni­re con­si­de­ra­to una sor­ta di Dio o di Giu­lio Ce­sa­re. In­som­ma io non so­no una per­so­na se­ria, amo la musica e l'ul­ti­ma co­sa che vo­glio è che i miei mu­si­ci­sti si sen­ta­no in im­ba­raz­zo. Non rie­sco a pen­sar­mi co­me a un'ico­na, mi re­pu­to so­lo for­tu­na­to» spie­ga su­bi­to do­po le prove e pri­ma del con­cer­to con i suoi cin­quan­ta or­che­stra­li del­la Ab­bey To­wn Jazz Or­che­stra e dell'ac­ca­de­mia d'ar­chi Ar­ri­go­ni. L'oc­ca­sio­ne è una de­li­zia: un con­cer­to tri­bu­to a Frank Si­na­tra an­da­to in sce­na ie­ri se­ra in piaz­za Ca­stel­lo a Sesto al Reghena nell'am­bi­to del Sex­to Vin­ta­ge.

«Tra i bra­ni di Frank Si­na­tra, quel­li che pre­fe­ri­sco so­no Bewit­ched che ha un ar­ran­gia­men­to stu­pen­do. E poi My Way, è un pez­zo tri­ste e toc­can­te. Mi ca­pi­ta di pen­sa­re a Si­na­tra che la can­ta­va ver­so la fi­ne del­la car­rie­ra» rac­con­ta. E im­man­ca­bi­li so­no an­che al­cu­ni dei bra­ni glo­rio­si de­gli Span­dau, co­me True, Gold e Th­rou­gh the Bar­ri­ca­des, can­ta­ti mi­glia­ia di vol­te «ma che non smet­te­rò mai di fa­re, so­no pez­zi bel­lis­si­mi e inol­tre ad ascol­tar­li cia­scu­na vol­ta ci so­no per­so­ne di­ver­se per le qua­li quel­la can­zo­ne han­no avu­to un si­gni­fi­ca­to e una sto­ria di­ver­sa. È stu­pi­do pen­sa­re di non fa­re le pro­prie hit, co­me fan­no al­cu­ni». Il pas­sag­gio nel Nor­de­st è sta­to di un gior­no e mez­zo, il tem­po per sco­pri­re Sesto al Reghena «un pic­co­lo bor­go mol­to ca­ri­no. E poi le per­so­ne! Stu­pen­de, co­me i due av­ven­to­ri con cui ho tra­scor­so la se­ra­ta di mer­co­le­dì a par­la­re me­tà in ita­lia­no e me­tà in in­gle­se sor­seg­gian­do bir­ra e grap­pa. L'ospi­ta­li­tà ita­lia­na è qual­co­sa di ec­ce­zio­na­le, tut­ti ti of­fro­no da be­re e da man­gia­re. A di­re il ve­ro una pec­ca c'è: ne­gli al­ber­ghi ita­lia­ni non ave­te il fer­ro da sti­ro!». Ele­gan­te nell'ani­mo, una ma­no in ta­sca e l'al­tra a te­ne­re il mi­cro­fo­no Had­ley, rom­pe qual­sia­si bar­rie­ra os­se­quio­sa «stia­mo sem­pli­ce­men­te fa­cen­do il no­stro me­ra­vi­glio­so la­vo­ro, e pen­sa­re che io do­po 35 an­ni lo stia an­co­ra fa­cen­do, beh è un so­gno» spie­ga do­po aver fir­ma­to au­to­gra­fi e aver ri­vol­to un sor­ri­so a chiun­que lo fer­mi. «L'or­che­stra è me­ra­vi­glio­sa, mol­ti di lo­ro so­no pro­fes­sio­ni­sti, al­tri no, ci so­no vio­li­ni­sti ap­pe­na quat­tor­di­cen­ni, ep­pu­re so­no tut­ti bra­vis­si­mi han­no fat­to un ot­ti­mo la­vo­ro». Quan­to a Si­na­tra «beh è uno sti­le com­ple­ta­men­te di­ver­so dal mio e per me è una ve­ra sfi­da per­ché io ho una to­na­li­tà più al­ta, ma ado­ro can­ta­re in sti­le croo­ning».

IN SWING Il can­tan­te To­ny Had­ley ie­ri se­ra si è esi­bi­to a Sesto al Reghena per Sex­to Vin­ta­ge ac­com­pa­gna­to dall’ab­bey To­wn Or­che­stra e dall’ac­ca­de­mia Ar­ri­go­ni

(Fo­to Vi­ni­cio Scor­te­ga­gna)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.