«Se­vi­zie e ago­nia Ya­ra fu uc­ci­sa con cru­del­tà»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Attualità -

Du­ra re­qui­si­to­ria del pm con­tro Bos­set­ti

BER­GA­MO - Sul Dna «non esi­sto­no mar­gi­ni di di­scus­sio­ne» e co­me si è ar­ri­va­ti a Mas­si­mo Bos­set­ti «di­mo­stra che non si è mai vo­lu­to cer­ca­re un col­pe­vo­le a tut­ti i co­sti». Bos­set­ti avreb­be agi­to «con se­vi­zia e cru­del­tà» su Ya­ra Gam­bi­ra­sio, con fe­ri­te non mor­ta­li che avreb­be­ro pro­vo­ca­to una lun­ga ago­nia. Il pm Le­ti­zia Rug­ge­ri at­tac­ca a fon­do su­bi­to e poi spen­de gran par­te del­la sua re­qui­si­to­ria nel pro­ces­so, che si con­clu­de­rà mer­co­le­dì con una ri­chie­sta di er­ga­sto­lo che ap­pa­re scon­ta­ta per il mu­ra­to­re di Ma­pel­lo, di­lun­gan­do­si sul­la prova re­gi­na del Dna tro­va­to sul cor­po del­la ra­gaz­za che, se­con­do le ana­li­si di Ris e con­su­len­ti del­la Pro­cu­ra, ap­par­tie­ne all'im­pu­ta­to.

Un per­cor­so scien­ti­fi­co, ri­bat­te il magistrato al­le os­ser­va­zio­ni del­la di­fe­sa, che di­mo­stra co­me l'as­sas­si­no di Ya­ra «è un uo­mo del po­sto, na­to e cre­sciu­to in que­ste zo­ne e che la­vo­ra nell'edi­li­zia, con la­vo­ri sem­pre svol­ti in quel­le zo­ne». Il pub­bli­co mi­ni­ste­ro ri­cor­da co­me, do­po la scom­par­sa di Ya­ra, il 26 no­vem­bre 2010, «ci spac­cam­mo la te­sta in que­sta in­da­gi­ne» che è «uni­ca non so­lo nel no­stro Pae­se, ma in tut­ti quel­li del mon­do e ha coin­vol­to tut­ti i li­vel­li de­gli in­ve­sti­ga­to­ri, dai re­par­ti spe­cia­liz­za­ti (Ros e Sco) al­le sta­zio­ni dei ca­ra­bi­nie­ri al­le Que­stu­re». Fu­ro­no pre­se in con­si­de­ra­zio­ne tut­te le ipo­te­si, dal ra­pi­men­to al­lo scam­bio di per­so­na. Nul­la fi­no al ri­tro­va­men­to del ca­da­ve­re, nel cam­po di Chi­gno­lo d'iso­la, tre me­si do­po («le in­da­gi­ni geo­lo­gi­che, bo­ta­ni­che ed en­to­mo­lo­gi­che di­mo­stra­no che è sta­ta ag­gre­di­ta, è mor­ta ed è ri­ma­sta in quel cam­po», ha det­to per sgom­be­ra­re il cam­po a una ri­co­stru­zio­ne al­ter­na­ti­va sug­ge­ri­ta dall'ana­to­mo­pa­to­lo­go del­la di­fe­sa). Poi, quel Dna tro­va­to su­gli slip del­la ra­gaz­za che di­ven­ne «un fa­ro» per il se­gui­to del­le in­da­gi­ni. Quel­la trac­cia fu ana­liz­za­ta e si aprì la pi­sta di Gor­no, do­ve vi­ve­va l'au­ti­sta di au­to­bus Giu­sep­pe Gue­ri­no­ni men­tre in­da­gi­ni «col tac­cui­no, vec­chio sti­le» cir­co­scris­se­ro il cam­po del­le don­ne del­la zo­na con cui l'uo­mo, mor­to nel '91, po­te­va ave­re avu­to una re­la­zio­ne e un fi­glio il­le­git­ti­mo. Si ar­ri­vò a Ester Ar­zuf­fi, ma­dre di Mas­si­mo. Il con­fron­to, de­ci­si­vo, con quel­lo del fi­glio mag­gio­re, pre­le­va­to con l'esca­mo­ta­ge del con­trol­lo con l'eti­lo­me­tro, chiu­se il cer­chio. «E l'uni­co iden­ti­fi­ca­ti­vo e che ab­bia va­lo­re fo­ren­se - ha ri­ba­di­to il pm - è quel­lo nu­clea­re, che è di Bos­set­ti, men­tre il fat­to che quel­lo mi­to­con­dria­le non ri­sul­tò es­se­re suo non in­fi­cia il ri­sul­ta­to». Bos­set­ti che, il gior­no del fer­mo, per il pm cer­cò di fug­gi­re dall'im­pal­ca­tu­ra del can­tie­re di Se­ria­te. «Lo han­no rac­con­ta­to tre in­ve­sti­ga­to­ri che lo han­no vi­sto da tre di­ver­se pro­spet­ti­ve».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.