In Spa­gna Ro­sberg già do­mi­na ma le Fer­ra­ri rea­gi­sco­no be­ne

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

FOR­MU­LA 1 Vet­tel: «Pos­sia­mo es­se­re più for­ti»

BAR­CEL­LO­NA - Con­ti­nua il mo­men­to ma­gi­co di Ni­co Ro­sberg dall'ini­zio del­la sta­gio­ne 2016. Do­po aver vin­to le pri­me quat­tro ga­re dell'an­no, il pi­lo­ta te­de­sco del­la Mer­ce­des non si fer­ma nean­che nel­le li­be­re del Gran Pre­mio di Spa­gna pren­den­do­si il mi­glior tem­po as­so­lu­to e dan­do l'en­ne­si­ma di­mo­stra­zio­ne di for­za. Be­ne le Fer­ra­ri, le più ve­lo­ci al mat­ti­no e in se­con­da po­zio­ne nel po­me­rig­gio con Ki­mi Raik­ko­nen mo­stran­do un pas­so gara al li­vel­lo del­le Stel­le d'ar­gen­to. Ter­zo Lewis Ha­mil­ton da­van­ti al­la Ros­sa di Se­ba­stian Vet­tel ad ol­tre un se­con­do da Ro­sberg.

In condizioni si­mi­li a quel­le at­te­se per le qua­li­fi­che e la pri­ma par­te di gara, i fer­ra­ri­sti han­no te­sta­to le me­sco­le me­dium e soft nel­le con­sue­te pro­ve di du­ra­ta. Ri­sol­ti i pro­ble­mi le­ga­ti all'as­set­to di ini­zio tur­no, Vet­tel ha ri­tro­va­to in fret­ta un buon pas­so sul cir­cui­to ca­ta­la­no, do­ve ven­to e condizioni dell'asfal­to han­no gio­ca­to co­me sem­pre un ruo­lo im­por­tan­te. «Non è sta­to un gior­no per­fet­to, ma do­vreb­be an­da­re me­glio. Nel po­me­rig­gio per noi è sta­to più dif­fi­ci­le ri­spet­to al mat­ti­no, ma ag­giun­ge il pi­lo­ta te­de­sco del­la Fer­ra­ri - cre­do che si pos­sa la­vo­ra­re an­co­ra sul­la mac­chi­na per mi­glio­rar­la. Di so­li­to sia­mo ab­ba­stan­za for­ti in que­sto. Al­la fi­ne è so­lo ve­ner­dì, dob­bia­mo es­se­re cau­ti nei giu­di­zi. Cre­do che la pri­ma im­pres­sio­ne sul rit­mo sia sta­ta buo­na. In ge­ne­ra­le pen­so che si pos­sa fa­re un pas­so avan­ti ed es­se­re più for­ti».

Fe­li­ce del suo ve­ner­dì l'al­tro fer­ra­ri­sta Raik­ko­nen: «Ci sia­mo con­cen­tra­ti sul nostro pro­gram­ma. A un cer­to pun­to so­no rien­tra­to per fa­re un con­trol­lo sul­la vet­tu­ra, vo­le­va­mo es­se­re si­cu­ri che tut­to fos­se a po­sto. Era un pro­ble­ma di scar­sa ri­le­van­za e al­la fi­ne del­la ses­sio­ne sia­mo riu­sci­ti a fa­re tut­to quel­lo che vo­le­va­mo. È dif­fi­ci­le di­re do­ve ci tro­via­mo ri­spet­to ai no­stri av­ver­sa­ri - am­met­te il pi­lo­ta fin­lan­de­se del­la Fer­ra­ri - è sta­ta una buo­na gior­na­ta, ma cer­ta­men­te si può an­co­ra mi­glio­ra­re. Que­sto è un cir­cui­to par­ti­co­lar­men­te esi­gen­te per le gom­me, con un ul­ti­mo trat­to mol­to tor­tuo­so, ma que­sto va­le per tut­ti. Ri­spet­to al­la Rus­sia qui è più fa­ci­le far la­vo­ra­re le gom­me, ma c'è an­co­ra mol­to la­vo­ro da fa­re per es­se­re soddisfatti al 100% del bi­lan­cia­men­to del­la vet­tu­ra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.