«Mia so­rel­la era una don­na pie­na di vi­ta»

«Ave­va de­ci­so di non la­vo­ra­re per ora, ma si im­pe­gna­va nel so­cia­le»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

De­vis Fur­lan non vuo­le cre­de­re ad un ge­sto vo­lon­ta­rio

POR­CIA - (m.a.) De­vis Fur­lan ha lo sguar­do pie­tri­fi­ca­to. Non rie­sce a cre­de­re che Cri­sti­na, sua so­rel­la, sia sta­ta ri­tro­va­ta po­che ore pri­ma in fon­do a un la­go e che con lei ci fos­se Lo­ren­zo, il ni­po­ti­no a cui era tan­to af­fe­zio­na­to. Ma so­prat­tut­to non vuo­le cre­de­re ad un even­tua­le ge­sto vo­lon­ta­rio.

Tro­va la for­za, è lui a ri­cor­da­re la so­rel­la nel gior­no del do­lo­re. Lo fa dal cancello del­la ca­sa di via Val­stor­ta, do­ve Cri­sti­na Fur­lan era cre­sciu­ta con la sua fa­mi­glia, a po­chi pas­si da una del­le spon­de del la­go del­la Bu­ri­da. «Cri­sti­na - di­ce trat­te­nen­do le la­cri­me nel ten­ta­ti­vo di ri­ma­ne­re for­te di fron­te al­la tra­ge­dia - era una don­na pie­na di vi­ta. Non può es­se­re, per­ché ama­va quel­lo che fa­ce­va».

De­vis Fur­lan par­la di quel­la che lui de­fi­ni­sce una scel­ta: «Ave­va de­ci­so di non la­vo­ra­re, per­lo­me­no per ora spie­ga an­co­ra il fra­tel­lo - e di sta­re so­la­men­te con i suoi due bam­bi­ni che ama­va tan­tis­si­mo. Ap­pe­na po­te­va pe­rò si im­pe­gna­va per gli al­tri, non era avul­sa dal so­cia­le. Era co­sì, so­la­re, pie­na di vi­ta ap­pun­to. Se­gna­li? No, non ne ave­va da­ti, at­ten­dia­mo di co­no­sce­re la ve­ri­tà sull'ac­ca­du­to».

Poi l'emo­zio­ne pren­de il so­prav­ven­to, e De­vis chie­de il si­len­zio. A ri­cor­da­re Cri­sti­na Fur­lan è an­che Chia­ra, cu­gi­na di pri­mo gra­do del ma­ri­to Lo­ris: «Una don­na sor­ri­den­te» si li­mi­ta ad af­fer­ma­re. Lo stes­so Lo­ris Pi­va, in­ve­ce, rien­tra a ca­sa ac­com­pa­gna­to dai pa­ren­ti ver­so le 19.30. Il vol­to sfi­gu­ra­to dal do­lo­re, lo sguar­do nel vuo­to di chi ha per­so qua­si tut­to. Non vuo­le par­la­re, è trop­po quan­to gli è ap­pe­na suc­ces­so. Lo fa, cer­can­do pa­ro­le di con­for­to, l'ami­co Fa­bio Ve­ro­ne­se: «So­no sen­za pa­ro­le di­ce -. Non po­te­vo nem­me­no im­ma­gi­nar­lo. Lo­ris è sem­pre sta­to ri­ser­va­to. È un ful­mi­ne che col­pi­sce tut­ti. So­no vi­ci­no al­la fa­mi­glia».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.