I ME­RI­TI DEL­LA JU­VE

Il Gazzettino (Pordenone) - - Lettere & Opinioni -

Ho ap­prez­za­to e ca­pi­to la let­te­ra del si­gnor Gi­gi Ber­ti che ha de­scrit­to la sua ama­rez­za per le sor­ti del Mi­lan. È ra­ro tro­va­re tan­ta cor­ret­tez­za di espres­sio­ne in un ti­fo­so di foot­ball in Ita­lia. Si­gnor Ber­ti, il Mi­lan ha vin­to pa­rec­chio nel cor­so de­gli an­ni an­da­ti, so­prat­tut­to nel­le Coppe, che so­no un po’ co­me la Pa­ri­gi-rou­baix, do­ve se fo­ri a 10 chi­lo­me­tri dal tra­guar­do sei fre­ga­to. In­ten­do di­re che nel­le par­ti­te sec­che, o al più di an­da­ta-ri­tor­no, la for­tu­na, il mo­men­to, l'er­ro­re di un ar­bi­tro con­ta­no pa­rec­chio. La Ju­ve di Coppe se n'è vi­ste scip­pa­re più d'una. Ma nei cam­pio­na­ti, che so­no co­me il Tour de Fran­ce e du­ra­no 8 me­si, con­ta­no for­za, te­na­cia e re­si­sten­za e su quel ter­re­no la squa­dra bian­co­ne­ra è for­tis­si­ma, per­chè da un se­co­lo ha l'im­pron­ta del­la pro­prie­tà, che è sem­pre la stes­sa, la fa­mi­glia Agnel­li, fe­no­me­no uni­co nel pa­no­ra­ma cal­ci­sti­co mon­dia­le. Ec­co per­chè co­me ti­fo­so ju­ven­ti­no og­gi so­no par­ti­co­lar­men­te or­go­glio­so. Cin­que scu­det­ti di fi­la non li vin­ci nè con gli "aiu­ti­ni" nè con gli "aiu­to­ni" (ve­ro Tot­ti?), li vin­ci sol­tan­to se sei la squa­dra più for­te. Pun­to. E pen­sa­re che quel­la squa­dra (e quel­la so­cie­tà) han­no cer­ca­to di can­cel­lar­la dal cal­cio ita­lia­no, 10 an­ni fa, per­chè vin­ce­va trop­po: al­la lu­ce di que­sti ri­sul­ta­ti, di­rei che vin­ce­va trop­po po­co,

Mau­ro Pre­mu­da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.