Al­fa­no in di­fe­sa: non è il la­scia­pas­sa­re a tut­to

Il lea­der di Ncd fis­sa i pa­let­ti: te­me di per­de­re il vo­to dei cat­to­li­ci do­po l’ap­pog­gio al­la leg­ge sul­le unio­ni ci­vi­li

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

Già nell'ul­ti­mo Fa­mi­ly Day, An­ge­li­no Al­fa­no non era un eroe del­la fol­la. Tutt'al­tro. Ve­ni­va con­si­de­ra­to trop­po lai­co e trop­po ren­zia­no - o for­se, sem­pli­ce­men­te, un «cat­to­li­co adul­to» e da quel­le par­ti que­st'espres­sio­ne non è un com­pli­men­to - il lea­der dei mo­de­ra­ti di Area Po­po­la­re e la frat­tu­ra tra quel mon­do mol­to teo e la po­li­ti­ca me­dia­tri­ce di Al­fa­no era evi­den­tis­si­mo. Ades­so, lo strap­po è an­co­ra più evi­den­te. E ciò che im­pres­sio­na, e ri­sul­ta co­me un ine­di­to as­so­lu­to, è che sta­vol­ta è Al­fa­no a ria­pri­re la con­te­sa con la Chie­sa, do­po le pa­ro­le di Ba­gna­sco al­le qua­li il lea­der cat­to­li­co ri­spon­de in ma­nie­ra as­sai po­le­mi­ca. C'è il ti­mo­re, pres­so i cen­tri­sti, di per­de­re i vo­ti cat­to­li­ci do­po aver so­ste­nu­to la bat­ta­glia ren­zia­na sul­le unio­ni vi­ci­li e dun­que bi­so­gna ri­ba­di­re, da par­te al­fa­nia­na, che quel­la leg­ge è or­to­dos­sa ri­spet­to al­la dot­tri­na e non sov­ver­te af­fat­to la fa­mi­glia tra­di­zio­na­le.

Al­fa­no si espri­me co­sì, ri­vol­to al pre­si­den­te del­la Cei: «Lo di­co con il ri­spet­to che ho sem­pre avu­to e con­ti­nue­rò ad ave­re del car­di­na­le Ba­gna­sco. Ma la sua in­ter­pre­ta­zio­ne del­la leg­ge sul­le unio­ni ci­vi­li, co­me la­scia­pas­sa­re per l'utero in af­fit­to, non cor­ri­spon­de a quan­to in quel­la leg­ge c'è scrit­to».

RA­GION DI STA­TO - Ed en­tra nel me­ri­to del­la nor­ma il lea­der dei cen­tri­sti, di­vi­so tra la fe­del­tà da buon cat­to­li­co al­la Chie­sa e la Ra­gion di Sta­to che con­si­ste nel­lo sta­re af­fian­co di ren­zi an­che in que­sta bat­ta­glia cer­can­do di mi­glio­ra­re quel­la leg­ge co­me in par­te è riu­sci­to a fa­re. Una af­fer­ma­zio­ne com quel­la del pre­mier - «Ho giu­ra­to sul­la Co­sti­tu­zio­ne non sul Van­ge­lo» - è di una ru­vi­di­tà che non è nel­lo sti­le di Al­fa­no. Ma egli si sen­te co­mun­que di di­fen­de­re l'ope­ra­to del go­ver­no omo­ses­sua­li né nel­la for­ma di­ret­ta né nel­la for­ma in­di­ret­ta del­la ste­p­child adop­tion. Me­no che mai si ac­cen­na all'utero in af­fit­to che non po­trà cer­to es­se­re in fu­tu­ro in­tro­dot­to nel­la no­stra le­gi­sla­zio­ne in ba­se a que­sta nor­ma. Di que­sto i tri­bu­na­li do­vran­no te­ne­re ne­ces­sa­ria­men­te con­to: c'è un nuo­vo isti­tu­to, le unio­ni ci­vi­li, che ha di­rit­ti e do­ve­ri, tra i di­rit­ti non è con­tem­pla­to quel­lo dell'ado­zio­ne».

È di­ven­ta­to lai­ci­sta Al­fa­no? Ma fi­gu­ria­mo­ci. Il pa­ra­dos­so è che men­tre Area Po­po­la­re li­ti­ga con la Chie­sa, quel che re­sta di For­za Ita­lia - che sem­pre è sta­ta at­tra­ver­sa­ta da for­ti ven­ti li­ber­ta­ri e an­che li­ber­ti­ni an­che ie­ri si è schie­ra­ta su que­sta ma­te­ria in fa­vo­re del­la Cei. «Ha ra­gio­ne Ba­gna­sco», an­nun­cia Mau­ri­zio Ga­spar­ri: «Que­sta leg­ge apre la stra­da all'utero in af­fit­to». Al­tro pa­ra­dos­so, ma nean­che tan­to, è che i fuo­riu­sci­ti da Ncd, os­sia Gae­ta­no Qua­glia­riel­lo con la sua Idea, non fan­no che schie­rar­si con i ve­sco­vi con­tro Al­fa­no.

NO BA­CIO - An­che il mi­ni­stro del­la Fa­mi­glia, En­ri­co Co­sta, al­fa­neo, non ba­cia la pan­to­fo­la: «Non ci sa­rà nes­su­na con­se­guen­za ca­ta­stro­fi­ca». E ri­lan­cia, na­tu­ral­men­te, su­gli in­ve­sti­men­ti in fa­vo­re del­le fa­mi­glie. Al­fa­no non sem­bra spa­ven­ta­to dal­lo scon­tro in cor­so. Ri­ven­di­ca il la­vo­ro di me­dia­zio­ne po­li­ti­ca che ha fat­to e il ri­sul­ta­to di aver evi­ta­to nel te­sto il si­mil­ma­tri­mo­nio e la ste­p­child adop­tion.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.