Tu­bo rot­to, ac­qua e fan­go dai ru­bi­net­ti

Squar­cia­ta la con­dot­ta: per ore bloc­ca­ta l’ero­ga­zio­ne a cen­ti­na­ia di fa­mi­glie

Il Gazzettino (Pordenone) - - Pordenone - Al­ber­to Co­mis­so

Il fat­to è ac­ca­du­to du­ran­te i la­vo­ri per la ro­ta­to­ria tra le vie Un­ga­re­sca, Dar­da­go e Plan­ton

«Dai ru­bi­net­ti esce ac­qua mar­ro­ne». Que­sto l'al­lar­me lan­cia­to ie­ri mat­ti­na, po­co pri­ma del­le 11, da di­ver­si cit­ta­di­ni che abi­ta­no tra Por­de­no­ne e Porcia. Un'area este­sa, che ha in­te­res­sa­to cen­ti­na­ia di fa­mi­glie. Nu­me­ro­se le chia­ma­te al­la Po­li­zia mu­ni­ci­pa­le agli uf­fi­ci co­mu­na­li e a Hy­dro­gea che si oc­cu­pa del­le ge­stio­ne del ser­vi­zio idri­co. Pre­sto i tec­ni­ci, coor­di­na­ti dal ca­po ope­ra­io Gio­van­ni Si­st, han­no sco­per­to l'ori­gi­ne del pro­ble­ma. La Co­spe­dil di Cim­pel­lo di Fiu­me Ve­ne­to, l'im­pre­sa che si è ag­giu­di­ca­ta i la­vo­ri per la rea­liz­za­zio­ne del­la ro­ta­to­ria tra via­le Venezia, via del Plan­ton, Un­ga­re­sca e Dar­da­go, du­ran­te gli sca­vi ave­va rot­to per er­ro­re non un tu­bo qua­lun­que, ma la con­dut­tu­ra prin­ci­pa­le che ser­ve l'ac­qua po­ta­bi­le, pro­ve­nien­te dall'ac­que­dot­to, al­la par­te al­ta di Por­de­no­ne e Porcia. Un tu­bo di ce­men­to amian­to, del dia­me­tro di 200 mil­li­me­tri si è squar­cia­to in due. Il dan­no è sta­to cau­sa­to dal­la ben­na di una ru­spa che, spo­stan­do un sas­so di gros­se di­men­sio­ni, ha pro­vo­ca­to la cre­pa.

In po­chi mi­nu­ti via del Plan­ton e via Un­ga­re­sca si so­no tra­sfor­ma­te in un tor­ren­te d’ac­qua. Gli ope­rai han­no pro­va­to a tam­po­na­re la fuo­riu­sci­ta dell'ac­qua, ma non c'è sta­to ver­so. Per più di tre ore una par­te di Por­de­no­ne e Porcia è ri­ma­sta sen­za ap­prov­vi­gio­na­men­ti. Non so­lo. Di­ver­se uten­ze han­no do­vu­to fa­re i con­ti con la fuo­riu­sci­ta dai ru­bi­net­ti di ac­qua mar­ro­ne dal mo­men­to che, nel­lo sca­vo pro­fon­do cir­ca un me­tro e mez­zo, si era me­sco­la­ta con il fan­go. Alan Oli­vo, il geo­me­tra che segue per con­to del­la Co­spe­dil i la­vo­ri di rea­liz­za­zio­ne del­la ro­ton­da rac­con­ta. «Mi han­no chia­ma­to d'ur­gen­za - af­fer­ma - e quan­do so­no ar­ri­va­to ho tro­va­to una si­tua­zio­ne com­ples­sa. Gli ope­rai, co­mun­que, han­no fat­to il pos­si­bi­le per li­mi­ta­re i dan­ni».

Sul po­sto per con­to di Hy­dro­gea è ar­ri­va­to an­che il di­ret­to­re, Mau­ro Tre­vi­san. «Il ser­vi­zio idri­co - ha spie­ga­to l'am­mi­ni­stra­to­re uni­co Gio­van­ni Dean - è sta­to ri­pri­sti­na­to do­po al­cu­ne ore. Ci scu­sia­mo con gli uten­ti ma, lo ri­ba­di­sco, non è di­pe­so da noi. Il tu­bo rot­to è sta­to si­ste­ma­to nel pun­to del­lo squar­cio: la ri­pa­ra­zio­ne ha com­por­ta­to una spe­sa che si ag­gi­ra at­tor­no ai 5 mi­la eu­ro, di cui ora do­vrà far­si ca­ri­co l'im­pre­sa di Fiu­me Ve­ne­to». Nu­me­ro­si i di­sa­gi, an­che per al­cu­ni com­mer­cian­ti. La par­ruc­chie­ra Sa­bi­na Fal­co­ne, ti­to­la­re dell'omo­ni­mo sa­lo­ne di via del Plan­ton, è sta­ta co­stret­ta ad an­nul­la­re di­ver­si appuntamenti. «Un bel dan­no eco­no­mi­co - al­lar­ga le brac­cia - in un mo­men­to co­me que­sto non cer­to fa­vo­re­vo­le per l'eco­no­mia». POR­DE­NO­NE - Do­po la ro­ton­da so­pran­no­mi­na­ta "Mi­nion" di piaz­za Du­ca d’ao­sta che ha fat­to im­paz­zi­re gli au­to­mo­bi­li­sti, i par­cheg­gi "spre­co" in via Mar­ro­ne, do­ve per al­tro per crea­re la so­sta per un di­sa­bi­le è sta­to uti­liz­za­to uno spa­zio di ben 7 me­tri, e, gli stal­li di­se­gna­ti in cur­va e qua­si al cen­tro dell’in­cro­cio tra via dei Mo­li­ni e via Ro­ma, ec­co un al­tro "cu­rio­so" la­vo­ro de­sti­na­to a far di­scu­te­re. Tra via Ober­dan e via de Pao­li, in­fat­ti, so­no ap­par­se del­le stri­sce pe­do­na­li di co­lo­re gial­lo (nel­la fo­to di Da­ni­lo Rom­mel) che dal mar­cia­pie­de fi­ni­sco­no in una aiuo­la do­ve è vie­ta­to cal­pe­sta­re. Un pa­ra­dos­so, que­sto, su­bi­to se­gna­la­to sui so­cial, do­ve è sta­to im­me­dia­ta­men­te con­di­vi­so da un cen­ti­na­io di uten­ti. Al­cu­ni dei qua­li si chie­do­no: ma chi è che pro­get­ta que­sti ob­bro­bri? Ob­bro­bri che a quan­to pa­re poi re­sta­no sen­za ri­me­dio. I par­cheg­gi di via Mar­ro­ne in­fat­ti so­no ri­ma­sti ta­li no­no­stan­te la pe­ti­zio­ne dei re­si­den­ti e le pro­mes­se ri­ce­vu­to da Co­mu­ne e Po­li­zia mu­ni­ci­pa­le, e lo stes­so ac­ca­de per quel­li a for­ma di "ba­na­na" in via dei Mo­li­ni.

Uni­ca vo­ce fuo­ri dal co­ro, a pro­po­si­to del­le stri­sce pe­do­na­li di via de Pao­li è quel­la di Da­vi­de Raf­fin che giu­sti­fi­ca l’ope­ra­to: «Le stri­sce pe­do­na­li so­no in par­te - sot­to­li­nea -. L'ho vi­sto pri­ma e si trat­ta di una se­gna­la­zio­ne di dos­so, co­me pre­vi­sto dal Co­di­ce. La fo­to è fuor­vian­te e vie­ne da pen­sa­re che sia fa­zio­sa».

AC­QUE­DOT­TO I la­vo­ri in cor­so tra via Plan­ton, via Dar­da­go e la Pon­teb­ba­na

do­ve ie­ri è sta­to rot­to un tu­bo dell’ac­qua

cau­san­do di­ver­si di­sa­gi a

tan­ti uten­ti

LA­VO­RI PUB­BLI­CI Le stri­sce pe­do­na­li che so­no sta­te rea­liz­za­te (an­che se c’è an­co­ra in cor­so

il can­tie­re)

BUF­FET Al par­co Gal­va­ni do­po il con­gres­so

tri­ve­ne­to del­le Ca­me­re ci­vi­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.