Bru­cia­ti i sol­di per i fa­ri al To­gnon

Sca­du­ti i ter­mi­ni per ac­ce­de­re ai 376 mi­la eu­ro del­la Re­gio­ne

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sacilese - Rioc­car­do Sac­con

Tor­ri di il­lu­mi­na­zio­ne ne­ces­sa­rie per ospi­ta­re an­che par­ti­te del­la Na­zio­na­le

Com­pro­mes­sa in via de­fi­ni­ti­va la pos­si­bi­li­tà di ri­fa­re le tor­ri fa­ro del­lo sta­dio Ome­ro To­gnon di Fon­ta­na­fred­da. Co­me an­nun­cia­to nell'ul­ti­mo con­si­glio co­mu­na­le dal sin­da­co Clau­dio Pe­ru­ch, so­no an­da­ti per­du­ti per sca­den­za i 376mi­la eu­ro (co­sto del pro­get­to 450mi­la in to­ta­le) che la Re­gio­ne ave­va con­ces­so al­cu­ni an­ni fa per un pro­get­to di so­sti­tu­zio­ne del­le tor­ri e dei fa­ri il­lu­mi­nan­ti, ade­guan­do il tut­to al­le pre­scri­zio­ni e agli stan­dard del­la Fg­ci che pre­ve­de un’il­lu­mi­na­zio­ne mol­to in­ten­sa al fi­ne di ga­ran­ti­re la lu­mi­no­si­tà ri­chie­sta per le ri­pre­se te­le­vi­si­ve. Un pro­get­to co­sto­so che avreb­be pe­rò per­mes­so a Fon­ta­na­fred­da di ospi­ta­re par­ti­te im­por­tan­ti del­le squa­dre mag­gio­ri. Il pro­get­to tro­vò uno stop già con l'am­mi­ni­stra­zio­ne Ba­vie­ra. L'al­lo­ra as­ses­so­re al­lo sport Ales­san­dro Fel­trin an­nun­ciò in­fat­ti che non era se­rio pen­sa­re di in­ve­sti­re tut­ti quei sol­di per un’ope­ra si­mi­le, quan­do c'era­no trop­pe fa­mi­glie che sta­va­no vi­ven­do si­tua­zio­ni di pre­ca­rie­tà a cau­sa del­la dif­fi­ci­le si­tua­zio­ne eco­no­mi­ca. Il pro­get­to tor­nò di nuo­vo in au­ge con la nuo­va am­mi­ni­stra­zio­ne Pe­ru­ch, che la in­se­rì tra le ope­re da rea­liz­za­re al fi­ne di non per­de­re quel con­tri­bu­to. Il tut­to avreb­be do­vu­to es­se­re pe­rò in­se­ri­to all'in­ter­no di un Pro­ject fi­nan­cing da af­fi­da­re con un ban­do, nell'am­bi­to del­le nuo­ve con­ven­zio­ni per la ge­stio­ne de­gli im­pian­ti spor­ti­vi da af­fi­da­re ad una as­so­cia­zio­ne. Il tut­to pe­rò si bloc­cò in oc­ca­sio­ne del­la pri­ma cri­si di giun­ta, quel­la del 2015, al­lor­ché Lo­ris Mo­ro fe­ce sal­ta­re la va­ria­zio­ne di bi­lan­cio pro­prio per gli in­ve­sti­men­ti in Pro­ject fi­nan­cing per la ge­stio­ne del­lo sta­dio e dei va­ri cam­pi da cal­cio e dei cam­pi da tennis. «Pur­trop­po quel­la - ri­cor­da Pe­ru­ch - era l'ul­ti­ma pos­si­bi­li­tà per ac­ce­de­re a quel con­tri­bu­to. Gli uf­fi­ci re­gio­na­li han­no già co­mu­ni­ca­to che i ter­mi­ni so­no sca­du­ti. So­lo la po­li­ti­ca può por­vi ri­me­dio. Ab­bia­mo già sen­ti­to l'as­ses­so­re re­gio­na­le. Ve­dre­mo». Il tut­to è ap­pe­so ad un fi­lo. E la si­tua­zio­ne del­la mag­gio­ran­za di que­sti gior­ni non aiu­ta di cer­to. Nell'ul­ti­mo black out in­tan­to è in­ter­ve­nu­ta la Gri­mel che ha re­so pos­si­bi­le il ri­pri­sti­no ur­gen­te dei fa­ri.

TI­FO­SI Ita­lia-sviz­ze­ra un­der 20 gio­ca­ta nel 2010 Ora gli im­pian­ti de­vo­no es­se­re ade­gua­ti

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.