Il "mi­ra­co­lo" Za­nus­si am­ma­lia e com­muo­ve

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura&spettacoli - Va­len­ti­na Sil­ve­stri­ni

Qua­si 800 per­so­ne ie­ri se­ra han­no af­fol­la­to il Ver­di per lo spet­ta­co­lo dei Pa­pu

Un ae­reo ca­pa­ce di por­ta­re 13mi­la per­so­ne: è la Za­nus­si de­gli an­ni Ses­san­ta, suc­ces­so del suo pi­lo­ta Li­no Za­nus­si e del suo staff, ma an­che del­le mi­glia­ia di ope­rai por­de­no­ne­si. Quan­to la Elec­tro­lux-za­nus­si, mal­gra­do acquisizioni, cri­si e fu­tu­ri in­cer­ti, ri­man­ga un pez­zo di Por­de­no­ne e di que­sta pro­vin­cia, è sim­bo­leg­gia­to dal­la com­mo­zio­ne e dall'ap­plau­so scro­scian­te di qua­si ot­to­cen­to per­so­ne in pla­tea e nel­le tre gal­le­rie, men­tre An­drea Ap­pi e Ra­mi­ro Be­sa (in par­te i Pa­pu) ie­ri se­ra sul pal­co del Tea­tro Ver­di rac­con­ta­va­no il mo­men­to in cui nel giu­gno del 1968 il ve­li­vo­lo su cui si tro­va­va il ca­pi­ta­no dell'in­du­stria por­de­no­ne­se pre­ci­pi­tò por­tan­do con sè il de­sti­no di un im­pe­ro dell'elet­tro­do­me­sti­co.

I cent'an­ni del­la Za­nus­si Elec­tro­lux so­no di­ven­ta­ti in sce­na un dia­lo­go, ri­sa­te li­be­ra­to­rie mi­ste ad ama­re con­sa­pe­vo­lez­ze: «Da quan­do sie­te di­ven­ta­ti sve­de­si ave­te per­so i con­tat­ti col ter­ri­to­rio - scher­za l'ope­ra­io ri­vol­gen­do­si al di­ri­gen­te re­ti­cen­te all'es­ser de­fi­ni­to sve­de­se -. Guar­di che l'ho vi­sta all'ikea a man­gia­re pol­pet­te e la ren­na». Che poi co­sa im­por­ti agli sve­de­si dei fri­go­ri­fe­ri «vi­sto che col fred­do che han­no gli ba­sta met­ter le co­se "on the win­dow"», con un in­gle­se che sa di mul­ti­na­zio­na­le. E an­co­ra, quell'oc­ca­sio­ne per­sa, la so­lu­zio­ne tut­ta ita­lia­na al fal­li­men­to de­gli an­ni Ot­tan­ta gra­zie all'ipo­te­ti­ca ac­qui­si­zio­ne Fiat, a cui ven­ne pre­fe­ri­ta in­ve­ce la sve­de­se Elec­tro­lux.

"Si fa pre­sto a di­re elet­tro­do­me­sti­co" è lo spet­ta­co­lo scrit­to e in­ter­pre­ta­to dai Pa­pu (sup­por­to tec­ni­co vi­deo di Al­ber­to Bia­sut­ti, con bra­ni can­ta­ti dal­la band di Cin­dy Cat­ta­ruz­za).

Ri­sa­te leg­ge­re e al con­tem­po pie­ne di con­sa­pe­vo­lez­za sto­ri­ca, quel­la del di­ri­gen­te che si scon­tra con l'ope­ra­io, a rie­cheg­gia­re le lot­te di clas­se che per i la­vo­ra­to­ri por­de­no­ne­si por­ta­no an­co­ra il pe­so di scioperi e pre­si­di ai tor­nel­li di ap­pe­na 24 me­si fa.

E in pla­tea, co­sì co­me sul pal­co, i pro­ta­go­ni­sti era­no lo­ro: i la­vo­ra­to­ri (rap­pre­sen­ta­ti dai sin­da­ca­ti), ma an­che i ver­ti­ci dell'azien­da di og­gi (tra cui Mar­co Mon­di­ni di­ret­to­re del­le re­la­zio­ni in­du­stria­li ed Ema­nue­le Qua­rin di­ret­to­re di sta­bi­li­men­to) e qual­che di­scen­den­te del­la fa­mi­glia.

È il la­vo­ro, «un do ut des» spie­ga il di­ri­gen­te (in­ter­pre­ta­to da Ap­pi) «ah, il dà tut­to all'est» gli fa eco l'ope­ra­io (Be­sa). Per i por­de­no­ne­si è co­sì, «que­sta qua è la no­stra fab­bri­ca», per­ché la Za­nus­si ha toc­ca­to la vi­ta di cia­scu­no: di qual­sia­si ado­le­scen­te si sia sen­ti­to di­re "Te vo­rìa un fià de Za­nus­si" per im­pa­ra­re co­sa si­gni­fi­chi "la li­nea", o di chi an­co­ra ri­cor­da di quan­do «i me ga cia­mà!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.