Ul­ti­mo sa­lu­to a Mar­co Bo­ni­no ac­cu­sa: ipo­cri­ti lo de­ri­se­ro, ora lo esal­ta­no

Pri­mi ti­mo­ri sul­la con­ti­nui­tà dei Ra­di­ca­li do­po la mor­te del fon­da­to­re L’ap­pel­lo a iscri­ver­si al par­ti­to: «Fac­cia­mo­ci co­rag­gio e an­dia­mo avan­ti»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano - Re­na­to Pez­zi­ni

Non po­te­va che es­se­re co­sì il fu­ne­ra­le di Mar­co Pan­nel­la: tor­ren­zia­le, cao­ti­co, in­ter­mi­na­bi­le, al­le­gro, triste, ver­bo­so, sor­pren­den­te, a trat­ti com­mo­ven­te, a trat­ti fa­ti­co­so. Com'era lui. Un mel­ting pot di par­la­men­ta­ri, di de­te­nu­ti in per­mes­so pre­mio, di ami­ci nell'om­bra, di mi­li­tan­ti col vi­ziet­to del co­mi­zio ad ogni co­sto, di mu­si­ca jazz im­prov­vi­sa­ta lì per lì. Gen­te che va, gen­te che vie­ne: «So­no qui per un pic­co­lo sa­lu­to». Pe­rò sen­za fi­schi né in­vet­ti­ve, nep­pu­re per quel­li che una vol­ta c'era­no e poi so­no an­da­ti al­tro­ve.

Ai fu­ne­ra­li i di­scen­den­ti del de­fun­to in ge­ne­re co­min­cia­no a ra­gio­na­re di spar­ti­zio­ni dell'ere­di­tà. Ma lo fan­no nel si­len­zio­so se­gre­to dei lo­ro pen­sie­ri. Al fu­ne­ra­le di Pan­nel­la del­la sua ere­di­tà si di­scu­te ad al­ta vo­ce. Per­ché per quan­to vo­li­ti­vi sia­no gli ap­pel­li all'uni­tà e le esor­ta­zio­ni a por­ta­re avan­ti «tut­ti in­sie­me le idee di Mar­co», ser­peg­gia il ti­mo­re che la sua mor­te pos­sa in bre­ve tem­po can­cel­la­re tut­to, che la sua ener­gia po­li­ti­ca, le sue bat­ta­glie, le sue pro­vo­ca­zio­ni pos­sa­no ri­dur­si a sem­pli­ce no­stal­gia. E rim­pian­to.

In piaz­za Na­vo­na si va avan­ti dal­le due del po­me­rig­gio al­le no­ve e mez­za di se­ra, pri­ma sot­to uno so­le fe­ro­ce che spin­ge la gen­te a cer­ca­re l'om­bra, poi nel­la brez­za rin­fran­can­te del­la se­ra. La ba­ra piaz­za­ta su un la­to del pal­co, co­per­ta da una ban­die­ra del Ti­bet (il Da­lai La­ma ha pu­re in­via­to un mes­sag­gio di cor­do­glio) e dal­la chia­ve del­la Cit­tà di Te­ra­mo, la sua cit­tà. A la­to le co­ro­ne di fio­ri man­da­te dal­le au­to­ri­tà e quel­le dei «com­pa­gni e del­le com­pa­gne ra­di­ca­li». Per ot­to ore tut­ti a chie­der­si co­me te­ne­re in vi­ta Pan­nel­la, com­pre­sa la jazz band di Car­let­to Lof­fre­do che suo­na Ama­po­la.

Quel­li del­la vec­chia guar­dia os­ser­va­no lo spet­ta­co­lo con un sor­ri­so. Em­ma Bo­ni­no ri­cor­da gli osta­co­li in­con­tra­ti dai ra­di­ca­li nei de­cen­ni del­le lo­ro bat­ta­glie, e il di­lu­vio di esal­ta­zio­ni ab­bat­tu­to­si in que­sti gior­ni sul­la fi­gu­ra di Pan­nel­la la fa sta­re sul chi va là: «Mar­co in vi­ta è sta­to so­prat­tut­to ir­ri­so e de­ri­so, quan­do non vi­li­pe­so, e pen­so che al­cu­ni omag­gi po­stu­mi puz­za­no di ipo­cri­sia». Gian­fran­co Spa­dac­cia par­la di «sbor­nia di elo­gi». Ma lo­ro se lo pos­so­no per­met­te­re, era­no fra i po­chi che a Mar­co le co­se le di­ce­va­no in fac­cia.

L'esor­dio del­la ce­ri­mo­nia di que­sto fu­ne­ra­le sen­za ce­ri­mo­nie è af­fi­da­to a un fil­ma­to rie­vo­ca­ti­vo. Poi co­min­cia il flu­via­le sus­se­guir­si di pic­co­li e gran­di in­ter­ven­ti. Van­no sul pal­co quel­li che c'era­no e se ne so­no an­da­ti, co­me Ru­tel­li, Ta­ra­da­sh, Del­la Ve­do­va, Elio Vi­to che non par­la ma sta in un can­tuc­cio a pian­ge­re. Gua­da­gna­no il mi­cro­fo­no quel­li che non ci so­no mai sta­ti ma si sen­ti­va­no «vi­ci­ni», co­me Gen­na­ro Mi­glio­re, o co­me Lui­gi Man­co­ni che pro­met­te una pro­po­sta di ri­for­ma co­sti­tu­zio­na­le de­di­ca­ta pro­prio a Pan­nel­la per ren­de­re più sem­pli­ci am­ni­stia e in­dul­to.

In­som­ma, un qua­dro, il più pos­si­bi­le rea­le, di quel­la ”co­mu­ni­tà dei vi­ven­ti e dei mor­ti“di­vi­na­ta dal lea­der ra­di­ca­le, più vol­te ri­cor­da­ta in que­sti gior­ni da Ri­ta Ber­nar­di­ni, e per la pri­ma vol­ta mes­sa in sce­na in oc­ca­sio­ne del­la mor­te di Ser­gio Stan­za­ni .

La pro­ces­sio­ne, du­ra­ta per l'in­te­ra not­ta­ta e fi­no al­le 13 di ie­ri, ha vi­sto av­vi­cen­dar­si di tut­to ac­can­to al­la ba­ra di Pan­nel­la, an­che dal­le spon­de più lon­ta­ne da quel­le del lea­der ra­di­ca­le. All'una di not­te si è pre­sen­ta­to Gian­ni Ale­man­no. A not­te fon­da ri­ma­ne­va co­mun-

IL DO­LO­RE Mi­rel­la Pa­ra­chi­ni (a si­ni­stra) e Lau­ra Har­th all’ad­dio a Pan­nel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.