«Ya­ma­ha, for­ni­ti mo­to­ri di­fet­to­si»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

Do­po il ri­ti­ro al Mu­gel­lo, il ca­po mec­ca­ni­co di Ros­si ac­cu­sa la ca­sa giap­po­ne­se

L’ANA­LI­SI

Gal­bu­se­ra: «Va­le an­da­va più for­te di tut­ti

Non è fi­ni­ta»

Va­len­ti­no Ros­si su­bi­to fuo­ri al Mu­gel­lo, for­se è tut­ta col­pa di una for­ni­tu­ra di­fet­to­sa del­la Ya­ma­ha. A far pen­sa­re che i mo­to­ri in fu­mo del cam­pio­ne pe­sa­re­se in ga­ra do­me­ni­ca e di Jor­ge Lo­ren­zo nel warm-up non sia­no frut­to del ca­so è Sil­va­no Gal­bu­se­ra, ca­po mec­ca­ni­co del "Dot­to­re", se­con­do cui, no­no­stan­te quan­to ac­ca­du­to all'ini­zio del­la cor­sa nell'au­to­dro­mo to­sca­no, il Mon­dia­le pi­lo­ti in Mo­togp non è chiu­so «per­ché Va­le an­da­va più for­te di tut­ti e nei pros­si­mi due Gran Pre­mi pos­sia­mo es­se­re com­pe­ti­ti­vi co­me do­me­ni­ca».

I mo­to­ri Ya­ma­ha di Lo­ren­zo e Ros­si era­no sta­ti già tut­ti uti­liz­za­ti nel­la ga­ra pre­ce­den­te, per cui era il ter­zo mo­to­re di tut­ti e due e non ave­va­no da­to nes­sun pro­ble­ma. «An­che per­ché - fa no­ta­re Gal­bu­se­ra - i mo­to­ri che ab­bia­mo tol­to ave­va­no qua­si il dop­pio dei chi­lo­me­tri, sen­za pro­ble­mi han­no gi­ra­to per due gior­ni. Non siamo in gra­do di ca­pi­re che co­sa sia suc­ces­so, dob­bia­mo ana­liz­za­re tut­te le par­ti del mo­to­re. Pen­so che la for­ni­tu­ra non fos­se all’al­tez­za. Il mo­to­re di Va­len­ti­no ave­va mol­ti me­no km di quel­lo di Lo­ren­zo, so­sti­tuir­lo pre­ven­ti­va­men­te do­po quan­to ca­pi­ta­to al­lo spa­gno­lo si­gni­fi­ca­va far cor­re­re Ros­si con un mo­to­re mai uti­liz­za­to, trop­po ri­schio­so. Non ab­bia­mo por­ta­to nul­la di spe­cia­le al Mu­gel­lo, i mo­to­ri so­no si­gil­la­ti, chiu­si. Nien­te di di­ver­so è sta­to usa­to do­me­ni­ca. È so­lo sfor­tu­na - e pro­se­gue il ca­po mec­ca­ni­co di Ros­si - Va­len­ti­no era mol­to com­pe­ti­ti­vo sin da sa­ba­to, era lì con Lo­ren­zo e lo con­trol­la­va, ne ave­va di più del­lo spa­gno­lo. Non ab­bia­mo la con­tro­pro­va ma l'ha det­to an­che Lo­ren­zo che Ros­si ne ave­va di più».

E an­co­ra Gal­bu­se­ra sot­to­li­nea che «l'ul­ti­mo pen­sie­ro che ave­va­mo era l'af­fi­da­bi­li­tà, Va­len­ti­no mi ha ri­cor­da­to che l'ul­ti­mo mo­to­re rot­to è sta­to Mi­sa­no nel 2007. Cer­to - con­clu­de - due mo­to­ri rot­ti uno die­tro l'al­tro mi fan­no pen­sa­re che qual­co­sa nel­la for­ni­tu­ra non era all'al­tez­za».

La «gran­dis­si­ma de­lu­sio­ne» del ri­ti­ro è dif­fi­ci­le da me­ta­bo­liz­za­re per Ros­si. Le pri­me ve­ri­fi­che sul pro­pul­so­re in fu­mo han­no esclu­so pro­ble­mi do­vu­ti al­la tem­pe­ra­tu­ra: «Se­con­do me è un lot­to ve­nu­to ma­le», ave­va su­bi­to ipo­tiz­za­to Va­le. Il qua­le poi ha spie­ga­to: «Mi bru­cia, è un gran pec­ca­to per­ché ero mol­to ve­lo­ce e po­te­vo bat­ter­lo. An­che per­ché la rot­tu­ra del mo­to­re in ga­ra or­mai è un even­to ra­ris­si­mo, pen­so non mi suc­ce­des­se da una de­ci­na d'an­ni». Ed ha ro­vi­na­to «que­sta gran­de at­mo­sfe­ra. È una de­lu­sio­ne al qua­dra­to. Avrei vo­lu­to fa­re una bel­la ga­ra per i ti­fo­si». Ma, so­prat­tut­to, «per­ché po­te­vo vin­ce­re. Ave­vo un gran pas­so. In ga­ra mi sen­ti­vo be­ne, sta­vo at­tac­ca­to a Lo­ren­zo. E sen­ti­vo di po­ter an­dar­gli via».

LA SFI­DA La Ya­ma­ha di Lo­ren­zo ha ret­to be­ne, quel­la di Ros­si

fer­ma­ta da un gua­sto.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.