«Via­bi­li­tà, inu­ti­le ren­de­re pe­do­na­le la zo­na Ri­vie­ra­sca»

«Non è at­trat­ti­va, meglio por­ta­re gen­te in cen­tro cit­tà La via del Non­cel­lo po­treb­be es­se­re chiu­sa oc­ca­sio­nal­men­te»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

«Sa­reb­be ora che il Co­mu­ne ga­ran­tis­se un po­sto-let­to do­ve al­log­gia­re i pro­fu­ghi»

o me­no i ri­chie­den­ti asi­lo. Quel­lo che in­ve­ce il Co­mu­ne do­vreb­be fa­re è ga­ran­ti­re lo­ro un po­sto in cui dor­mi­re. Mi sem­bra stra­no che qui a Por­de­no­ne si crei­no si­tua­zio­ni co­me quel­la dell'ex Fie­ra per­ché non si rie­sce a or­ga­niz­za­re una strut­tu­ra, ma­ga­ri una pa­le­stra, nel­la qua­le da­re ospi­ta­li­tà a que­ste per­so­ne al­me­no per la not­te nel­le si­tua­zio­ni di emergenza. I pri­va­ti che met­to­no a di­spo­si­zio­ne im­mo­bi­li inu­ti­liz­za­ti a que­sto sco­po an­dreb­be­ro in­cen­ti­va­ti con ri­du­zio­ni su Imu e Ta­si».

Per quan­to ri­guar­da il traf­fi­co, che co­sa con­di­vi­de e che co­sa no nel­le scel­te di que­sta am­mi­ni­stra­zio­ne?

«In­nan­zi­tut­to bi­so­gne­reb­be ave­re più de­ci­sio­ne nel­le scel­te: se si ri­tie­ne che un cer­to in­ter­ven­to sia ne­ces­sa­rio, bi­so­gna ave­re il co­rag­gio di por­ta­re fi­no in fon­do le va­lu­ta­zio­ni dei tec­ni­ci. Su cer­te ope­re stra­te­gi­che, van­no be­ne i ta­vo­li di con­cer­ta­zio­ne con tut­ti i sog­get­ti in­te­res­sa­ti ma poi, se non c'è una so­lu­zio­ne al­ter­na­ti­va, si de­ve an­da­re avan­ti e non rea­liz­za­re ope­re mon­che».

Che co­sa pen­sa del­la Por­de­no­ne «di­se­gna­ta» del Pia­no per la mo­bi­li­tà so­ste­ni­bi­le?

«Non so­no d'ac­cor­do sul­la pos­si­bi­li­tà di esten­de­re il ring fi­no a Bor­go­me­du­na. Non ve­do l'uti­li­tà di pe­do­na­liz­za­re la Ri­vie­ra­sca, se non oc­ca­sio­nal­men­te, dal mo­men­to che è un trat­to che non ha pun­ti par­ti­co­la­ri di at­trat­ti­vi­tà. Il no­stro pro­gram­ma pun­ta in­ve­ce a in­cen­ti­va­re l'af­flus­so di per­so­ne in cen­tro cit­tà con il si­ste­ma del­la so­sta bre­ve. An­dreb­be inol­tre ri­vi­sto il si­ste­ma dei mez­zi pub­bli­ci in mo­do da rag­giun­ge­re al­cu­ni pun­ti che at­tual­men­te so­no iso­la­ti e fa­ci­li­ta­re il col­le­ga­men­to con le pe­ri­fe­rie».

Un al­tro tema cal­do è quel­lo del­la con­trap­po­si­zio­ne fra chi vuo­le even­ti per una cit­tà più vi­va e i co­sid­det­ti co­mi­ta­ti del si­len­zio. Co­me si con­ci­lia­no le va­rie esi­gen­ze?

«Anche qui bi­so­gna es­se­re più de­ci­si: chia­ri­re qua­li so­no i dettami nor­ma­ti­vi e le sen­si­bi­li­tà di chi si op­po­ne. È chia­ro che non si può an­da­re ol­tre i li­mi­ti fis­sa­ti dal­le nor­me. Poi bi­so­gna la­vo­ra­re sul­la co­mu­ni­ca­zio­ne con chi si op­po­ne alle ini­zia­ti­ve, per­ché la cit­tà non può spe­gner­si per as­se­con­da­re que­sto ti­po di ri­chie­ste. Si può cer­ca­re di tro­va­re un pun­to d'in­con­tro, ma non si pos­so­no vie­ta­re gli even­ti e le ini­zia­ti­ve, per­ché in que­sto mo­do si an­dreb­be a mi­na­re la vita di Por­de­no­ne e anche l'at­ti­vi­tà de­gli eser­ci­zi com­mer­cia­li. Non si pos­so­no, in­som­ma, met­te­re ul­te­rio­ri pa­let­ti ol­tre a quel­li im­po­sti dal­le nor­ma­ti­ve esi­sten­ti».

CAN­DI­DA­TO Mar­cel­lo Nar­din so­stie­ne An­drea Can­cian: è il can­di­da­to più

vec­chio: ha 92 an­ni

IN COR­SA An­drea Can­cian è so­ste­nu­to da In­sie­me per Por­de­no­ne

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.