In con­si­glio rien­tra il ve­te­ra­no Ve­nier

Il Gazzettino (Pordenone) - - Fontanafreddapolcenigocanevabudoia -

POLCENIGO

POLCENIGO - (fg) Tra di­mis­sio­ni e ri­nun­ce cam­bia­no i vol­ti nel con­si­glio co­mu­na­le di Polcenigo. Con­vo­ca­to il 30 per l'ap­pro­va­zio­ne del bilancio, ve­drà in aper­tu­ra la no­mi­na dei nuo­vi con­si­glie­ri di mag­gio­ran­za e op­po­si­zio­ne. Do­po le di­mis­sio­ni di Lo­re­da­na Pe­rut (ci­vi­ca Polcenigo De­mo­cra­ti­ca) av­ve­nu­ta il mese scor­so, il pri­mo dei non elet­ti Rug­ge­ro Tam­meo mem­bro del­la com­mis­sio­ne Lavori Pub­bli­ci, Bilancio e Pro­gram­ma­zio­ne, non ha accettato l'in­ca­ri­co per pro­ble­mi per­so­na­li. Al suo po­sto, su­ben­tra Fa­bri­zio Ve­nier, il vol­to più pre­sen­te negli an­ni pas­sa­ti tra i ban­chi del con­si­glio cit­ta­di­no e me­mo­ria sto­ri­ca del­la vita po­li­ti­ca del cen­tro pe­de­mon­ta­no. Pa­ri vo­ti con il com­pa­gno di li­sta Fe­de­ri­co Ros­so, ma aven­te di­rit­to al su­ben­tro in quan­to più an­zia­no di età. Di­mis­sio­ni anche tra le fi­le del­la mag­gio­ran­za, do­ve la Le­ga Nord per­de Gio­van­ni Po­le­se per mo­ti­vi fa­mi­lia­ri; anche qui su­ben­tra il se­con­do dei non elet­ti Ales­san­dro Fran­co, per­ché il pri­mo Lo­ris Mo­do­lo ha ri­nun­cia­to all'in­ca­ri­co. Ol­tre al vo­to sul con­to con­sun­ti­vo, i con­si­glie­ri do­vran­no oc­cu­par­si di una nuo­va mo­zio­ne pro­po­sta da Egi­dio San­tin, ca­po­grup­po con­si­glia­re di «No al­la ca­sta, Grup­po au­to­no­mi­sta Polcenigo», che chie­de l'ap­pli­ca­zio­ne di 35.000 euro di spe­sa cor­ren­te, qua­le sconto sul­la tas­sa Ta­ri a fa­vo­re dei cit­ta­di­ni del Co­mu­ne di Polcenigo. «Con­si­de­ra­to che la cri­si eco­no­mi­ca con­ti­nua a per­si­ste­re - spie­ga San­tin - e che i cit­ta­di­ni del Co­mu­ne di Polcenigo han­no ver­sa­to per il 2015 380.000 euro per la Ta­ri, ho pre­sen­ta­to una mo­zio­ne af­fin­chè l'am­mi­ni­stra­zio­ne co­mu­na­le im­pe­gni nel bilancio di pre­vi­sio­ne 2016 35.000 euro qua­le sconto da ap­pli­ca­re ai ti­to­la­ri di po­si­zio­ni Ta­ri con Isee 2016 in­fe­rio­re ai 14.000 euro. Il bo­nus è at­to do­ve­ro­so per la coe­sio­ne so­cia­le dell'in­te­ra co­mu­ni­tà.»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.