Ri­fu­gia­ti, per il can­di­da­to Vian van­no aiu­ta­ti pri­ma i re­si­den­ti

Il Gazzettino (Pordenone) - - Azzanese - Al­ber­to Co­mis­so

CHIONS

«Qua­le del­le due li­ste ci­vi­che in­ten­de por­ta­re avan­ti le no­stre idee? Pos­sia­mo con­ta­re su qual­cu­no o do­vre­mo tra­scor­re­re cin­que an­ni di lot­ta e bat­ta­glie nel­le piaz­ze e nel­le stra­de? Non vor­rem­mo mai che, al pri­mo po­st elezioni, l'oc­chio buo­ni­sta di qual­cu­no des­se il con­sen­so, a qual­che coo­pe­ra­ti­va, di riem­pi­re sta­bi­li sfit­ti, per crea­re il so­li­to gi­ro di de­na­ro, a di­sca­pi­to del­la no­stra si­cu­rez­za e li­ber­tà. L'au­gu­rio è, che pri­ma o poi, si sen­ta di­re a gran vo­ce, da qual­che can­di­da­to, «noi i clan­de­sti­ni non li vo­glia­mo».

È que­sto il po­st lan­cia­to di­ret­ta­men­te dal­la pagina Fa­ce­book "Ri­pren­dia­mo­ci Chions", na­ta sul­la scor­ta dei ti­mo­ri che, anche in pae­se, po­tes­se­ro ar­ri­va­re i ri­chie­den­ti asi­lo. At­tual­men­te, in una ca­sa di un pri­va­to, a Vil­lot­ta, ne ven­go­no ospi­ta­ti tre. Il can­di­da­to a sin­da­co Clau­dio Vian (In­sie­me per Chions) par­te da un con­cet­to: «Sia­mo di fron­te a un di­scor­so com­ples­so, che va af­fron­ta­to non soltanto a li­vel­lo co­mu­na­le. Una per­so­na che ha bi­so­gno va aiu­ta­ta: la sto­ria ci in­se­gna, in­fat­ti, che anche i no­stri non­ni o pa­dri han­no avu­to bi­so­gno, a lo­ro vol­ta. So­no con­tra­rio, pe­rò, alle for­me di di­pen­den­za dall'as­si­sten­za: ci vogliono re­go­le pre­ci­se. Se un pri­va­to af­fit­ta la pro­pria ca­sa, pe­rò, un sin­da­co può fa­re ben po­co».

Vian è chia­ro: «Cre­do, al di là di tut­to, che pri­ma deb­ba­no es­se­re aiu­ta­ti i no­stri cit­ta­di­ni e poi, se avan­za­no ri­sor­se, i pro­fu­ghi».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.