«Con­fin­du­stria e ban­che, stop ai dop­pi in­ca­ri­chi»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

MASSIMO FINCO

PADOVA - Massimo Finco (fo­to) dà fi­du­cia a Zuc­ca­to ma vuo­le de­ci­sa­men­te vol­ta­re pa­gi­na: stop ai dop­pi ruo­li, va­ra­re l’in­com­pa­ti­bi­li­tà tra ver­ti­ci di Con­fin­du­stria e ca­ri­che api­ca­li nel­le ban­che. Il pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Padova spez­za una lan­cia a fa­vo­re del lea­der de­gli im­pren­di­to­ri ve­ne­to. «Co­no­sco Ro­ber­to Zuc­ca­to, la sua in­te­gri­tà, ho fi­du­cia che sa­prà di­mo­stra­re la sua estra­nei­tà ai fat­ti con­te­sta­ti. Non mi ha sor­pre­so che pro­prio lui ab­bia vo­lu­to ren­de­re pub­bli­co l'av­vi­so di ga­ran­zia, è un com­por­ta­men­to coe­ren­te con la tra­spa­ren­za che ha sem­pre con­trad­di­stin­to il suo ope­ra­to. La vi­cen­da del­le Po­po­la­ri ve­ne­te - con­ti­nua Finco - è un bu­co ne­ro che ha in­ghiot­ti­to la di­gni­tà e l'or­go­glio del­la no­stra gen­te, ol­tre ai ri­spar­mi e ai sa­cri­fi­ci di mi­glia­ia di cit­ta­di­ni e im­pren­di­to­ri. Pro­prio Ro­ber­to Zuc­ca­to è sta­to tra i pri­mi a ri­co­no­sce­re pub­bli­ca­men­te il do­ve­re di un mea cul­pa sen­za scon­ti co­me

si­ste­ma Ve­ne­to. Ma cre­do che ab­bia­mo anche il do­ve­re di guar­da­re avan­ti, dar­ci regole che pre­ser­vi­no e di­fen­da­no la tra­spa­ren­za, l'au­to­no­mia e l'eti­ca di Con­fin­du­stria. Pen­so a re­go­la­men­ti, sta­tu­ti che met­ta­no ne­ro su bian­co la se­pa­ra­tez­za dei ruo­li, l'in­com­pa­ti­bi­li­tà cioè tra il ri­co­pri­re in­ca­ri­chi di ver­ti­ce nel si­ste­ma Con­fin­du­stria e con­tem­po­ra­nea­men­te ne­gli isti­tu­ti di credito, esten­den­do e raf­for­zan­do quan­to già pre­vi­sto in ma­te­ria di in­com­pa­ti­bi­li­tà tra ca­ri­che as­so­cia­ti­ve ed in­ca­ri­chi po­li­ti­ci. Que­sto sì, è un te­ma sul qua­le da­re se­gna­li im­me­dia­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.