Scel­ta Ci­vi­ca, pas­sa la li­nea Za­net­ti

Il ver­ti­ce del par­ti­to con 20 vo­ti con­fer­ma il segretario e il pat­to con Ver­di­ni, ma è li­te con i 12 dis­si­den­ti

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

RO­MA - Il vi­ce­mi­ni­stro dell'eco­no­mia En­ri­co Za­net­ti man­tie­ne le re­di­ni e la guida di Scel­ta Ci­vi­ca e av­via il par­ti­to al­la con­ver­gen­za con Ala al ter­mi­ne di una Di­re­zio­ne che dal te­no­re dram­ma­ti­co e che ve­de ab­ban­do­na­re la riu­nio­ne per pro­te­sta il bloc­co de­gli 'an­ti-za­net­tia­ni' ri­ma­sti nel grup­po dei 'ci­vi­ci' al­la Ca­me­ra. Il via li­be­ra al­la li­nea di Za­net­ti - e al­la for­ma­zio­ne del nuo­vo grup­po 'Sc - Ver­so i Cit­ta­di­ni per l'ita­lià - giun­ge con 19 sì e so­lo aste­nu­to ma sen­za la pre­sen­za dei (do­di­ci, sot­to­li­nea­no fon­ti del par­ti­to) dis­si­den­ti. «Za­net­ti vio­la lo Sta­tu­to e si ver­go­gna di Ver­di­ni», at­tac­ca An­drea Maz­ziot­ti se­con­do il qua­le il segretario «ha im­pe­di­to di par­la­re in di­re­zio­ne» a tut­ti i mem­bri con­tra­ri al­la sua li­nea. Ma Sc si ri­bel­la a que­ste ac­cu­se e fa sa­pe­re che va­lu­te­rà azio­ni le­ga­li a di­fe­sa di Za­net­ti.

Se­con­do fon­ti del grup­po di Sc, il pre­si­den­te del­la Di­re­zio­ne An­to­nio D'ago­sti­no (fuo­riu­sci­to dal grup­po con Za­net­ti) non avreb­be ac­col­to - con­tro il pa­re­re del col­le­gio dei pro­bi­vi­ri - la ri­chie­sta di rein­te­gra­re i de­le­ga­ti ai qua­li, sot­to­li­nea­no le stes­se fon­ti, Za­net­ti avreb­be im­pe­di­to di par­te­ci­pa­re al­la riu­nio­ne. «Ci ve­dia­mo in tri­bu­na­le», rin­ca­ra Gian­fran­co Li­bran­di, un al­tro dei de­pu­ta­ti in dis­sen­so.

Dal par­ti­to tut­ta­via, si fa sa­pe­re co­me ad aver vo­ta­to sia­no sta­ti 20 mem­bri su 32, so­ste­nen­do quin­di che la mag­gio­ran­za sa­reb­be sta­ta co­mun­que con il segretario. «Il par­ti­to è con me, ora avan­ti con il pro­get­to li­be­ral-de­mo­cra­ti­co», esul­ta Za­net­ti che, con Ap e Ala da­ra vi­ta anche al­la piat­ta­for­ma co­mu­ne per il Sì al re­fe­ren­dum. Ma la guer­ra con il grup­po, che ri­spon­de al no­me di Scel­ta Ci­vi­ca, non è cer­to fi­ni­ta. «Chi non è in li­nea con il par­ti­to Scel­ta Ci­vi­ca smet­ta di crea­re con­fu­sio­ne nell'opi­nio­ne pub­bli­ca uti­liz­zan­do in mo­do in­de­bi­to una de­no­mi­na­zio­ne che è pri­ma del par­ti­to e sol­tan­to in quan­to ta­le di un grup­po par­la­men­ta­re», av­ver­te Za­net­ti. In­som­ma, sul tor­men­to de­gli ex mon­tia­ni non è sta­ta an­co­ra scrit­ta la pa­ro­la fi­ne.

En­ri­co Za­net­ti, nel par­ti­to pas­sa la sua li­nea

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.