La for­za del­la bel­lez­za, l’astu­zia di chi fa­ti­ca

Il Gazzettino (Pordenone) - - Attualità - DI LUCIANA BOCCARDI

C’è un caf­ta­no nel mio ar­ma­dio: un gio­co di blu e ver­de che rac­con­ta il ma­re. Era di Mar­ta Mar­zot­to: “Pro­va­lo, ti sta­rà be­nis­si­mo!”, ave­va det­to una se­ra a ca­sa sua, a Mi­la­no, sfi­lan­do­se­lo e met­ten­do­me­lo ad­dos­so co­me ri­spo­sta a un mio cen­no di am­mi­ra­zio­ne. Da­re , per Mar­ta era la gio­ia di re­ga­la­re fe­li­ci­tà ma anche una con­fer­ma di on­ni­po­ten­za: quel pia­ce­re che toc­ca in sor­te a chi ha do­vu­to met­ter­ce­la tut­ta per ar­ri­va­re. Mar­ta ave­va la for­za del­la bel­lez­za e l’astu­zia di chi na­sce e cre­sce vi­ci­no al­la ter­ra, al­la fa­ti­ca, ne co­no­sce l’odo­re, lo spes­so­re. “Tut­ti pen­sa­no che io ab­bia avu­to chis­sà quan­ti uo­mi­ni – mi con­fi­dò una vol­ta – ma in real­tà io ne ho ama­to so­lo quat­tro: mio suo­ce­ro (per me so­prat­tut­to un pa­dre), mio ma­ri­to, Re­na­to Gut­tu­so che mi ha di­pin­to l’amo­re ad­dos­so e pur­trop­po Lu­cio Ma­gri che mi ha of­fe­so, tra­di­to, umi­lia­to, in­na­mo­ra­ta al­la fol­lia di un va­ni­to­so che ha fat­to spet­ta­co­lo per­si­no del­la sua mor­te. Io in­ve­ce so­no im­mor­ta­le”. For­se è ve­ro. Ciao Mar­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.