Rea­to di tor­tu­ra, non sfi­du­cia­re la po­li­zia e i ca­ra­bi­nie­ri

Il Gazzettino (Pordenone) - - Lettere & Opinioni - Ma­rio Mo­ra­ra

Mi­ra (Ve) Ca­ro lettore, il rea­to di tor­tu­ra esi­ste già in qua­si tut­ti i Pae­si eu­ro­pei e non sa­reb­be cer­to uno scan­da­lo se ve­nis­se in­tro­dot­to an­che nel­la le­gi­sla­zio­ne ita­lia­na. Pur­trop­po pe­rò il no­stro non è un Pae­se nor­ma­le: in Ita­lia ci so­no an­co­ra aree po­li­ti­che che nu­tro­no un pre­giu­di­zio ne­ga­ti­vo ver­so le for­ze dell'or­di­ne e in­ter­pre­ta­no la leg­ge sul rea­to di tor­tu­ra so­prat­tut­to co­me uno stru­men­to pu­ni­ti­vo ver­so po­li­zia e ca­ra­bi­nie­ri. Un at­teg­gia- di­ven­ta più im­por­tan­te di tan­te di­scus­sio­ni. Solo lui, il par­ro­co uc­ci­so, può por­ta­re tan­ti mu­sul­ma­ni in chie­sa, al­la Mes­sa. Lui­gi Flo­ria­ni

Co­ne­glia­no ha ri­ba­di­to (col­pe­vol­men­te), che la mor­te per sgoz­za­men­to in chie­sa di Pa­dre Jac­ques Ha­mel, di 86 an­ni, da par­te di due isla­mi­ci, ove sta­va of­fi­cian­do mes­sa, non è av­ve­nu­ta per­ché esi­ste una guer­ra di re­li­gio­ne, ma ben­sì per in­te­res­si, sol­di, ri­sor­se del­la na­tu­ra, per il do­mi­nio dei po­po­li e che tut­te le re­li­gio­ne vo­glio­no la pa­ce e che la guer­ra la vo­glio­no gli al­tri. Per­tan­to, pen­so, che i 294 se­na­to­ri, col­ti da un sen­so del do­ve­re sia­no an­da­ti in va­can­za, e pa­ga­ta pu­re, per­ché nes­su­no di lo­ro rap­pre­sen­ta­va il mi­ni­stro del­la Di­fe­sa. Au­spi­co con for­za che il Se­na­to un gior­no, sia com­po­sto al mas­si­mo da 30 se­na­to­ri, ca­pa­ci, lai­ci, ci­vi­li e con un mi­ni­mo sen­so del do­ve­re. Gian­car­lo Pa­ris­sen­ti

Me­stre

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.