Il mi­ni­stro Fran­ce­schi­ni «De­gra­do a Venezia? No al nu­me­ro chiu­so»

Il mi­ni­stro Fran­ce­schi­ni e l’esta­te "dif­fi­ci­le" del­la cit­tà as­sal­ta­ta da tu­ri­sti ir­ri­spet­to­si: «Mi ha fat­to ma­le ve­de­re cer­te fo­to»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - DI AL­DA VANZAN

Sa­rà an­che un’esta­te in­ci­vi­le e ma­le­du­ca­ta, con i tu­ri­sti che fan­no il ba­gno (e non so­lo) nel ba­ci­no di San Mar­co e che bi­vac­ca­no sui no­bi­li ma­se­gni del sa­lot­to più bel­lo del mon­do, scam­bian­do Pa­laz­zo Du­ca­le per un’area di so­sta dell’au­to­grill.

Ma usa­re de­fi­ni­zio­ni co­me Venezia de­gra­da­ta o esta­te ca­fo­na in la­gu­na, non fa be­ne. Lo di­ce il mi­ni­stro ai Beni culturali Da­rio Fran­ce­schi­ni al qua­le non è pia­ciu­to ve­de­re le fo­to di vi­si­ta­to­ri che fan­no la pi­pì in ca­na­le («Sì, mi ha fat­to ma­le»), ma che dal Li­do, dov’è ve­nu­to ad inau­gu­ra­re la Mo­stra del ci­ne­ma, av­ver­te: le ri­cet­te non so­no né il Da­spo ri­chie­sto dal go­ver­na­to­re ve­ne­to Luca Za­ia né le not­ti in cel­la in­vo­ca­te dal sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro. Bi­so­gna sem­mai di­ver­si­fi­ca­re gli iti­ne­ra­ri e pun­ta­re su un tu­ri­smo stra­nie­ro di qua­li­tà. Mi­ni­stro Fran­ce­schi­ni, Venezia sta vi­ven­do un’esta­te di de­gra­do, un’esta­te ca­fo­na. Lei co­sa di­ce? «Ci vuo­le pru­den­za, per­ché se si di­ce Venezia ca­fo­na poi la gen­te si im­ma­gi­na sce­na­ri di­sa­stro­si. Ci vuo­le cau­te­la». Pe­rò 23 mi­lio­ni di tu­ri­sti pe­sa­no. «È un pro­ble­ma sto­ri­co di Venezia quel­lo di ave­re al­cu­ni luo­ghi so­vraf­fol­la­ti. C’è un cer­to mo­del­lo di tu­ri­smo che è po­co com­pa­ti­bi­le con la fra­gi­li­tà del­le no­stre cit­tà d’ar­te. Que­sto non ri­guar­da so­lo Venezia, an­che una par­te di Fi­ren­ze di Ro­ma». Qua­li pos­so­no es­se­re le so­lu­zio­ni? «Il la­vo­ro che stia­mo fa­cen­do con il pia­no stra­te­gi­co del tu­ri­smo ri­guar­da due piani di in­ter­ven­to. Da un la­to mol­ti­pli­ca­re le me­te che pos­sa­no at­trar­re tu­ri­smo in­ter­na­zio­na­le, si ten­ga con­to che in un an­no l’ita­lia ha avu­to tre mi­lio­ni e mez­zo di tu­ri­sti stra­nie­ri in più, pas­san­do da 50 a 53 mi­lio­ni. Ma è chia­ro che se tut­ti van­no a ve­de­re il pon­te di Rial­to, la fon­ta­na di Tre­vi o pon­te Vec­chio, quei luo­ghi non ce la fan­no. Dall’al­tro la­to bi­so­gna pun­ta­re su un tu­ri­smo stra­nie­ro so­ste­ni­bi­le, cioè di qua­li­tà, per­so­ne che ven­go­no qui per­ché cer­ca­no ec­cel­len­za, qua­li­tà, un ti­po di tu­ri­smo che ri­spet­ti il no­stro pa­tri­mo­nio ar­ti­sti­co, il che vuol di­re mi­lio­ni di per­so­ne. È su que­sto che dob­bia­mo pun­ta­re, non sul mor­di e fug­gi». Nu­me­ro chiu­so, pre­no­ta­zio­ne ob­bli­ga­to­ria o co­sa sug­ge­ri­sce? «Le cit­tà a nu­me­ro chiu­so so­no par­chi, non so­no cit­tà. Pe­rò si pos­so­no tro­va­re del­le for­mu­le di re­go­la­men­ta­zio­ne su­gli ac­ces­si. Il sin­da­co Bru­gna­ro ci sta la­vo­ran­do». Il sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro ha chie­sto an­che più po­te­ri ai sin­da­ci per pu­ni­re gli in­ci­vi­li, ad esem­pio chi fa il ba­gno in ca­na­le. «Ca­pi­sco che è brut­to fa­re il ba­gno, è un se­gno di as­sen­za di ri­spet­to. Ma nell’or­di­ne dei pro­ble­mi mi pa­re che l’ur­gen­za sia af­fron­ta­re il ti­po di tu­ri­smo e i nu­me­ri cre­scen­ti. E il fat­to che i nu­me­ri cre­sca­no me­se per me­se è po­si­ti­vo. Cer­to, poi an­che a Venezia c’è un pro­ble­ma di con­cen­tra­zio­ne, fan­no tut­ti sem­pre lo stes­so iti­ne­ra­rio. Io sta­mat­ti­na so­no an­da­to a ve­de­re l’iso­la del Laz­za­ret­to, che è as­se­gna­ta al mi­ni­ste­ro del­la Cul­tu­ra: un po­sto me­ra­vi­glio­so. Le ha fat­to ma­le ve­de­re la fo­to­gra­fia del­la tu­ri­sta che fa pi­pì da­van­ti a San Mar­co? «Sì, mi ha fat­to ma­le. Ma sia­mo sem­pre lì: bi­so­gna pun­ta­re su un tu­ri­smo con­sa­pe­vo­le». Fos­se sin­da­co, di fron­te a fat­ti del ge­ne­re in­vo­che­reb­be una not­te in cel­la o il Da­spo? Il mi­ni­stro sor­ri­de, al­za la ma­no e se ne va.

IM­MA­GI­NE IN­TER­NA­ZIO­NA­LE

«Ser­ve pe­rò una re­go­la­men­ta­zio­ne de­gli ac­ces­si: il sin­da­co sta la­vo­ran­do»

LI­DO Da­rio Fran­ce­schi­ni al cen­tro

AL LI­DO Da­rio Fran­ce­schi­ni

LE RI­CET­TE Il go­ver­na­to­re Luca Za­ia (a si­ni­stra) ha pro­po­sto il Da­spo per i tu­ri­sti ca­fo­ni men­tre il sin­da­co Lui­gi Bru­gna­ro è ar­ri­va­to a chie­de­re il car­ce­re

SAN MAR­CO Un ba­gno nel "sa­lot­to" di Venezia e una tu­ri­sta con i pan­ta­lo­ni ab­bas­sa­ti sul mo­lo

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.