ELO­GIO AI CA­NI

Il Gazzettino (Pordenone) - - Borsa & Mercati -

Un elo­gio an­dreb­be ai ca­ni che non si dan­no arie, so­prat­tut­to quan­do, ad­de­stra­ti, aiu­ta­no e soc­cor­ro­no, co­me nel ca­so dei ter­re­mo­ti. Non c'è bi­so­gno di con­fer­ma­re che i ca­ni sia­no dav­ve­ro i mi­glio­ri ami­ci dell'uo­mo, an­che in ca­si di gran­de scia­gu­re, co­me lo è sta­to, da po­co, il ter­re­mo­to nel cen­tro Ita­lia. I ca­ni stan­no di­mo­stran­do tut­to­ra la lo­ro gran­de ge­ne­ro­si­tà aiu­tan­do i soc­cor­ri­to­ri in mo­do de­ci­si­vo, nel re­cu­pe­ro di fe­ri­ti e di mor­ti, se­pol­ti sot­to le ma­ce­rie. La­vo­ra­no sem­pre in­stan­cam­bil­men­te, gior­no e not­te, an­che sen­za so­sta, po­ve­re be­stio­le, di­mo­stran­do un'in­tel­li­gen­za straor­di­na­ria. So­no ani­ma­li for­mi­da­bi­li e lo di­mo­stra­no an­che in que­ste cir­co­stan­ze. Le uni­tà ci­no­fi­le dan­no un po­de­ro­so con­tri­bu­to ed in que­sti ca­si in­ter­ven­go­no sem­pre, sia che si trat­ti di tuf­far­si in ma­re, in un la­go, o in un fiu­me, per sal­va­re chi sta an­ne­gan­do e sia in mon­ta­gna, do­ve si cer­ca­no i di­sper­si per fra­ne, va­lan­ghe o im­pru­den­ze va­rie. I ca­ni han­no un'in­cre­di­bi­le de­di­zio­ne al­la bon­tà che met­to­no sem­pre al ser­vi­zio dell'uo­mo in cam­bio di una ca­rez­za o di una cio­to­la di ci­bo. Chi, mal­va­gio, li mal­trat­ta o peg­gio li ab­ban­do­na per stra­da do­vreb­be an­da­re pu­ni­to con for­te se­ve­ri­tà. Adal­ber­to de' Bar­to­lo­meis

Mon­se­li­ce (Pd)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.