Ven­dit­ti: «Can­to per i fan di ie­ri e og­gi»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Cultura & Spettacoli - Ales­sia Pi­lot­to

Can­tau­to­re im­pe­gna­to o pop? Chis­se­ne­fre­ga di que­ste de­fi­ni­zio­ni: «Non mi in­te­res­sa­no gli ag­get­ti­vi - di­ce - per me con­ta­no i so­stan­ti­vi. So­no An­to­nel­lo, fac­cio mu­si­ca, scri­vo can­zo­ni e li­bri, for­se fa­rò film. Cer­co di con­tri­bui­re al mi­glio­ra­men­to di que­sta so­cie­tà e spe­ro di es­se­re uti­le, non so­lo a me stes­so, an­che agli al­tri».

Quell'an­to­nel­lo è An­to­nel­lo Ven­dit­ti, uno dei più im­por­tan­ti can­tau­to­ri ita­lia­ni e gran­de ar­ti­sta del­le scuo­la ro­ma­na, che que­sta se­ra sa­rà al Par­co Eu­ro­pa Uni­ta di Cer­vi­gna­no del Friu­li per una tap­pa del suo tour Tor­tu­ga in Pa­ra­di­so, nell'am­bi­to del XX Fe­sti­val In­ter­na­zio­na­le On­de Me­di­ter­ra­nee. Quel­la in Friu­li, sa­rà una del­le ul­ti­me da­te di un tour ini­zia­to nel set­tem­bre 2015: «In que­st'an­no rac­con­ta - ho vi­sto tut­ta l'ita­lia e mi è sem­bra­ta an­co­ra un bel Pae­se, vi­vo, ric­co di di­ver­si­tà e mol­to for­te. Lo ve­do an­che ora col ter­re­mo­to: c'è la vo­glia di aiu­ta­re le per­so­ne. An­che se spes­so sem­bra an­da­re tut­to a ro­to­li, mi pa­re che gli ita­lia­ni sia­no an­co­ra un po­po­lo. Tra l'al­tro - ri­cor­da - ho suo­na­to in Friu­li pro­prio nel gior­no del ter­re­mo­to, al­la di­sco­te­ca La Grot­ta di Ar­te­gna. Mia mam­ma pen­sa­va fos­si mor­to, ma ave­vo suo­na­to pre­sto e poi ero par­ti­to per Bo­lo­gna. Ho av­ver­ti­to il si­sma a Rovigo: sem­bra­va ci fos­se­ro un mi­lio­ne di ca­val­li che cor­re­va­no in au­to­stra­da. So quan­ta di­gni­tà e bra­vu­ra c'è sta­ta nel­la ri­co­stru­zio­ne e spe­ro ci sia al­tret­tan­ta se­re­ni­tà nel ri­per­cor­re­re la sto­ria, per Ama­tri­ce. Mi fa pia­ce­re tor­na­re in ter­re co­sì me­ra­vi­glio­se: c'è la cul­tu­ra del non pian­ger­si ad­dos­so, l'or­go­glio, l'iden­ti­tà. Il con­cer­to sa­rà for­te co­me voi: ener­gi­co, pie­no di vi­ta, mol­to rock; pro­por­rò tut­te le par­ti del­la mia carriera: da­gli an­ni ?70 ai 2000».

Ec­co, gli an­ni '70, gli an­ni del Folk­stu­dio: «Ho mi­lio­ni di ri­cor­di di quell'epo­ca, ma una del­le mie ca­rat­te­ri­sti­che è guar­da­re al fu­tu­ro. Se pen­so al pas­sa­to c'è sì una cer­ta me­lan­co­nia, ma non no­stal­gia. È im­por­tan­te che li ab­bia­mo vis­su­ti, que­gli an­ni: per noi so­no sto­ria, per gli al­tri so­no vin­ta­ge. Sia­mo sta­ti pro­ta­go­ni­sti e te­sti­mo­ni dei cam­bia­men­ti del mon­do. Ades­so, in­ve­ce, c'è la me­mo­ria di fa­ce­book, del web: ognu­no si co­strui­sce la sto­ria co­me gli pa­re».

E do­po 40 an­ni di carriera, qual è il tuo pub­bli­co? «Il mio pub­bli­co li­ti­ga con se stes­so di­ce -, quel­li de­gli an­ni ’70 con quel­li ve­nu­ti do­po. Ho rap­pre­sen­ta­to tut­ti i de­cen­ni del­la mia vi­ta, non so­no re­le­ga­bi­le agli an­ni '70, ma ve­do che tut­ti cre­do­no di es­se­re mio pa­dre o fra­tel­lo: va be­ne, ma io di­co usia­mo la pa­ro­la "ami­co", sen­za fa­re po­le­mi­che. Qual­cu­no rim­pian­ge le can­zo­ni dei '70, ma pen­so che rim­pian­ga i suoi an­ni d'oro quan­do po­te­va cam­bia­re il mon­do e non c'è riu­sci­to. Ogni epo­ca ha la sua can­zo­ne. Io rap­pre­sen­to il mio tem­po, che non si è fer­ma­to nel '70: è og­gi e spe­ro an­che do­ma­ni».

Nei suoi te­sti, spes­so Ven­dit­ti ha sa­pu­to mi­sce­la­re ro­man­ti­ci­smo e po­li­ti­ca, ma se gli si par­la di ap­par­te­nen­za po­li­ti­ca, non ci sta: «Nel­la mia vi­ta so­no anar­chi­co - di­ce - so­no sem­pre sta­to con­tro il po­te­re, di qual­sia­si re­li­gio­ne sia. So­no un lu­po so­li­ta­rio, vi­sio­na­rio an­co­ra og­gi, non de­fi­ni­bi­le. Ho cer­ca­to di te­sti­mo­nia­re la sto­ria, ma sen­za far par­te del­la no­men­kla­tu­ra, con li­ber­tà to­ta­le di cri­ti­ca, co­me un in­tel­let­tua­le do­vreb­be es­se­re. So­lo gli uo­mi­ni li­be­ri pos­so­no far­lo».

DAL FOLK­STU­DIO A OG­GI An­to­nel­lo Ven­dit­ti, qua­rant’an­ni di can­zo­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.