«E que­sti di­co­no di es­se­re no­stri fra­tel­li»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Primo Piano -

Du­ri com­men­ti tra gli abi­tan­ti dei pae­si ter­re­mo­ta­ti

AMA­TRI­CE - Ci sa­reb­be al­tro a cui pen­sa­re che non a una vi­gnet­ta ma­ca­bra e mal­riu­sci­ta, ma Ste­fa­no Be­là pro­prio non ce la fa. La guar­da e la ri­guar­da men­tre gli si ar­ros­sa­no gli oc­chi: «Ba­star­di». Non sa che il web ha da­to fuo­co al­le pol­ve­ri met­ten­do sot­to pro­ces­so Char­lie Hebdo, né che l’am­ba­scia­ta di Fran­cia ha chie­sto scu­sa e che lo stes­so gior­na­le sa­ti­ri­co ha cer­ca­to di ri­pa­ra­re in mo­do sgan­ghe­ra­to con una nuo­va vi­gnet­ta che of­fre «una let­tu­ra po­li­ti­ca» del­la pre­ce­den­te: «Non è que­stio­ne di li­ber­tà di stam­pa, ma di ri­spet­to. E lo­ro non san­no nep­pu­re co­sa sia». Ste­fa­no la not­te del 24 ago­sto ha ti­ra­to fuori dal­le ma­ce­rie la non­na Ade­le, mor­ta. Ora lui se ne sta in una pic­co­la fra­zio­ne di Ama­tri­ce – San Tom­ma­so – con la com­pa­gna e 80 pe­co­re da ac­cu­di­re, dor­me nel­le ten­de da cam­peg­gio con la pic­co­la co­mu­ni­tà di ami­ci che in­sie­me pro­va­no a ri­par­ti­re: «Que­sta sa­reb­be l’eu­ro­pa? Que­sti sa­reb­be­ro i no­stri fra­tel­li fran­ce­si?».

Il Com­mis­sa­rio Va­sco Er­ra­ni, fra una riu­nio­ne e una vi­si­ta a una ten­do­po­li, si fer­ma per di­re la sua. Da due gior­ni de­ve fa­re i con­ti con i vol­ti do­len­ti di chi ha per­so pa­ren­ti, ami­ci, la ca­sa e ma­ga­ri an­che il fu­tu­ro: «E so­no cer­to che que­sta gen­te ve­den­do una vi­gnet­ta del ge­ne­re ab­bia una sof­fe­ren­za ul­te­rio­re». Ed è co­sì. Non bi­so­gna im­ma­gi­na­re che nel­le ten­do­po­li di Ar­qua­ta o di Ac­cu­mo­li o di Ama­tri­ce re­gni la cu­pez­za del lut­to. Sé è pos­si­bi­le si scher­za, ci si can­zo­na a vi­cen­da, il buon umo­re è sem­pre un an­ti­do­to al­la ras­se­gna­zio­ne e una bel­la ri­sa­ta è an­che un mo­do di re­si­ste­re: «Ma co­sì no. Quel­la vi­gnet­ta è un cal­cio in fac­cia a chi già si tro­va di­ste­so a ter­ra, tra­mor­ti­to, e sta cer­can­do la for­za di rial­zar­si» di­ce Set­ti­mio, che ha per­so un fra­tel­lo e che ora de­ve far­si ca­ri­co, ol­tre che dei fi­gli, an­che dei ni­po­ti.

Quel­la vi­gnet­ta, di­co­no co­lo­ro che gli stan­no in­tor­no, re­sti­tui­sce per­fi­no un sen­so di so­li­tu­di­ne: «Ci fa ca­pi­re che chi non sta qui, chi è lon­ta­no e ma­ga­ri ha pian­to da­van­ti al­la tv, non può com­pren­de­re fi­no in fon­do co­sa ac­ca­de al­la vi­ta del­le per­so­ne an­nien­ta­te dal ter­re­mo­to». E al­lo­ra si sen­to­no co­me di­men­ti­ca­ti o, tutt’al più, ge­li­di og­get­ti di qual­che dot­ta di­scus­sio­ne sul sen­so del­la vi­ta e sul­le man­che­vo­lez­ze del­la po­li­ti­ca. Ma ab­ban­do­na­ti al lo­ro de­sti­no per­ché in­tan­to di tra­ge­die è pie­na la sto­ria, que­sta non è la pri­ma e non sa­rà l’ul­ti­ma.

C’è an­che chi al­za le spal­le e se ne fre­ga: «Una vi­gnet­ta in più o in me­no non spo­sta nul­la» sus­sur­ra Fa­biet­to Cin­ca­glio­ni men­tre, fuori dal­la ten­do­po­li di Gri­scia­no, pro­va a far ri­par­ti­re la sua 500 che non vuo­le sa­per­ne: «I no­stri pro­ble­mi so­no al­tri. Non mi cam­bia nien­te la pre­sun­ta sa­ti­ra di quel vi­gnet­ti­sta fran­ce­se, e non mi cam­bia­no nien­te le sue scu­se». La pen­sa­no co­sì in tan­ti, com­pre­si al­cu­ni che a suo tempo in un im­pe­to di com­mos­sa par­te­ci­pa­zio­ne ave­va­no scrit­to su fa­ce­book “Je suis Char­lie”. Chis­sà se lo ri­fa­reb­be­ro an­co­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.