Gli uo­mi­ni dei ban­chi dei pe­gni

Ire­ne Dio­ni­sio di­ri­ge una com­me­dia so­cia­le di ani­me per­du­te nei gi­ri del de­na­ro

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli Cultura - Giu­sep­pe Ghi­gi

C’era­va­mo di­men­ti­ca­ti che esi­ste­va­no i Ban­chi dei pe­gni, ov­ve­ro: il ci­ne­ma se n’era di­men­ti­ca­to, per­ché in tem­pi di cri­si un’uma­ni­tà do­len­te li fre­quen­ta per por­ta­re, ap­pun­to, “Le ul­ti­me co­se”. Ire­ne Dio­ni­sio si è for­ma­ta nel do­cu­men­ta­rio: “A To­ri­no – rac­con­ta – mi so­no im­bat­tu­ta nel ban­co dei pe­gni e nel­la sua den­si­tà di si­gni­fi­ca­to e di vi­ta: in que­sto luo­go l’es­se­re uma­no sem­bra spo­glia­to del­le sue sem­bian­ze na­tu­ra­li, im­po­ten­te”. È la mes­sa in sce­na di un fram­men­to dell’economia rea­le, pic­co­la e quo­ti­dia­na, do­ve nes­su­no è ve­ra­men­te in­no­cen­te, e do­ve al­tret­tan­to nes­su­no è si­cu­ra­men­te vit­ti­ma. A gui­da­re il no­stro per­cor­so è Ste­fa­no, un no­vel­li­no, che dap­pri­ma si stu­pi­rà dei rag­gi­ri e dei pic­co­li traf­fi­ci, ma poi si in­se­ri­rà nel gio­co. Nien­te di de­si­chia­no, o di neo­rea­li­sta, ben­sì una com­me­dia so­cia­le di ani­me per­du­te nel ci­ni­co gio­co del de­na­ro: “Mi so­no chie­sta quan­to e co­me ci mo­di­fi­chi­no i pro­ble­mi eco­no­mi­ci che vi­via­mo eco­no­mi­ca­men­te – di­chia­ra la re­gi­sta – co­sa ci spin­ga a la­vo­ra­re tut­to il gior­no per non pos­se­de­re ve­ra­men­te nul­la. Mi so­no chie­sta quan­to un de­bi­to sia so­prat­tut­to mo­ra­le, cioè con­si­de­ra­to una col­pa”. Un esor­dio che ha le ca­rat­te­ri­sti­che di un ci­ne­ma sen­za il pe­so dei dog­mi del pas­sa­to, che in­trec­cia il do­cu­men­to con la mes­sa in sce­na, e do­ve lo sguar­do del­la re­gi­sta si fer­ma sen­za do­ver giu­di­ca­re. In fon­do, ba­sta ve­de­re quel che ac­ca­de per ca­pi­re.

RE­GI­STA Ire­ne Dio­ni­sio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.