Im­pre­sa Lo­ren­zi, è al ter­zo tur­no

Agli Us Open Fo­gni­ni e Gian­nes­si scon­fit­ti, avan­za la Vin­ci

Il Gazzettino (Pordenone) - - Sport -

NEW YORK - Il 34en­ne Pao­lo Lo­ren­zi ap­pro­da per la pri­ma vol­ta in car­rie­ra al ter­zo tur­no di un tor­neo del Gran­de Slam: agli Us Open sui cam­pi in ce­men­to di Flu­shing Mea­do­ws, a New York, l'az­zur­ro nu­me­ro 40 Atp ha in­fat­ti scon­fit­to il fran­ce­se Gil­les Si­mon, te­sta di se­rie n. 30, per 3-6, 6-2, 6-2, 6-7, 7-6, al ter­mi­ne di una bat­ta­glia di quat­tro ore e 54 mi­nu­ti, ed è co­sì ri­ma­sto an­che l'uni­co a te­ne­re in pie­di il Tri­co­lo­re, vi­ste le con­tem­po­ra­nee eli­mi­na­zio­ni di Fa­bio Fo­gni­ni e Ales­san­dro Gian­nes­si. «Una gran­de sod­di­sfa­zio­ne - ha com­men­ta­to il se­ne­se - Ci ho la­vo­ra­to so­pra tan­to, ma i ri­sul­ta­ti ne­gli Slam non ar­ri­va­va­no. Ora ec­co­mi al ter­zo tur­no, ma du­ran­te il quin­to set mi ve­ni­va da pian­ge­re per quan­to ero stan­co».

Og­gi l'az­zur­ro, già si­cu­ro di aver ot­te­nu­to il suo mi­glior ri­sul­ta­to nel ran­king (è n. 40 e sa­li­rà al­me­no al 35), do­vrà ve­der­se­la con lo scoz­ze­se An­dy Mur­ray, fre­sco vin­ci­to­re al­le Olim­pia­di e an­che a Wim­ble­don, e con­tro il qua­le so­no ne­ga­ti­vi gli uni­ci due pre­ce­den­ti. Il nu­me­ro 2 del mon­do si è im­po­sto sul­lo spa­gno­lo Mar­cel Gra­nol­lers per 6-4, 6-1, 6-4.

Nien­te da fa­re, in­ve­ce, per Fo­gni­ni e Gian­nes­si: il pri­mo (n. 38) non è riu­sci­to a sfa­ta­re il ta­bù Da­vid Fer­rer (mai bat­tu­to nei 9 pre­ce­den­ti) nean­che sta­vol­ta. Lo spa­gno­lo, n. 13 Atp e 11 del see­ding, si è im­po­sto per 6-0, 4-6, 5-7, 6-1, 6-4 do­po tre ore e 25 mi­nu­ti di gio­co. De­ci­si­vo il break sul 3-3 del set de­ci­si­vo ot­te­nu­to dal­lo spa­gno­lo, che poi ha chiu­so 6-4 an­nul­lan­do una pal­la break che avreb­be ri­mes­so in cor­sa l'az­zur­ro. «Smet­tia­mo­la di di­re che sia­mo la Na­zio­na­le più for­te di sem­pre, più ta­len­tuo­sa di sem­pre. Non è ve­ro, dob­bia­mo ren­der­ci con­to di chi sia­mo». Da­ni­lo Gal­li­na­ri chie­de rea­li­smo all'ital­ba­sket, re­du­ce dal­la de­lu­sio­ne del Preo­lim­pi­co: «Non sia­mo nem­me­no tra le più for­ti d'eu­ro­pa, vin­ce­re l’eu­ro­peo sa­reb­be un mez­zo mi­ra­co­lo per­ché al­cu­ne squa­dre so­no dei ve­ri ar­se­na­li. Ci so­no na­zio­na­li net­ta­men­te più for­ti di noi». Gal­li­na­ri, ala dei Den­ver Nug­ge­ts, con­fi­da di «non aver dor­mi­to di­ver­se not­ti» do­po il ko­con la Croa­zia, «la più gran­de de­lu­sio­ne del­la mia car­rie­ra». «So­no in­ca­vo­la­to per­ché que­sta par­ti­ta avrei po­tu­to vin­cer­la ha di­chia­ra­to Fo­gni­ni - ma ho gio­ca­to be­ne e que­sto con­ta mol­to in vi­sta del fi­na­le di una sta­gio­ne dif­fi­ci­le, in cui ho avu­to del­le pau­se a cau­sa di pro­ble­mi fi­si­ci». An­che Gian­nes­si (n. 243) non ce l'ha fat­ta: lo sviz­ze­ro Sta­ni­slas Wa­w­rin­ka (n. 3) ha pre­val­so per 6-1, 7-6, 7-5 in due ore e mez­za di gio­co. «La par­ti­ta l'ave­vo pre­pa­ra­ta nel mo­do giu­sto - ha det­to Gian­nes­si - ho sa­pu­to ge­sti­re l'emo­zio­ne di gio­ca­re in un cam­po pre­sti­gio­so co­me il "Louis Arm­strong" e da­van­ti a tan­ta gen­te. Ol­tre­tut­to ci si è mes­sa an­che la piog­gia ad al­lun­ga­re i tem­pi di at­te­sa».

Tra le don­ne Ro­ber­ta Vin­ci, uni­ca az­zur­ra an­co­ra in cor­sa nel sin­go­la­re, nu­me­ro 8 del mon­do e set­ti­ma fa­vo­ri­ta del see­ding, ha con­qui­sta­to l'ac­ces­so agli ot­ta­vi di fi­na­le su­pe­ran­do la te­de­sca Ca­ri­na Wit­thoeft, nu­me­ro 102 del ran­king mon­dia­le, col pun­teg­gio di 6-0 5-7 6-3, in un'ora 59 mi­nu­ti di gio­co. La Vin­ci con­du­ce­va per 6-0 5-3, poi ha ac­cu­sa­to un pic­co­lo ca­lo, pri­ma di ri­pren­der­si nel ter­zo set.

MA­RA­TO­NA Lo­ren­zi, 5 ore di bat­ta­glia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.