Il Pa­triar­ca: «No a una Ve­ne­zia so­lo per tu­ri­sti ric­chi»

Il pa­triar­ca Mo­ra­glia con­tro il "nu­me­ro chiu­so" : «Cri­ti­ca­bi­li al­cu­ni com­por­ta­men­ti ma bi­so­gna da­re ri­spo­ste ai vi­si­ta­to­ri». E "apre" i chio­stri: «Un luo­go di ac­co­glien­za»

Il Gazzettino (Pordenone) - - Da Prima Pagina - Al­vi­se Spe­ran­dio

Mo­ra­glia: in­ter­ven­ti for­ti per fer­ma­re il de­gra­do ma sen­za nu­me­ro chiu­so. «I chio­stri del­le chie­se pos­so­no ac­co­glie­re vi­si­ta­to­ri». Una mo­schea? «Ci può sta­re, pe­rò ci deve es­se­re re­ci­pro­ci­tà»

Il pa­triar­ca di Ve­ne­zia, Fran­ce­sco Mo­ra­glia, chie­de un in­ter­ven­to sul tu­ri­smo che as­se­dia il cen­tro sto­ri­co la­gu­na­re, ma sen­za nu­me­ro chiu­so: «Vedo mol­to ne­ga­ti­va­men­te un tu­ri­smo eli­ta­rio. Dob­bia­mo fa­re in mo­do che tut­te le per­so­ne, an­che quel­le che han­no disponibilità eco­no­mi­che ri­dot­te, pos­sa­no fa­re una gi­ta a Ve­ne­zia». Il pa­triar­ca pro­po­ne un’idea ori­gi­na­le per i chio­stri: «In cer­ti mo­men­ti pos­so­no es­se­re un luo­go di ac­co­glien­za». Idee chia­re an­che su una pos­si­bi­le mo­schea in cen­tro sto­ri­co: «Ci può sta­re, ma a pat­to che ci sia re­ci­pro­ci­tà».

Sta be­ne at­ten­to a non pro­nun­cia­re mai espres­sio­ni co­me «nu­me­ro chiu­so», «re­go­la­men­ta­zio­ne» o «pre­no­ta­zio­ni». Pe­rò il pa­triar­ca di Ve­ne­zia, Fran­ce­sco Mo­ra­glia, chie­de a gran vo­ce d'in­ter­ve­ni­re sul tu­ri­smo che as­se­dia il cen­tro sto­ri­co la­gu­na­re con il con­se­guen­te de­gra­do: «La no­stra è una real­tà mol­to pic­co­la e il nu­me­ro di vi­si­ta­to­ri che ab­bia­mo sa­reb­be già in­sop­por­ta­bi­le per una cit­tà gran­de co­me Ro­ma. Ri­ten­go che ci vo­glia uno sfor­zo di­ver­so da par­te del­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne per ge­sti­re que­sto flus­so che ren­de fa­ti­co­sa la vi­ta a Ve­ne­zia, ma nel­lo stes­so tem­po fa vi­ve­re Ve­ne­zia. Ci tro­via­mo in que­sta si­tua­zio­ne con­flit­tua­le nel­la qua­le dob­bia­mo cer­ca­re di tro­va­re la qua­dra­tu­ra del cer­chio». LE SO­LU­ZIO­NI - Mon­si­gnor Mo­ra­glia è rien­tra­to da po­chi gior­ni dal pe­rio­do di va­can­za tra­scor­so in fa­mi­glia a Ge­no­va, da do­ve ha se­gui­to con at­ten­zio­ne le cro­na­che esti­ve sul tu­ri­smo ca­fo­ne in cen­tro sto­ri­co. D'al­tra par­te, è so­lo di ie­ri il gri­do d'al­lar­me del suo de­le­ga­to per i be­ni cul­tu­ra­li che ha chie­sto pub­bli­ca­men­te di non usa­re le chie­se co­me bi­vac­chi. E, co­sì, il pa­triar­ca ha de­ci­so di usci­re al­lo sco­per­to e l'ha fat­to a mar­gi­ne del­la vi­si­ta al­la men­sa dei po­ve­ri del­la Ca­sa dell'ospi­ta­li­tà a Me­stre. «Og­get­ti­va­men­te i com­por­ta­men­ti so­no un po’ cri­ti­ca­bi­li. Pen­so an­che che que­ste per­so­ne si muo­va­no nel cal­do e nel­la fa­ti­ca e ab­bia­no bi­so­gno di mo­men­ti di ri­sto­ro e ri­po­so a cui an­dreb­be­ro me­glio ac­com­pa­gna­ti», ha esor­di­to, apren­do poi a una so­lu­zio­ne ori­gi­na­le: «Il chio­stro a vol­te ha un si­gni­fi­ca­to dif­fe­ren­te e non esclu­do che in cer­ti mo­men­ti pos­sa es­se­re un luo­go di ac­co­glien­za». Mo­ra­glia ha pro­se­gui­to nel ra­gio­na­men­to: «La­sce­rei le so­lu­zio­ni tec­ni­che a chi è in gra­do di dar­le, an­che per­ché ve­den­do le dif­fi­col­tà si fa pre­sto a stig­ma­tiz­za­re. Il pro­ble­ma non ha una so­la so­lu­zio­ne, bi­so­gna pe­rò con­vi­ve­re con que­sta real­tà e pen­sa­re di vol­ta in vol­ta quel­le so­lu­zio­ni che ci per­met­ta­no di ade­gua­re una ri­spo­sta che cor­ri­spon­da an­che ai di­ver­si mo­men­ti e tem­pi dell'an­no. Un tu­ri­smo eli­ta­rio lo vedo mol­to ne­ga­ti­va­men­te. Noi dob­bia­mo fa­re in mo­do che tut­te le per­so­ne, an­che quel­le che han­no disponibilità eco­no­mi­che ri­dot­te, pos­sa­no fa­re una gi­ta a Ve­ne­zia a li­vel­lo fa­mi­lia­re, co­me sco­la­re­sca o grup­po di ami­ci. E nel­lo stes­so tem­po dev'es­se­re tu­te­la­to il di­rit­to di chi abi­ta e vi­ve a Ve­ne­zia ad ave­re spa­zi e ser­vi­zi ade­gua­ti. Se è ve­ro che i ser­vi­zi igie­ni­ci in cen­tro sto­ri­co so­no so­lo ot­to (co­me evi­den­zia­to da un'in­chie­sta del Gaz­zet­ti­no, ndr) de­vo­no es­se­re in­cre­men­ta­ti». LE CHIE­SE - A pro­po­si­to di mi­su­re ec­ce­zio­na­li a di­fe­sa del­le chie­se, il pa­triar­ca re­spin­ge ogni ipo­te­si di chiu­su­ra al pub­bli­co e, an­zi, ri­lan­cia l'ap­pel­lo al­la po­li­ti­ca: «La chie­sa è an­zi­tut­to luo­go di cul­to, cioè dell'in­con­tro con Dio. Nel caso di Ve­ne­zia è poi, ma so­lo in se­con­da bat­tu­ta, un gran­de pa­tri­mo­nio di ar­te e ar­chi­tet­tu­ra. È un luo­go do­ve la per­so­na deve sen­tir­si ac­col­ta e a suo agio. Se il flus­so dei tu­ri­sti si fa in­ge­sti­bi­le bi­so­gne­rà ar­ri­va­re non a dei pa­ga­men­ti, ma a pen­sa­re qual­co­sa che per­met­ta di ren­de­re vi­vi­bi­le la cit­tà». LE RELIGIONI - Do­po es­ser­si in­trat­te­nu­to con gli ospi­ti del­la men­sa, con i gior­na­li­sti Mo­ra­glia ha par­la­to a ruo­ta li­be­ra, toc­can­do di­ver­si te­mi d'at­tua­li­tà. Al­la do­man­da sull'op­por­tu­ni­tà di rea­liz­za­re una mo­schea in cen­tro sto­ri­co, ha ri­spo­sto co­sì: «Ser­ve una re­ci­pro­ci­tà non so­lo a pa­ro­le, ma con­cre­ta­men­te in un con­te­sto am­pio e in­ter­na­zio­na­le. Oc­cor­re la­vo­ra­re tut­ti per ri­co­no­scer­si e per da­re a cia­scu­no la pos­si­bi­li­tà di eser­ci­ta­re il di­rit­to di li­ber­tà e co­scien­za che si espli­ci­ta co­me li­ber­tà religiosa». Poi, sul caso del­la gio­va­ne pa­do­va­na Eleo­no­ra Bot­ta­ro, mor­ta di leu­ce­mia do­po aver ri­fiu­ta­to d'ac­cor­do con i ge­ni­to­ri la che­mio­te­ra­pia (di ie­ri il caso ana­lo­go di una donna di Ri­mi­ni), a chi ha par­la­to di at­to d'amore ha re­pli­ca­to: «L'amore è qual­co­sa che si mi­su­ra su pa­ra­me­tri og­get­ti­vi. Quin­di è op­por­tu­na la pru­den­za e bi­so­gna ga­ran­ti­re il me­glio che la scien­za può da­re in que­sto mo­men­to. Bi­so­gna evi­ta­re i de­si­de­ri e le fu­ghe che non han­no ri­scon­tri e do­cu­men­ta­zio­ni scien­ti­fi­ci, al­tri­men­ti si­gni­fi­ca da­re un mes­sag­gio sba­glia­to». LA FA­MI­GLIA - E an­co­ra, sul­le po­le­mi­che le­ga­te al Fer­ti­li­ty day con i con­te­sta­ti ma­ni­fe­sti del mi­ni­stro del­la Sa­lu­te Bea­tri­ce Lo­ren­zin: «Non ho vi­sto la co­mu­ni­ca­zio­ne, pe­rò ri­ten­go che si in­ten­de­va di­re che dob­bia­mo ave­re il co­rag­gio di guar­da­re la vi­ta, aman­do la vi­ta e ge­ne­ran­do. Io cre­do che sia un buon mes­sag­gio. Co­me ogni pro­po­sta la­scia li­be­re le per­so­ne. Cer­ta­men­te, vi­via­mo in una so­cie­tà in cui mol­te vol­te la li­ber­tà del­la donna vie­ne an­che con­di­zio­na­ta, per­ché la donna ha dei tem­pi di fer­ti­li­tà che non so­no pro­cra­sti­na­bi­li. In­ten­do di­re che ci deve es­se­re una po­li­ti­ca più at­ten­ta al­la donna, al­la fa­mi­glia, al­la ge­ne­ra­zio­ne e nel­lo stes­so tem­po que­sto non vuol di­re non ri­spet­ta­re la li­ber­tà del­la per­so­na. La no­stra so­cie­tà ha bi­so­gno di ri­sco­pri­re il mes­sag­gio del­la vi­ta e di ge­sti­re il be­ne co­mu­ne. Quin­di la po­li­ti­ca è in ter­mi­ni ri­spet­to­si del­la li­ber­tà del sin­go­lo, ma man­da un mes­sag­gio im­por­tan­te: che l'aper­tu­ra al­la vi­ta è qual­co­sa che ar­ric­chi­sce». In­fi­ne, sul­la mo­bi­li­ta­zio­ne per i ter­re­mo­ta­ti e la col­let­ta in­det­ta dal­la Cei per do­me­ni­ca 18 set­tem­bre, il pa­triar­ca Mo­ra­glia ha sot­to­li­nea­to: «Le no­stre co­mu­ni­tà so­no mol­to at­ten­te e sen­si­bi­li, so­no con­vin­to che ci sa­rà una ri­spo­sta che cor­ri­spon­de al­la sof­fe­ren­za di que­ste per­so­ne co­sì pro­va­te in que­sto mo­men­to».

«Ba­gni pub­bli­ci da in­cre­men­ta­re»

INVASIONE Tu­ri­sti in co­da per vi­si­ta­re il cam­pa­ni­le di San Mar­co e, nel ton­do, il pa­triar­ca Fran­ce­sco Mo­ra­glia

IN MEN­SA Il pa­triar­ca Fran­ce­sco Mo­ra­glia ie­ri al­la ca­sa dell’ospi­ta­li­tà

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.