Il Pa­pa di Sor­ren­ti­no spie­ta­to e rea­zio­na­rio

Il Pio XIII in­ter­pre­ta­to da Ju­de Law fu­ma, vie­ta le fo­to e in­vei­sce con­tro i fe­de­li Il re­gi­sta: il Vaticano aspet­ti per giu­di­ca­re, pon­te­fi­ci con­ser­va­to­ri po­treb­be­ro tor­na­re

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura - Al­da Van­zan

Un Pa­pa che fu­ma. Che man­gia po­chis­si­mo e a co­la­zio­ne vuo­le so­lo Co­ca Co­la Cher­ry Light. Che so­gna la sua pri­ma pre­di­ca in cui in­vi­ta a ma­stur­bar­si ed è fa­vo­re­vo­le ai ma­tri­mo­ni gay. Che non vuo­le mo­strar­si: “Mi so­no al­le­na­to tut­ta la vi­ta per es­se­re un Pa­pa in­vi­si­bi­le”. Che am­mu­to­li­sce i fe­de­li do­po aver­li con­vo­ca­ti in piaz­za San Pie­tro al­le no­ve di se­ra, co­sì da of­fri­re so­lo la sua sa­go­ma che si sta­glia nel buio. E che in­vei­sce con­tro il suo greg­ge: “Non so se mi me­ri­tia­te”. Un Pa­pa che cer­ca di ri­bal­ta­re i grup­pi di po­te­re in­ter­ni al Vaticano, co­sì co­me le pra­ti­che com­mer­cia­li del­la San­ta Se­de ri­fiu­tan­do di far stam­pa­re la pro­pria fac­cia su ac­cen­di­ni, ro­sa­ri, taz­ze, piat­ti da ven­de­re a 5 piut­to­sto che a 45 euro. Ma so­prat­tut­to un Pa­pa ul­tra­con­ser­va­to­re che li­cen­zia il re­spon­sa­bi­le del cle­ro per­ché omo­ses­sua­le.

So­no so­lo le pri­me due del­le die­ci pun­ta­te che si ve­dran­no dal 21 ot­to­bre su Sky Atlan­tic, ma The Young Po­pe, que­sto Gio­va­ne Pa­pa del pre­mio Oscar Pao­lo Sor­ren­ti­no pre­sen­ta­to in pri­ma mon­dia­le ie­ri al­la Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia co­me evento spe­cia­le fa già di­scu­te­re. Spiaz­zan­te. Pro­vo­ca­to­rio. Po­ten­te. Co­me la se­quen­za di aper­tu­ra gi­ra­ta in piaz­za San Mar­co a Ve­ne­zia do­ve da una pi­ra­mi­de di neo­na­ti piaz­za­ta da­van­ti al­la ba­si­li­ca sbu­ca Len­ny Be­lar­do già nei pan­ni di Pio XIII, il pri­mo pon­te­fi­ce ame­ri­ca­no. Che è gio­va­ne, bel­lo (e in una sce­na ap­pa­re nu­do, di schie­na, sot­to la doc­cia) e ha gli oc­chi blu di Ju­de Law. Ma è an­che spie­ta­to, al pun­to da far vio­la­re il se­gre­to del con­fes­sio­na­le. E sof­fe­ren­te per es­se­re sta­to ab­ban­do­na­to in un or­fa­no­tro­fio dai ge­ni­to­ri, due “figli dei fio­ri” che l’han­no mol­la­to per rag­giun­ge­re Ve­ne­zia, cit­tà che si pre­su­me di­ven­te­rà la me­ta del­la ri­cer­ca (inu­ti­le pe­rò do­man­da­re lu­mi al re­gi­sta: “E’ una se­rie te­le­vi­si­va, non pos­so an­ti­ci­pa­re nien­te”). Cre­sciu­to da Suor Ma­ry, una po­ten­te Dia­ne Kea­ton (l’uni­ca del ca­st a non ca­la­re ie­ri al Li­do per la pri­ma) che lo pen­sa già san­to, Pio XIII si scon­tra su­bi­to con il Se­gre­ta­rio di Sta­to, il car­di­na­le Vo­iel­lo, un Sil­vio Or­lan­do al­la sua pri­ma espe­rien­za re­ci­ta­ti­va in in­gle­se (“Com’è an­da­ta? Mi so­no tro­va­to ma­lis­si­mo, ov­vio: rin­gra­zio i coa­ch per la pa­zien­za”), gran­de ti­fo­so del Na­po­li e gran tes­si­to­re di tra­me sot­to il Cu­po­lo­ne, mes­so pe­rò su­bi­to in un an­go­lo.

Di co­me rea­gi­rà il Vaticano quan­do la se­rie sa­rà tra­smes­sa in tv, a Sor­ren­ti­no po­co in­te­res­sa. An­che per­chè in Sa­la Gran­de ha pre­so set­te mi­nu­ti di ap­plau­si: “E’ un pro­ble­ma del Vaticano, non è un pro­ble­ma mio, an­zi non è nean­che un pro­ble­ma. Se avran­no la pa­zien­za di guar­dar­lo fi­no in fon­do, ca­pi­ran­no che è un la­vo­ro che in­da­ga, con one­stà e cu­rio­si­tà fin do­ve si può, le con­trad­di­zio­ni, le dif­fi­col­tà e le

JU­DE LAW «Ero pre­oc­cu­pa­to ma Pao­lo mi di­ce­va che il Pon­te­fi­ce è sem­pre un uo­mo»

co­se af­fa­sci­nan­ti dei pre­ti e del­le suo­re e di un pre­te un po’ di­ver­so che è il Pa­pa”. Ap­pun­to: vi­ste le pri­me due pun­ta­te (an­che se Sor­ren­ti­no con­si­de­ra l’ope­ra “un lun­go film di die­ci ore”), con Pio XIII che la­scia sbi­got­ti­ti cle­ri e fe­de­li men­tre su piaz­za San Pie­tro si sca­te­na il tem­po­ra­le – per­fet­ta me­ta­fo­ra – la cu­rio­si­tà di sa­pe­re co­sa suc­ce­de­rà do­po e co­me an­drà a fi­ni­re è tan­ta.

Ma per­ché una sto­ria su un Pa­pa rea­zio­na­rio quan­do og­gi al­la gui­da del­la Chie­sa c’è un li­be­ra­le co­me Fran­ce­sco? “Il no­stro Pa­pa, Pio XIII, è dia­me­tral­men­te op­po­sto a quel­lo esi­sten­te – di­ce Sor­ren­ti­no – Ma il no­stro Pa­pa non è inverosimile: do­po un Pa­pa li­be­ra­le po­trem­mo ave­re in un fu­tu­ro non trop­po lon­ta­no un Pa­pa co­me il no­stro”. E per­ché l’ha fat­to fu­ma­re? “Si sa­pe­va che Ra­tzin­ger fu­ma­va. E co­mun­que il mon­do dell’or­fa­no­tro­fio è ca­ri­co di an­sie e può por­ta­re a fu­ma­re”. Det­ta­gli: il car­di­na­le Vo­iel­lo alias Sil­vio Or­lan­do ti­fa Hi­guain che pe­rò non è più del Na­po­li. Ta­glie­rà le sce­ne? Sor­ren­ti­no non si scom­po­ne: “La Chie­sa si oc­cu­pa di fe­de e di tra­di­men­ti, met­te­re Hi­guain con la ma­glia del Na­po­li aiu­ta a man­te­ne­re que­sti due con­cet­ti”. E Ju­de Law co­me si è sen­ti­to nei pan­ni di Pio XIII? “Per me è sta­ta una op­por­tu­ni­tà la­vo­ra­re con Pao­lo. Cer­to, mi pre­oc­cu­pa­va l’idea di ri­co­pri­re que­sto ruo­lo di Pa­pa, ma Pao­lo mi di­ce­va che era pur sem­pre un uo­mo”.

VE­NE­ZIA Nel­la sce­na ini­zia­le una pi­ra­mi­de

di neo­na­ti in piaz­za San Mar­co

DIA­NE KEA­TON Si­ster Ma­ry, che ac­col­se Len­ny in orfanatrofio e ne di­ven­ta la se­gre­ta­ria ge­ne­ra­le

SIL­VIO OR­LAN­DO Il car­di­nal Vo­iel­lo, Se­gre­ta­rio di Sta­to del Vaticano, gran­de ti­fo­so del Na­po­li.

JU­DE LAW Pio XIII, al se­co­lo Len­ny Be­lar­do, pri­mo pa­pa ame­ri­ca­no

CECILE DE FRAN­CE So­fia, re­spon­sa­bi­le mar­ke­ting del Vaticano, lau­rea­ta ad Har­vard

PAS­SE­REL­LA Pao­lo Sor­ren­ti­no e Ju­de Law ab­brac­cia­ti sul red car­pet

AU­TO­GRA­FI Pao­lo Sor­ren­ti­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.