Più "Pop" che "Po­pe": col­pi di ge­nio e brut­te ca­du­te

Il Gazzettino (Pordenone) - - Spettacoli & Cultura - Giu­sep­pe Ghi­gi

VE­NE­ZIA - Sor­ren­ti­no ha in­ven­ta­to un nuo­vo ge­ne­re di se­rie te­le­vi­si­va: il Po­pe-pop. E’ una for­ma nar­ra­ti­va per il pic­co­lo scher­mo che in­ten­de tra­sfor­ma­re le ico­ne del­la cri­stia­ni­tà in rock­star (e non lo di­cia­mo noi, bensì Ju­de Law nei pan­ni di Pio XIII), me­sco­lan­do in­tri­ghi di cor­te che non de­vo­no ave­re la gran­dez­za di quel­li me­die­va­li bensì il sa­po­re dell’ama­tri­cia­na cu­ci­na­ta da Sil­vio Or­lan­do (che è qui ma sem­bra ap­pe­na usci­to da un film di Mo­ret­ti), il grot­te­sco che at­te­nua ogni pos­si­bi­le rea­li­smo (per ca­ri­tà, non è un bio­pic pa­pa­le!), e mo­men­ti di me­ta­fi­si­ca da pri­ma se­ra­ta.

Giu­sto per non ap­pa­ri­re bla­sfe­mi, si trat­ta pur sem­pre di un Pa­pa e non si scher­za coi san­ti, il Po­pe-pop ap­pa­re co­me un og­get­to in­con­sue­to per es­se­re de­sti­na­to a col­lo­car­si su Sky co­me se­rie di die­ci ore (chis­sà co­sa ca­pi­te­rà in se­gui­to) e quin­di tan­to di cap­pel­lo per la sua ano­ma­lia che con­ser­va i mi­glio­ri e i peg­gio­ri trat­ti di un re­gi­sta di in­dub­bio ta­len­to.

Sor­ren­ti­no sem­pre più nel tem­po co­niu­ga mo­men­ti di au­ten­ti­co ci­ne­ma di vi­sio­ne a sca­den­ti bra­ni di biz­zar­ria sen­za co­strut­to; il pro­ble­ma è che non sa de­ci­der­si: vuol far­ci ri­de­re, pen­sa­re, ve­de­re, es­se­re se­rio e fa­ce­to, ma la mayo­ne­se a vol­te im­paz­zi­sce. E un Pa­pa tra­sfor­ma­to in sal­sa an­da­ta a ma­le è una bla­sfe­mià.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.